Erbology
Come testare l'intolleranza al glutine

Come testare l'intolleranza al glutine

Team ErbologyErbology

C'è molto clamore intorno ai prodotti senza glutine e miti sugli effetti del glutine sulla salute, ma per quelli di noi che sono sensibili al glutine, come si fa a testare l'intolleranza al glutine?

June 06, 2022 9:14 pm

Cos’è il glutine

Cereali come grano, orzo e segale contengono una proteina naturale chiamata glutine. Molti alimenti come pane, pasta, pizza e la maggior parte dei prodotti da forno contengono glutine. Il glutine funge da legante negli alimenti, essenzialmente tenendoli insieme. Pensate alla consistenza elastica dell’impasto della pizza o al rimbalzo elastico di una pagnotta di pane: tutto questo grazie al glutine!

La cottura sarebbe molto diversa senza glutine. Infatti, al giorno d’oggi chef e panettieri di tutto il mondo hanno imparato l’arte della cottura senza glutine a causa dell’aumento della domanda di opzioni senza glutine.

Per lo più associamo il glutine al grano, tuttavia altri cereali come farro, semola e farro contengono glutine. L’avena è naturalmente priva di glutine, tuttavia la contaminazione incrociata può portare a tracce di glutine nell’avena. In effetti, l’avena spesso cresce vicino o viene lavorata nelle stesse strutture di altri cereali contenenti glutine. (1)

Intolleranza al glutine vs celiachia

L’intolleranza al glutine è anche indicata come sensibilità al glutine non celiaca o enteropatia sensibile al glutine (GSE). L’intolleranza al glutine si verifica quando si hanno sintomi simili a quelli osservati nella celiachia. Tuttavia, a livello fisiologico le due condizioni si manifestano in modo diverso. Infatti, la celiachia comporta danni intestinali e un attacco da parte del sistema immunitario che porta ad alti livelli di anticorpi. (2)

Inoltre, la celiachia è una malattia genetica. In effetti, tende a funzionare in famiglie, quindi è una malattia autoimmune ereditaria. Questa condizione dura tutta la vita e il trattamento prevede di seguire una dieta rigorosamente priva di glutine. La celiachia si verifica quando il corpo reagisce al glutine come una tossina e le cellule immunitarie reagiscono in modo eccessivo e lo attaccano.

Se una persona ha la celiachia e non ne è consapevole e continua a mangiare glutine, questo può portare a infiammazione e una serie di sintomi indesiderati. Infatti, la celiachia si manifesta tipicamente attraverso sintomi gastrointestinali come diarrea, steatorrea e perdita di peso dovuta al malassorbimento dei nutrienti. Alcune persone non presentano alcun sintomo o possono presentare sintomi extraintestinali (cioè sintomi al di fuori dell’intestino). Questi possono includere anemia, osteoporosi e persino complicazioni neurologiche. Inoltre, la celiachia è una delle malattie genetiche più comuni che colpiscono le persone in tutto il mondo. In effetti, si ritiene che la sua prevalenza sia di circa l’1% della popolazione. (3)

Analogamente alla celiachia, l’intolleranza al glutine si manifesta attraverso sintomi gastrointestinali come gonfiore, gas, diarrea o stitichezza. Tuttavia non è una risposta autoimmune e il corpo non attacca l’intestino come nella celiachia. Questo è ciò che rende un’intolleranza diversa da una condizione autoimmune, anche se i sintomi appaiono molto simili. Questo è anche il motivo per cui è più difficile diagnosticare l’intolleranza al glutine. In effetti, non esiste un esame del sangue specifico per identificare l’intolleranza al glutine.

E l’allergia al grano?

L’allergia al grano è un’allergia a una o più delle proteine presenti nel grano. Una di queste proteine è il glutine, tuttavia ce ne sono altre tra cui: albumina, gliadina e globulina. Gli operatori sanitari possono diagnosticare l’allergia al grano attraverso esami del sangue e una sfida alimentare. Questi sono effettuati rispettivamente da allergologi e dietologi specializzati in allergia. L’allergia al grano è diversa dalla celiachia, che è una risposta specifica solo al glutine. Infatti, i sintomi dell’allergia al grano possono includere orticaria, prurito agli occhi, gonfiore della bocca, crampi e, nei casi più gravi, anafilassi. È più spesso visto nei bambini che fortunatamente superano la condizione dall’età adulta nella maggior parte dei casi. Inoltre, le persone che risultano negative all’allergia al grano possono ancora avere sensibilità al glutine. Pertanto, è importante indagare su tutti i sintomi e le potenziali cause. (4)

Come testare l’intolleranza al glutine?

A differenza della celiachia che può essere identificata attraverso un esame del sangue, non esiste un test diagnostico per l’intolleranza al glutine. Tuttavia, con l’aiuto del medico è possibile identificarlo monitorando i sintomi persistenti ed escludendo la celiachia. Questo può essere fatto tramite un test diagnostico negativo per celiaci.

Alcune persone possono notare un modello di sintomi che assomigliano alla celiachia ma non riescono a risultare positivi alla celiachia. Questo potrebbe essere un segno di intolleranza al glutine. Tuttavia, non è consigliabile auto-diagnosticare la sensibilità al glutine o eliminare il glutine senza prima consultare il dietista o il medico. In effetti, l’eliminazione del glutine non andrà a beneficio della tua salute a meno che tu non sia intollerante ad esso.

Come testare la celiachia?

Il test per la celiachia è qualcosa che dovresti discutere con il tuo medico. I test di routine non sono raccomandati a meno che non si abbiano sintomi della malattia o si sia ad aumentato rischio di svilupparli. Ad esempio, se hai un parente di primo grado con la condizione come un genitore, un fratello o un figlio, potresti essere ad aumentato rischio. Inoltre, alcuni sintomi nei bambini e negli adulti giustificano il test. Questi includono sintomi gastrointestinali persistenti inspiegabili come essere malati, perdita di peso, ulcere della bocca, diabete di tipo 1 e anemia da carenza di ferro inspiegabile.

Il test prevede esami del sangue per identificare se si può avere o meno la condizione, seguita da una biopsia per confermare la diagnosi. Durante il processo di test, è necessario consumare alimenti contenenti glutine per garantire che i risultati del test siano accurati. In effetti, evitare il glutine prima dell’esame del sangue potrebbe portare a un risultato impreciso. Inoltre, non dovresti auto-somministrare una dieta priva di glutine fino a quando la diagnosi di celiachia non è confermata, anche se i risultati degli esami del sangue sono positivi. Se i tuoi esami del sangue mostrano anticorpi della celiachia, il medico ti farà riferimento per ottenere una biopsia per le tue cellule intestinali.

Una biopsia viene eseguita da un gastroenterologo che esaminerà il rivestimento dell’intestino tramite endoscopia. Ciò comporta l’inserimento di un tubo molto piccolo con una luce e una fotocamera alla fine nella bocca e trasmesso nell’intestino. Il medico fornirà un anestetico locale e l’opzione di un sedativo per aiutarti a rimanere calmo durante la procedura e alleviare eventuali nervi. Il medico preleverà un piccolo campione del rivestimento dell’intestino tenue che successivamente esaminerà al microscopio per i segni di celiachia. (5)

Devo evitare il glutine?

Molte persone credono che il glutine sia “malsano” e che mangiare senza glutine sia più sano. A meno che tu non abbia una condizione diagnosticata come l’intolleranza al glutine o la celiachia, in realtà non c’è motivo di evitare il glutine nella tua dieta. Tuttavia, è opinione diffusa che evitare il glutine possa risolvere problemi di stomaco e digestivi. In effetti, uno studio recente ha rilevato che le persone con sindrome dell’intestino irritabile (IBS) hanno maggiori probabilità di evitare il glutine rispetto alle persone senza IBS. Tuttavia, vi è una mancanza di chiare prove scientifiche per determinare le linee guida appropriate per l’IBS e l’esclusione dei gruppi alimentari a seguito dell’autodiagnosi può portare a effetti potenzialmente dannosi. (6)

In effetti, uno studio su quasi 200.000 persone senza celiachia ha scoperto che l’evitamento del glutine è associato ad un aumentato rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che gli individui che evitano il glutine evitano anche le fibre di cereali e altri nutrienti che contribuiscono a un