Erbology
Benefici per la salute del fungo criniera del leone

Benefici per la salute del fungo criniera del leone

Team ErbologyErbology

Nel profondo delle foreste dell'Asia, del Nord America e dell'Europa, cresce il fungo della criniera del leone. I suoi viticci color crema cadono a cascata sugli alberi caduti, guardando da lontano come i capelli della criniera di un leone, o la fluente barba bianca di un vecchio saggio. È un nuovo arrivato nella medicina occidentale, ma la saggezza tradizionale ha conosciuto i benefici per la salute della criniera del leone per anni. Diamo un'occhiata alle prove scientifiche.

June 16, 2022 3:40 pm

Cos’è il fungo della criniera del leone?

La criniera del leone è un fungo commestibile. È stato usato per secoli nella medicina tradizionale cinese per trattare una serie di problemi di salute. Il suo nome latino è Hericium erinaceus, ma va anche da una grande varietà di nomi creativi in diversi paesi.

Potresti sentirlo chiamare “Fungo del dente barbuto”, “Fungo della testa di scimmia”, “Barba del satiro”, “Fungo del riccio barbuto” o “Fungo Pom Pom”.

In Giappone, la criniera del leone va sotto il nome di “Yamabushitake”, che si traduce in “coloro che dormono in montagna”. Questo è un riferimento a una setta di monaci eremiti chiamati Shugendo che vivono in montagna e indossano lunghe vesti bianche fluenti. (1)

Può essere consumato intero e ha una consistenza delicata che molte persone paragonano ai frutti di mare. È anche ampiamente disponibile come integratore o sotto forma di polvere. → Vedi i prodotti a base di funghi medicinali

Dove cresce la criniera del leone?

I funghi criniera di leone crescono nelle foreste di faggio in Asia, Nord America ed Europa, dove si nutrono di legno morto. Svolgono un ruolo importante nell’ecosistema della foresta raccogliendo sostanze nutritive dal legno degli alberi morti. Quindi li rendono disponibili ad altri organismi, che mangiano il fungo.

Mentre cresce naturalmente nel Regno Unito, la perdita di aree boschive ha lasciato la criniera del leone con un habitat naturale molto ridotto. A causa dei suoi benefici per la salute segnalati, è anche un obiettivo per i raccoglitori. Per questi motivi, è una specie protetta nel Regno Unito, che beneficia del più alto livello possibile di protezione legale. (2)

La scienza moderna sta ora cominciando a riconoscere il suo potenziale. Un certo numero di studi hanno esaminato come questo fungo medicinale potrebbe essere utilizzato nel trattamento medico moderno.

Tuttavia, la maggior parte delle conoscenze disponibili per i benefici per la salute della criniera del leone proviene dalla medicina tradizionale.

 

hericium erinaceus

Uso tradizionale della criniera di leone

Il fungo criniera del leone è stato una caratteristica comune sia nella medicina tradizionale cinese che in quella giapponese. Storicamente, sembra che i praticanti tradizionali pensassero alla criniera di leone come a un buon “tuttofare”, con benefici per tutto il corpo.

Credevano che la criniera del leone nutrisse i cinque organi interni (fegato, polmone, milza, cuore e rene) oltre ad aiutare la digestione, la forza e il “vigore generale”. (3)

La medicina tradizionale cinese raccomanda anche la criniera di leone per trattare la carenza di Qi. Il tuo “Qi” è la tua energia vitale, quindi i sintomi di una carenza di Qi potrebbero includere insonnia e una sensazione generale di debolezza. (3)

I funghi criniera del leone sono particolarmente associati al cervello e alla salute cognitiva. I monaci buddisti potrebbero averli usati come “tonico cerebrale” e per aiutarli a concentrarsi durante lunghi periodi di meditazione. (1)

La moderna ricerca scientifica è stata fatta per cercare di raccogliere dati empirici che dimostrino i benefici per la salute della criniera di leone, sulla base del suo lungo uso tradizionale.

Ecco alcuni dei risultati. → Vedi i prodotti a base di funghi medicinali

Benefici del fungo criniera del leone: salute cognitiva

Una delle aree di studio più promettenti per la criniera del leone è la sua capacità di aiutare con il deterioramento cognitivo.

Una recente revisione di studi “in vivo” ha esaminato gli effetti dell’integrazione delle diete delle persone con funghi medicinali. Gli studi hanno riguardato reishi, cordyceps e criniera di leone e hanno scoperto che questi funghi possono avere un effetto benefico sul deterioramento cognitivo. Gli autori della revisione hanno chiesto ulteriori ricerche per confermare l’effetto. (4)

Uno studio medico giapponese in doppio cieco ha esaminato se la criniera del leone potesse migliorare la funzione cognitiva in uomini e donne tra i 50 e gli 80 anni, a cui era stato diagnosticato un lieve deterioramento cognitivo.

I partecipanti hanno preso una compressa contenente criniera di leone tre volte al giorno per 16 settimane. I ricercatori li hanno poi osservati per altre quattro settimane.

Le persone che avevano assunto la criniera del leone hanno ottenuto punteggi più alti sulla scala della funzione cognitiva rispetto a un gruppo placebo. Gli autori dello studio hanno concluso che i loro risultati suggerivano che la criniera del leone era un trattamento efficace per il decadimento cognitivo lieve. (5)

Letture correlate

 

benefici per la salute della criniera del leone

"I funghi criniera del leone sono particolarmente associati al cervello e alla salute cognitiva. I monaci buddisti potrebbero averli usati come un 'tonico cerebrale' e per aiutarli a concentrarsi durante lunghi periodi di meditazione.

Ha un potenziale come trattamento per la malattia di Alzheimer

Mentre non ci sono ancora prove sufficienti da studi sull’uomo, ci sono anche alcune ricerche promettenti sull’uso della criniera di leone nel trattamento del morbo di Alzheimer.

Si pensa che l’Alzheimer sia causato da depositi di placca amiloide. Questo è costituito da grumi di proteine che si raccolgono tra i neuroni del cervello e impediscono loro di comunicare correttamente. (6)

Uno studio del 2016 ha utilizzato polisaccaridi estratti dalla criniera del leone per affrontare la placca amiloide e vedere se poteva proteggere le cellule dai danni. I ricercatori hanno scoperto che i polisaccaridi avevano effetti neuroprotettivi sui neuroni sotto attacco dalla placca amiloide. (7)

È importante notare che questo esperimento è stato fatto “in vitro” e finora i risultati non sono stati testati sugli esseri umani.

Tuttavia, un altro studio ha esaminato gli effetti della criniera di leone nei topi e ha scoperto che ha aiutato con problemi di apprendimento e perdita di memoria. (8)

Quando si tratta della criniera del leone e del suo uso come trattamento per l’Alzheimer, è molto presto. Molte ricerche devono ancora essere fatte per vedere se questi risultati promettenti possono essere riprodotti negli esseri umani. Tuttavia, le indicazioni iniziali sembrano molto positive. → Vedi i prodotti a base di funghi medicinali

Potrebbe aiutare la digestione e la salute dell’intestino

La medicina tradizionale ha valutato la criniera di leone come un aiuto digestivo. Ora, ci sono dati scientifici a sostegno di questa teoria.

Uno studio sui ratti ha dimostrato che la criniera del leone ha agito come un prebiotico, incoraggiando la crescita di batteri intestinali che promuovono la salute. Lo stesso studio ha dimostrato che il danno tissutale causato dalla malattia infiammatoria intestinale potrebbe essere ridotto prendendo l’estratto di criniera di leone. (9)

Un altro studio ha scoperto che la criniera del leone potrebbe trattare ridurre le ulcere gastriche e intestinali. Le ulcere peptiche sono spesso causate da batteri Helicobacter pylori , che indeboliscono il rivestimento dello stomaco e possono portare al proprio acido dello stomaco causando perforazioni e sanguinamento. È una condizione spiacevole che causa dolore nella zona dello stomaco.

Lo studio ha scoperto che la criniera del leone era in grado di ridurre le dimensioni delle ulcere nei ratti e anche di proteggere dalle lesioni della mucosa gastrica. (10)

Benefici della criniera del leone per la depressione

Poiché la criniera del leone ha un potenziale così buono per migliorare la salute del cervello, non è una sorpresa sapere che viene studiata per i suoi effetti sul disturbo depressivo.

Uno studio del 2019 ha esaminato se i sintomi di depressione, ansia e abbuffate potessero essere ridotti prendendo la criniera del leone. I 77 partecipanti soffrivano tutti di un disturbo dell’umore o del sonno ed erano tutti in sovrappeso o obesi. Come parte dello studio, sono stati sottoposti a una dieta ipocalorica.

Lo studio ha scoperto che l’assunzione di criniera di leone per otto settimane ha ridotto la depressione, l’ansia e i disturbi del sonno. Ha anche migliorato la qualità del sonno e i disturbi dell’umore legati all’ansia e alla depressione. (11)

Uno studio successivo del 2020 ha scoperto che i composti bioattivi trovati nella criniera del leone erano in grado di imitare in qualche modo l’effetto dei farmaci antidepressivi convenzionali. (12)

Questi composti sono stati in grado di supportare il neurotrasmettitore e i sistemi neuro-endocrini, aiutare il cervello a formare nuovi neuroni e proteggere dallo stress ossidativo e dall’infiammazione. (12)

Mentre sono necessarie ulteriori ricerche per confermare l’uso della criniera di leone come antidepressivo, sembra che potrebbe essere in grado di offrire un’alternativa naturale ai farmaci antidepressivi, senza fastidiosi effetti collaterali. → Vedi i prodotti a base di funghi medicinali

 

benefici della criniera del leone

La criniera del leone è un antiossidante

Prendere la criniera del leone può aiutare a proteggere le cellule del corpo dallo stress ossidativo.

Le normali funzioni del metabolismo producono radicali liberi. Queste sono piccole molecole instabili che possono sfrecciare intorno al tuo corpo, causando danni alle cellule e malattie.

È perfettamente normale averne alcuni nel tuo sistema. Fortunatamente, il tuo corpo di solito può neutralizzarli prima che causino danni significativi.

Tuttavia, fattori ambientali come il fumo e l’inquinamento possono significare che più radicali liberi sono presenti nel tuo corpo e il tuo sistema diventa squilibrato. Questo è chiamato “stress ossidativo”.

Mangiare cibi contenenti antiossidanti può aiutare il tuo corpo ad affrontare questi radicali liberi extra. Ci sono molti diversi tipi di antiossidanti in diversi alimenti e funzionano in modi diversi. Tuttavia, tutti hanno l’effetto di proteggerti dallo stress ossidativo e dalle successive malattie.

Uno studio del 2019 ha rilevato che gli estratti prelevati dalla criniera del leone hanno avuto un effetto neuroprotettivo nei topi, grazie alla loro capacità di ridurre il numero di radicali liberi. Hanno anche ridotto il livello di ossido nitrico nel cervello dei topi, che a sua volta ha avuto un effetto antinfiammatorio. (13)

Benefici per la salute della criniera del leone

Sembra che la moderna ricerca scientifica stia iniziando a dimostrare i benefici per la salute della criniera di leone, specialmente quando si tratta di salute cerebrale e cognitiva.

Mentre la maggior parte della ricerca disponibile sulla criniera del leone è attualmente basata su esperimenti “in vitro” o test sugli animali, i risultati sembrano davvero molto promettenti.

Sembra certamente esserci un legame tra il consumo di criniera di leone e un certo livello di protezione contro le malattie del cervello, come la demenza, la depressione e il deterioramento cognitivo. Tuttavia sono necessari ulteriori studi sugli esseri umani prima di poter essere assolutamente sicuri.

Ci sono anche prove che può aiutare a sostenere la salute dell’intestino. Sembra anche funzionare come un potente antiossidante, proteggendoti dallo stress ossidativo e da alcune forme di malattia.

Non sei sicuro di come prendere la criniera del leone? È facile da prendere sotto forma di tè, polvere o mescolato in zuppe, stufati e frullati. Se stai pensando di provarlo, non dimenticare di scegliere un prodotto biologico per evitare che sostanze chimiche o pesticidi si facciano strada nel tuo cibo.

La nostra polvere di criniera di leone è al 100% biologica e naturale e rappresenta un’aggiunta conveniente e salutare alle tue ricette preferite.

Letture correlate

Sign up to Erbology updates and get a surprise.

By subscribing you agree to our Terms and Privacy Policy.

Invite & Earn

X
Signup to start sharing your link
Signup