Erbology
Amaranto vs quinoa: qual è la scelta più sana?

Amaranto vs quinoa: qual è la scelta più sana?

Team ErbologyErbology

Negli ultimi anni siamo stati lieti di vedere aumentare il numero di cereali integrali che appaiono sugli scaffali. Non solo nei nostri negozi di alimenti naturali locali, ma anche nei supermercati tradizionali. È così meraviglioso vedere tutti questi grani antichi sottovalutati fare un ritorno così gradito.

June 16, 2022 3:40 pm

 

Ma con la varietà arriva il dilemma, in particolare quando stiamo tentando di navigare tra i migliori grani per nutrire i nostri corpi dall’interno verso l’esterno. Con così tanta scelta, può essere difficile sapere quale è più adatto a te e quale è la scelta più sana in generale. Abbiamo deciso di fare un po ‘del duro lavoro per te prendendo due dei cereali più popolari per vedere chi vince nella battaglia di amaranto contro quinoa.

Cosa sono l’amaranto e la quinoa?

Come accennato, l’amaranto e la quinoa sono classificati come pseudocereali. Uno pseudocereale è un alimento o un cereale che non appartiene alla famiglia delle graminacee, il che significa che non sono tecnicamente un grano, ma sono indicati come tali.

L’amaranto e la quinoa provengono entrambi da piante che producono frutti o semi che vengono consumati come cereali. Entrambi sono semi, ma la loro consistenza e consistenza significa che replicano con successo i cereali in cucina e cottura, ed entrambi hanno anche un enorme valore nutrizionale.

La storia dell’amaranto


La storia dell’amaranto
è fortemente legata agli Aztechi, che si pensa siano stati coltivati per la prima volta circa 8.000 anni fa.

La parola stessa deriva dal greco, amarantos, che significa “quello che non appassisce”, e il fiore di amaranto era considerato un simbolo di immortalità nell’antica Grecia.

Con questo in mente, i benefici nutrizionali dell’inclusione dell’amaranto nella nostra dieta iniziano certamente ad avere senso.

La storia della quinoa

La quinoa risale a un periodo storico simile all’amaranto, che si ritiene sia stato coltivato per la prima volta circa 5.000 anni fa sul lago Titicaca, al confine tra Bolivia e Perù.

Gli Incas dichiararono sacro il raccolto, riferendosi ad esso come la “madre di tutti i cereali” e tradizionalmente, l’imperatore Inca sarebbe stato colui che avrebbe seminato i primi semi della stagione usando “attrezzi d’oro”.

Pianta resistente, la quinoa è diventata un alimento base del mondo dell’alimentazione salutare, essendo una delle preferite da chi ha bisogno di un’alternativa senza glutine alla farina, oltre ad essere ricca di proteine e
ricca di antiossidanti
.

 

quinoa

Pesarlo – amaranto vs quinoa

In termini di nutrizione, l’amaranto e la quinoa forniscono benefici simili, ma ci sono alcune differenze notevoli.

Per 100 grammi di grano di amaranto cotto:(1)

  • 102 calorie
  • 1,6 g di grassi
  • 16,6 carboidrati netti
  • 2.1g di fibre, totale dietetico
  • 3,8g di proteine
  • 2,1mg di ferro
  • 65mg di magnesio
  • 135mg di potassio

Per 100 grammi di chicco di quinoa cotto(2):

  • 120 calorie
  • 1,9 g di grassi
  • 18,5 carboidrati netti
  • 2,8 g di fibre
  • 4,4 g di proteine
  • 1,49mg di ferro
  • 64mg di magnesio
  • 172mg di potassio

Ciò che è chiaro qui è che
il grano di amaranto
è più basso per 100 grammi in calorie e carboidrati, (buone notizie se sei in deficit calorico). Anche il contenuto di ferro è impressionante. Il ferro è vitale per la produzione di globuli rossi che aiutano a trasportare l’ossigeno in tutto il corpo.

La quinoa, nel frattempo, ti fornisce un po ‘più di proteine per 100 grammi, ma è più alta in calorie. Il suo contenuto di fibre può aiutarti a sentirti pieno più a lungo se sei desideroso di allontanare quelle voglie di spuntini serali dopo cena.

Letture correlate

 

grano di amaranto cotto e crudo

"Entrambi sono una proteina completa, il che significa che contengono tutti gli amminoacidi di cui il nostro corpo ha bisogno. Sono anche entrambi senza glutine, quindi sono sicuri per i celiaci e quelli con intolleranze al glutine".

Quale è più sano scientificamente?

Studiare questi due “grani” fino al dettaglio per capire quale è più sano può sembrare scoraggiante quando sono così simili, in particolare quando si approfondisce la scienza dietro le statistiche.

Gli ampi benefici per la salute di entrambi gli pseudocereali non possono essere negati. Entrambi sono una proteina completa, il che significa che contengono tutti gli aminoacidi di cui il nostro corpo ha bisogno. Sono inoltre entrambi senza glutine, quindi sono sicuri per i celiaci e per quelli con intolleranze al glutine.

Quindi, quale dovresti scegliere quando si tratta di questo? Abbiamo setacciato i dettagli per portarti gli aspetti più importanti di entrambi per aiutare a chiarire la scienza.

La scienza dietro l’amaranto

L’amaranto è particolarmente denso di nutrienti, contenente quasi il doppio della quantità di proteine presenti nel riso o nel mais.

Infatti, i ricercatori dell’Istituto dell’America Centrale e di Panama in Guatemala hanno condotto uno studio comparativo tra la proteina dell’amaranto e la proteina del formaggio.

Hanno concluso che la proteina contenuta nell’amaranto è una delle fonti proteiche vegetali più nutrienti ed è stata considerata paragonabile alle proteine animali(3).

L’amaranto è ricco dell’aminoacido lisina, che supporta la forza muscolare, assimila il calcio ed è una fonte di energia, aiutandoti ad andare più a lungo.

È ricco di fibre alimentari, che promuove una sana funzione digestiva. Contiene anche una vasta gamma di importanti vitamine e minerali che lavorano per sostenere un corpo nutrito in generale e una qualità della vita ottimale.

Questi minerali dietetici includono ferro, necessario per trasportare l’ossigeno attraverso il flusso sanguigno, magnesio, che aiuta a regolare la pressione sanguigna e la glicemia, fosforo per sostenere ossa e denti sani, rame, vitale nella produzione di globuli rossi e manganese, che metabolizza carboidrati e colesterolo, il che significa che può essere utile per chiunque soffra di colesterolo alto.

 

il cibo come medicina

La scienza dietro la quinoa

La quinoa è anche densa di nutrienti e ricca di proteine. Contiene alti livelli di manganese che lavorano per metabolizzare gli amminoacidi. Gli aminoacidi aiutano ad accumulare proteine e trasportano nutrienti vitali in tutto il corpo.

Contiene anche fosforo, che protegge le ossa e i denti, magnesio per la coagulazione del sangue, folato che promuove la creazione di cellule, particolarmente vitale in gravidanza, e vitamina B1, che converte il cibo in energia.

La quinoa ha un basso indice glicemico che aiuta a regolare i livelli di zucchero nel sangue ed è ricca di antioss