Erbology
Cinque straordinari benefici della curcuma

Cinque straordinari benefici della curcuma

Team ErbologyErbology

La curcuma è stata usata in India per secoli. Sia il cibo che la medicina, gran parte di ciò che è straordinario sui benefici della curcuma è dovuto alla curcumina.

June 22, 2020 12:00 pm

Cos’è la curcuma?

La curcuma è una spezia giallo-arancio brillante. È stato usato in India per migliaia e migliaia di anni per cucinare, guarire e nelle cerimonie religiose.

A causa del suo bel colore, la curcuma è talvolta chiamata “zafferano indiano” o “la spezia dorata”. Ma questi due nomi extra non sono nulla in confronto al minimo di 53 nomi diversi che passa in sanscrito! Questo significa quanto sia essenziale la spezia per la cultura da cui è nata.

Dall’India, la curcuma si è diffusa in molte altre regioni del mondo, dove è un ingrediente prezioso nel cibo, nella medicina e nella spiritualità. In effetti, il famoso esploratore Marco Polo lo incontrò durante i suoi viaggi.

La pianta che ci dà la curcuma in realtà nasconde la parte nutriente nel terreno. Il rizoma, o gambo sotterraneo, della pianta di curcuma ha una polpa morbida e arancione all’interno. È qui che otteniamo la curcuma. È un membro della famiglia dello zenzero.

 

Letture correlate

Cos’è la curcumina?

Si pensa che molti dei benefici della curcuma siano dovuti a un polifenolo chiamato curcumina.

La curcumina è un composto molto bioattivo. Agisce come antiossidante, antinfiammatorio, antimicrobico, antisettico e analgesico. (1)

Ci sono circa 200 milligrammi di curcumina in un cucchiaino di curcuma. Molti operatori sanitari raccomandano di assumere almeno 500 milligrammi, e probabilmente di più, per accedere ai benefici per la salute di base. Un’altra scusa per aggiungere un cucchiaio alla tua ricetta al curry!

Abbinamenti di curcumina

Curcuma e pepe nero non sono solo una fantastica combinazione di sapori; pepe nero può effettivamente aiutare ad assorbire la curcumina dalla curcuma.

Questo perché il pepe nero contiene un composto piperina che sembra aiutarci a ottenere il massimo dalla nostra curcumina.

La curcumina è anche solubile nei grassi, quindi è una buona idea includere grassi sani, come oli di alta qualità, quando si consuma la curcuma.

I latti vegetali grassi sono un’altra buona opzione, soprattutto considerando il fascino di un latte alla curcuma riscaldante. Una parola di cautela però; è meglio crearne uno tuo. Le miscele di latte alla curcuma acquistate in negozio possono essere cariche di zucchero, grassi trasformati o conservanti, il che mina piuttosto i benefici per la salute della spezia.

Ora, sul perché la curcuma è così buona per te.

  1. La curcumina nella curcuma è antinfiammatoria a livello molecolare

L’infiammazione è una funzione biologica naturale e necessaria. È il modo in cui i nostri corpi rispondono alle minacce esterne.

Tuttavia, quando l’infiammazione si verifica per le ragioni sbagliate all’interno del nostro corpo, può diventare pericolosa.

L’infiammazione è alla base di tali condizioni potenzialmente letali come malattie cardiache e ictus. È anche legato a condizioni autoimmuni come il lupus.

Diversi studi hanno osservato che la curcumina corrisponde ad alcuni farmaci nelle sue capacità antinfiammatorie. Inoltre, molti di questi studi sono stati condotti sugli esseri umani piuttosto che in laboratorio o sugli animali. Ciò significa che i loro risultati hanno applicazioni chiare.

Inoltre, uno studio di laboratorio ha identificato diversi tipi di molecole coinvolte nell’infiammazione che sono influenzate dalla presenza di curcumina. (2) Ciò significa che la curcumina agisce sull’infiammazione a livello molecolare, piuttosto che agire semplicemente sui sintomi risultanti.

La curcumina funziona anche per abbassare i livelli di istamina. Le istamine sono composti che aumentano il flusso sanguigno. Questo quindi provoca infiammazione. (3)

A causa di quanto sia efficace la curcumina contro l’infiammazione, può anche funzionare contro le malattie in cui l’infiammazione gioca un ruolo, come l’artrite e la pancreatite. (4)

  1. La curcumina nella curcuma è un potente antiossidante

Una meta-analisi di sette studi randomizzati controllati ha esaminato gli effetti della curcumina su diversi parametri dello stress ossidativo. La curcumina ha avuto un successo significativo riducendo tutti i parametri.

Un altro studio confronta l’attività antiossidante della curcumina con le vitamine C ed E.(5) Questo è degno di nota, dato che le vitamine C ed E sono due delle vitamine antiossidanti più potenti.

Dato che il nostro stile di vita moderno ci espone a molti fattori di stress che possono aumentare la probabilità di danno ossidativo, si può capire perché un potente ossidante come la curcumina ha molto fascino.

  1. La curcuma (e la curcumina) è antimicrobica

Microrganismi come batteri, funghi, virus e parassiti causano molte malattie e diffondono infezioni. Mettono a dura prova il nostro sistema immunitario, che combatte costantemente gli agenti patogeni che respiriamo, tocchiamo o mangiamo.

Le sostanze antimicrobiche aiutano il nostro corpo a scongiurare i microrganismi e a sviluppare resistenza a livello cellulare. In breve, sono una mano d’aiuto per il nostro sistema immunitario assediato.

Ad esempio, uno studio ha esaminato come l’olio di curcuma funziona esternamente contro 25 diversi funghi. La crescita di 19 tipi è stata inibita.

La curcumina è anche antimicrobica a sé stante, mostrando efficacia contro altri tipi di microrganismi. (1)

  1. La curcumina nella curcuma è efficace contro la depressione

La depressione è in aumento a livello globale secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Inoltre, molti farmaci usati per trattare la depressione hanno effetti collaterali o pericoli intrinseci di dipendenza.

Di conseguenza, molti di noi si rivolgono a pratiche di benessere per sostenere la salute mentale (e in effetti fisica).

Un’area che ha attirato l’attenzione è come la nostra dieta può aiutarci ad affrontare gli squilibri nel nostro sistema. Diversi studi hanno suggerito che la curcumina può fare proprio questo. (6) In uno studio, la curcumina ha aumentato i livelli di serotonina, dopamina e noradrenalina, o ormoni del benessere. (7)

È importante dire che il benessere è qualcosa che dovrebbe sempre essere affrontato in modo olistico. Aumentare l’assunzione di curcuma non aiuterà a meno che non faccia parte di un impegno generale per una dieta sana, un sacco di esercizio fisico e un sonno di buona qualità. Se li hai già in mano, però, la curcuma potrebbe essere un’aggiunta gradita.

  1. Curcumina e curcuma beneficiano la pelle

Curcuma e curcumina possono anche lavorare sulla nostra pelle.

Molte persone consumano curcuma per aiutare a guarire i disturbi della pelle come la psoriasi e l’eczema dall’interno verso l’esterno. Mentre ci sono molte prove aneddotiche da parte di utenti felici che hanno visto risultati, ci sono anche alcune prove scientifiche a sostegno dell’uso della curcuma in questo modo.

Le citochine del TNF sono secrete dal sistema immunitario e possono influenzare la psoriasi e altri disturbi della pelle. Uno studio suggerisce che la curcumina è efficace contro l’espressione delle citochine del TNF. (8)

Inoltre, le proprietà antinfiammatorie e antiossidanti della curcuma possono aiutare a sostenere la salute della pelle e la luminosità naturale. Prova una semplice maschera per il viso fatta in casa di curcuma, yogurt bianco, miele e aceto di sidro di mele per scatenare il tuo bagliore interiore.

Tuttavia, poiché alcune persone reagiscono alla curcuma sulla pelle, è meglio testarla sul braccio prima di applicarla sul viso. Potresti anche voler evitare di usarlo immediatamente prima di un nuovo colloquio di lavoro, poiché la curcuma può macchiare temporaneamente la pelle!

Un altro uso tradizionale della curcuma in Pakistan e Afghanistan è quello di pulire le ferite e aiutare a guarirle. La procedura è quella di mettere la curcuma su un pezzo di stoffa bruciata. Il panno viene messo sulla ferita.

Molti altri paesi dell’Asia meridionale usano anche la curcuma come antisettico per lesioni cutanee minori.

 

Letture correlate

Come reperire curcuma e curcumina

Se stai cercando di sperimentare alcuni di questi fantastici benefici per la salute per te stesso, una polvere di curcuma di buona qualità o curcuma cruda grattugiata è perfetta per il compito. Ancora meglio, grazie al recente aumento della domanda, puoi trovarli in alcuni supermercati più grandi o visitare un negozio di alimentari asiatico.

E ricorda, la polvere di curcuma cruda e la radice sono più vicine alla natura rispetto agli integratori. È nostra convinzione che ottenere i benefici di una pianta direttamente dalla fonte sarà sempre meglio per te che andare per un integratore.

In altre parole, come afferma così magnificamente l'Ayurveda, idealmente il cibo è medicina e la medicina è cibo. Gli integratori non sono cibo".

 

Ecco alcune cose a cui prestare attenzione quando acquisti la curcuma:

  • È biologico? Assicurati che durante la lavorazione non siano stati utilizzati additivi o ingredienti geneticamente modificati (OGM) e che l’azienda da cui acquisti sia stata certificata biologica. Ciò significa che hanno aderito a standard biologici adeguati, piuttosto che usare la parola “biologico” come strumento di marketing.
  • È crudo al 100% e fatto da rizomi puri? Per sentire i benefici della curcuma, è meglio procurarsela con il minor trattamento possibile.
  • Riesci a vedere la quantità di curcumina? Essere consapevoli del fatto che la curcuma indiana è considerata la migliore al mondo, con le più alte riserve di curcumina. Tuttavia, come sempre, c’è una variazione di qualità anche nei migliori. Una buona regola empirica è quella di cercare la curcuma dove la quantità minima di curcumina è annotata sull’etichetta. 5g di curcumina per 100g di curcuma in polvere è fantastico!

Un’ultima considerazione che ci piace aggiungere ogni volta che facciamo acquisti è se l’imballaggio del prodotto è riciclabile o compostabile.

Ricette di tè alla curcuma e altre idee su come usare la curcuma

La curcuma è un ingrediente molto facile e versatile per la tua cucina. Aggiungilo alle tue uova strapazzate, frullati e zuppe. Utilizzare in curry e stufati. Fai un latte dorato alla curcuma mescolando curcuma in polvere, zenzero in polvere, qualsiasi latte e miele crudo. Noce moscata, cannella e cardamomo sono facoltativi ma deliziosi!

Potresti provare un semplice lassi allo zenzero-curcuma con yogurt a base vegetale. Aggiungi a risi e cereali per sapore e un bel colore, seguendo l’esempio di cuochi in varie parti dell’Asia e dell’Africa.

Molti prodotti da forno, barrette energetiche e frittelle sono deliziosi con curcuma e altre spezie, dolci o salate, come quelle utilizzate con la curcuma nel latte dorato. È facile preparare una deliziosa pasta di latte dorato con curcuma, latte di cocco e spezie come zenzero, cannella, noce moscata, chiodi di garofano e l’obbligatorio pepe nero.

Tieni per fornello e cucchiaio in qualsiasi cosa tu stia facendo e nel tuo latte dorato, dolcificando con un po ‘di sciroppo d’acero se necessario.

Soprattutto, il tè alla curcuma è il classico. Il calore rende la curcumina più biodisponibile e il tè è facile e salutare da bere durante il giorno. Ha un sapore delizioso e purificante. Ecco una ricetta molto semplice per il tè alla curcuma di base; adattare, esplorare e aggiungere ad esso a vostro piacimento.

Ricetta del tè alla curcuma

In primo luogo, preparare due tazze di acqua bollente. In secondo luogo, mescolare in due cucchiaini di polvere di curcuma. Spremere in uno spicchio di limone. Aggiungere un cucchiaio di miele crudo. Macinare un po ‘di pepe nero fresco. Questo è tutto!

 

benefici della curcuma

Curcuma negli usi tradizionali

In Ayurveda, la curcuma è calda, leggera e secca. Dato il suo sapore, sembra una denominazione logica.

L’elenco dei benefici della curcuma nella tradizione ayruvedica è ampio, che va dalla promozione dell’ovulazione nelle donne alla liquefazione dei calcoli biliari e all’espulsione dei vermi. È anche legato alla costruzione di energia fisica.

Ma non è solo la medicina ayurvedica che valorizza la curcuma. La radice è presente anche nella medicina tradizionale cinese (MTC) e nella guarigione Unani. Il sistema di medicina alternativa Unani ha origine nell’antica Grecia, ma ora appare principalmente in India.

Curcuma effetti collaterali

La curcuma è ampiamente utilizzata sia in cucina che per scopi di salute. La maggior parte delle persone non segnala alcun effetto collaterale. Tuttavia, è importante conoscere quelli rari che appaiono.

La curcuma contenente fino a 8 g di curcumina può essere assunta ogni giorno per un massimo di due mesi. Nel frattempo, la curcuma con una quantità inferiore di curcumina (3g) può essere taen per un massimo di tre mesi.

Troppa curcuma può causare vertigini, diarrea e nausea in alcune persone. Può anche irritare la pelle.

Alcune persone sono allergiche alle applicazioni esterne della curcuma e all’ingestione di curcuma.

In caso di gravidanza, l’assunzione di curcuma in quantità normali all’interno del cibo dovrebbe andare bene. Tuttavia, stare lontano dal prendere più di quello durante la gravidanza o l’allattamento al seno è più saggio in quanto così tanto è sconosciuto.

C’è anche una registrazione di qualcuno che sperimenta un intenso battito cardiaco aritmico dopo aver assunto oltre 3.000 mg di curcuma al giorno. Questo è un dosaggio estremamente alto. Sicuramente non lo consigliamo! Un buon esempio del perché dovresti prendere le erbe medicinali con cura.

Curcuma e condizioni mediche e farmaci esistenti

Come sempre, dovresti consultare un medico se stai assumendo curcuma o curcumina in forma di supplemento, in particolare se stai già assumendo farmaci.

La curcumina può rallentare la coagulazione del sangue, quindi non prenderla se stai assumendo anche farmaci anticoagulanti come l’aspirina o l’ibuprofene. Questo è anche rilevante per le persone con una storia di problemi di sanguinamento, o durante le settimane intorno all’intervento chirurgico.

La curcuma può aggravare specifiche condizioni di salute. Questi includono problemi alla cistifellea, diabete, malattia da reflusso gastro-esofageo, infertilità maschile e carenza di ferro. Inoltre, la curcumina a volte agisce come estrogeno all’interno del corpo. Per questo motivo, può migliorare alcune condizioni che sono sensibili agli ormoni, ma complicano altre.

Ancora una volta, molto dipende dalle condizioni individuali e ogni situazione dovrebbe essere affrontata in modo diverso. È qui che entrano in gioco opinioni mediche esperte e individualizzate.

Riepilogo dei benefici della curcuma

  • Antinfiammatorio
  • Antiossidante
  • Buono per la pelle e per la guarigione di tagli minori
  • Antimicrobico
  • Può aiutare nella regolazione della depressione

 

Ciotola di Buddha con olio di semi neri

Letture correlate

Sign up to Erbology updates and get a surprise.

By subscribing you agree to our Terms and Privacy Policy.

  • References

    (1) Nagpal, Monika e Sood, Shaveta. “Ruolo della curcumina nella salute sistemica e orale: una panoramica”, Journal of Natural Science, Biology and Medicine, 2013.

    (2) Chainani-Wu, Nita, “Safety and Anti-Inflammatory Activity of Curcumin: A Component of Tumeric (Curcuma Longa)”, The Journal of Alternative and Complementary Medicine, 2003.

    (3) Ammon et al, “Meccanismo di azioni antinfiammatorie della curcumina e degli acidi boswellici”, Journal of Ethnopharmacology, 1993.

    (4) Jurenka, Julie S, “Proprietà antinfiammatorie della curcumina, un importante costituente della Curcuma Longa: una revisione della ricerca preclinica e clinica”, Revisione della medicina alternativa, 2009.

    (5) Toda et al, “Antiossidanti naturali. III. Componenti antiossidanti isolati dal rizoma della Curcuma Longa L”, Bollettino Chimico e Farmaceutico, 1985.

    (6) Sanmukhani et al, “Efficacia e sicurezza della curcumina nel disturbo depressivo maggiore: uno studio controllato randomizzato”, Phytotherapy Research, 2013.

    (7) Xu et al, “Gli effetti della curcumina sui comportamenti depressivi nei topi”, European Journal of Pharmacology, 2005.

    (8) Aggarwal et al, “Curcumina: un bloccante biodisponibile per via orale di TNF e altri biomarcatori pro-infiammatori” British Journal of Pharmacology, 2013.

    Crediti fotografici: Andy Holmes, Valentin Balan, Anas Alhajj, David Mao

Invite & Earn

X
Signup to start sharing your link
Signup