Erbology
Cosa sono gli adattogeni e i loro benefici per la salute?

Cosa sono gli adattogeni e i loro benefici per la salute?

Team ErbologyErbology

Una pianta che può darti una sferzata di energia o aiutarti a rilassarti? Sembra quasi troppo bello per essere vero, ma alcune piante possiedono la straordinaria capacità di adattarsi esattamente a ciò di cui i nostri corpi hanno bisogno in quel momento. Questi sono chiamati adattogeni - e ci sono molte ragioni per cui potresti volerli aggiungere alla tua dieta.

June 07, 2020 11:02 am

Cos’è un adattogeno?

Uno scienziato russo, Lazarev, ha coniato la parola “adattogeno” nel 1950. Il termine riunisce piante ed erbe che sono state utilizzate in medicina per molte, molte migliaia di anni. Tuttavia, non hanno mai davvero ottenuto il riconoscimento che meritano in Occidente – fino a poco tempo fa.

In breve, un adattogeno è un composto che può intervenire nella reazione allo stress e alterarla. (1)

Tuttavia, ci sono alcuni altri criteri che una pianta deve soddisfare per essere chiamata adattogeno.

  • In primo luogo, gli adattogeni devono funzionare in modo generale, piuttosto che agire solo su sintomi specifici. In altre parole, devono essere in grado di aiutare a scongiurare lo stress da qualsiasi tipo di fonte. Ciò include stress ambientale, malattie fisiche, insalubrità e persino stress emotivo causato dall’interazione con gli altri.
  • In secondo luogo, gli adattogeni devono essere in grado di aiutare le persone a tornare in “equilibrio” o mantenere il senso di sano equilibrio.
  • Infine, gli adattogeni non devono influenzare o interrompere le altre funzioni del nostro corpo.

Da allora la definizione è stata modificata e talvolta ampliata. Tuttavia, queste sono le caratteristiche che sono fondamentali per la classificazione degli adattogeni.

 

gel di aloe vera

Come funzionano gli adattogeni?

Il corpo umano reagisce ai fattori di stress lanciando prima un allarme. Questo innesca un ormone chiamato cortisolo.

Supponiamo che tu abbia appena sentito una notizia allarmante: il tuo dipartimento al lavoro sta facendo tagli.

Il cortisolo richiede la risposta di lotta o fuga e altre risposte correlate. Questi includono l’aumento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna; ti senti in preda al panico che il tuo lavoro potrebbe essere in gioco.

Segue la fase di “resistenza”. Continua a combattere lo stress per un periodo prolungato. Durante questa fase, potresti cercare di rimediare alla fonte del tuo stress. Ad esempio, potresti provare a saperne di più sui tagli di posti di lavoro nel tuo dipartimento, iniziare a cercare altri lavori o parlare con il tuo manager.

Se non riesci a trovare una soluzione al problema, il tuo corpo continua nella fase di resistenza per un lungo periodo di tempo e il cortisolo continua ad arrivare. Questo può essere dannoso se continua troppo a lungo.

È allora che entra in gioco la fase di esaurimento. Questo è proprio quello che sembra. Il tuo sistema immunitario soffre. Siete rimasti senza energia. Nel nostro esempio relativo al lavoro, questo è il punto in cui si flop sul divano di casa, sentendosi più turbato e impotente che ansioso per i tagli di lavoro.

In situazioni gravi, la depressione e l’ansia possono entrare in gioco.

Adattogeni e stress

Lo stress è normale e necessario. Tuttavia, viviamo in tempi caotici. I nostri corpi sperimentano un aumento dello stress.

Questo stress può derivare da situazioni a cui fatichiamo ad adattarci emotivamente e mentalmente.

Tuttavia, ci sono anche fattori di stress fisici nel nostro ambiente, come le tossine dell’inquinamento, il fumo di sigaretta e persino nel nostro cibo. Mentre potrebbero non farti sentire stress, mettono sotto stress importanti funzioni corporee.

Quando lo stress fisico ed emotivo diventa troppo, possiamo cadere in uno stato di esaurimento semi-permanente. Ci sentiamo spazzatura, le nostre difese immunitarie sono abbassate e siamo stanchi tutto il tempo. Nel linguaggio comune, siamo davvero stressati.

Gli adattogeni possono aiutare ad aumentare la nostra resistenza. Funzionano diminuendo la gravità della nostra risposta iniziale di “panico” e allungando la quantità di tempo in cui possiamo rimanere nella fase di resistenza. In breve, ci aiutano ad affrontare con più calma le situazioni di stress.

Letture correlate

Da dove vengono gli adattogeni?

La guarigione ayurvedica e cinese ha a lungo caratterizzato gli adattogeni. Affascinante, molte delle piante che ci danno sostanze adattogene sono loro stesse resistenti.

Ad esempio, l’ashwagandha è un importante adattogeno che resiste alla siccità e vive in aree in cui il terreno è spesso asciutto e senza sostanze nutritive. Altre piante farebbero fatica a sopravvivere. Tuttavia, l’ashwagandha è più resistente della maggior parte; una qualità che trasmette alle persone che la prendono!

 

ashwagandha

Quali sono le prove scientifiche per gli adattogeni?

Ci sono state alcune ricerche sugli adattogeni. Tuttavia, come con così tanti rimedi tradizionali o a base di erbe, non hanno ancora ottenuto l’attenzione che hanno i farmaci convenzionali. Gli studi che abbiamo devono essere supportati da ulteriori ricerche, condotte in modo scientificamente rigoroso.

Detto questo, c’è un crescente interesse scientifico per questi rimedi tradizionali. Ad esempio, l’Organizzazione mondiale della sanità ha approvato l’uso di medicine tradizionali per sostenere l’immunità e curare varie malattie.

Sempre più scienziati stanno attualmente studiando gli adattogeni. Discuteremo le prove che abbiamo mentre guardiamo ogni diverso tipo di adattogeno. Il miglior tipo di adattogeno per te dipenderà ovviamente dai sintomi che vuoi indirizzare.

Adattogeni per stress e ansia a breve termine

Uno studio ha esaminato gli effetti del ginseng siberiano, della rhodiola e della schisandra sullo stress e l’ansia a breve termine. (1) Tutti e tre hanno un “benefico effetto protettivo contro lo stress” a livello molecolare.

Inoltre, tutti sembrano aiutare a regolare l’omeostasi. Ciò significa che ripristinano l’equilibrio naturale del corpo.

Inoltre, queste erbe sembrano supportare la concentrazione e la resistenza in situazioni in cui la fatica legata allo stress ha preso il sopravvento. Anche i disturbi a lungo termine innescati dallo stress sono stati ridotti.

Una revisione sistematica della ricerca sulla rhodiola (chiamata anche radice d’oro) ha rilevato che la maggior parte degli studi ha supportato gli effetti positivi della rhodiola sull’affaticamento mentale. Tuttavia, la mancanza di misurazioni accurate per la fatica in due degli studi ha fatto sì che questi risultati fossero inconcludenti. (2) In un altro studio, i partecipanti hanno mostrato una significativa diminuzione dei sintomi di burnout professionale dopo l’assunzione di rhodiola. (3)

La Rhodiola non è una nuova scoperta. In effetti, gli scienziati russi stavano indagando nel 1970, nella speranza che avrebbe aiutato i soldati a resistere a temperature brutalmente fredde e all’esaurimento. Pensavano anche che la rhodiola potesse giovare agli atleti diretti alle Olimpiadi. Purtroppo, i risultati sono andati perduti; non possiamo fare a meno di chiederci cosa fossero, dato che questa applicazione di adattogeni sarebbe ancora incredibilmente utile oggi.

Adattogeni per l’immunità

I funghi Reishi sembrano avere un impatto sui globuli bianchi in diversi modi. I globuli bianchi sono fondamentali per il sistema immunitario, aiutando a combattere malattie e infezioni. (4)

Un altro tipo di fungo, lo shiitake, fornisce anche una potente spinta per la tua immunità. Ad esempio, uno studio ha indicato che mangiare due shiitake essiccati al giorno ha contribuito a un calo dell’infiammazione e al miglioramento dell’immunità. (5)

Perché i funghi sono così buoni per l’immunità? Potrebbe essere dovuto a uno speciale polisaccaride trovato nelle pareti cellulari di alcuni funghi, chiamato beta-glucani. Uno dei loro numerosi effetti positivi sulla nostra salute è la loro capacità di modulare il nostro sistema immunitario. (6)

La famiglia dei funghi è una fonte così grande di adattogeni che abbiamo scritto una speciale guida di erbologia ai funghi medicinali in cui è possibile scoprire i diversi funghi e i loro effetti. In alternativa, puoi anche eliminare il duro lavoro di studiare i funghi che aumentano l’immunità optando per la nostra polvere Immunity Blend, che presenta otto potenti “funghi”.

Oltre ai funghi, la tradizionale preparazione ayurvedica di triphala supporta anche l’immunità.

Triphala è una miscela di uva spina indiana, myrobalan chebulico e myrobalan belerico. Tutti questi ingredienti sono anche immunomodulatori da soli. Insieme, formano un potente trio per proteggere la tua immunità.

"Uno studio ha osservato molti diversi composti curativi all'interno di triphala, tra cui fenoli, flavonoidi, acido ellagico e altro ancora. Tutti insieme, questi composti contribuiscono alle proprietà curative del triphala. (7)'

Letture correlate

 

pulizia del corpo

Adattogeni per lo stress a lungo termine

Lo stress a breve termine e lo stress a lungo termine sono correlati. Tuttavia, i loro effetti sul corpo sono diversi.

Anche se non sembra durare così a lungo, lo stress cronico può anche avere effetti a lungo termine. Ad esempio, il cuore, i muscoli, la pressione sanguigna e i meccanismi respiratori possono essere costretti a intensificarsi in ogni momento per combattere lo stress cronico.

La ricerca ha esaminato come gli adattogeni come il basilico santo, noto come “tulsi” nella tradizione ayurvedica, possano essere utili.

Gli scienziati hanno osservato che il consumo regolare di basilico sacro può migliorare la calma e la chiarezza mentale ed emotiva. (8) Non c’è da stupirsi che tulsi sia “una dea incarnata in forma vegetale” in Ayurveda!

Altri adattogeni per cercare di includere l’ashwagandha, una delle erbe più importanti dell’Ayurveda. In uno studio che ha esaminato 64 soggetti con stress cronico, quelli trattati con ashwagandha hanno mostrato una sostanziale diminuzione di tutti gli indicatori legati allo stress. (9) L’Ashwagandha è un ottimo esempio di come un’erba può adattarsi alle esigenze del tuo corpo: è in grado di calmarti e lenire o energizzarti a seconda di come ti senti quando la prendi.

Ginseng asiatico è stato anche esaminato insieme ad altre cinque piante adattogene in uno studio. È stato trovato per avere il maggior successo nel ridurre i sintomi dello stress cronico. (10)

Adattogeni per migliorare la funzione cerebrale

Il fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF) è un ormone della crescita all’interno del cervello. Le diminuzioni del BDNF si collegano al declino correlato all’età nel funzionamento del cervello. Livelli più bassi di BDNF si collegano anche a malattie come l’Alzheimer e forse anche la depressione.

Gli studi hanno esaminato l’effetto della curcumina (trovato nella curcuma) sul cervello. Hanno scoperto che era in grado di combattere le diminuzioni del BDNF, migliorare la memoria spaziale e ridurre il danno ossidativo nel cervello a causa dell’invecchiamento. (11) (12)

La bacca di Goji è un altro potente adattogeno che supporta la funzione cerebrale. La medicina cinese ha considerato le bacche di goji come un tonico cerebrale per molte centinaia di anni, quindi siamo un po ‘indietro rispetto ai tempi” con il goji in Occidente!

Gli studi hanno esaminato come gli antiossidanti nelle bacche di goji sono neuroprotettivi. Ad esempio, uno studio ha scoperto che il succo di bacche di goji ha migliorato le prestazioni cerebrali. Sebbene promettente, questo studio ha esaminato solo un gruppo molto piccolo di persone. Per confermare il risultato, avremmo bisogno di ulteriori ricerche su un gruppo più ampio di partecipanti. (13)

È sicuro prendere adattogeni?

Se si prende la prescrizione di farmaci, si dovrebbe chiedere al medico circa l’assunzione di adattogeni. L’interattività erba-farmaco è un fenomeno reale e scientificamente osservato. Può essere pericoloso. (14)

Se hai intenzione di provare gli adattogeni, dovresti anche ricordarti di ruotarli ogni sei settimane. (15) In questo modo, puoi approfittare dei diversi benefici che ogni erba ti offrirà.

Proprio come molte persone bevono bevande contenenti caffeina al mattino, gli adattogeni stimolanti dovrebbero essere assunti all’inizio della giornata. In questo modo, non interferiscono con il sonno.

L’uso di adattogeni durante la gravidanza non è generalmente raccomandato. Tuttavia, gli adattogeni possono aiutare a ripristinare il corpo nelle settimane dopo la nascita.

Assicurati di procurarti i tuoi adattogeni da un fornitore affidabile e che siano biologici. Se stai assumendo adattogeni per la tua salute, ha senso assicurarsi che non siano contaminati da sostanze chimiche, conservanti o pesticidi.

 

pulizia del fegato

Come prendo gli adattogeni?

Il modo in cui prendi gli adattogeni dipende dall’adattogeno e dalla sua forma. Ci sono modi tradizionali per assumere adattogeni specifici. Ad esempio, un “latte lunare” a base di ashwagandha viene bevuto prima di coricarsi da molti bambini e anziani in India.

Le polveri adattogene sono molto flessibili e convenienti; puoi aggiungerli a frullati e zuppe o alle tue ricette preferite. Puoi facilmente usare il basilico santo, insieme a molte altre erbe e cibi adattogeni, nella tua cucina, poiché ha un sapore delizioso e pepato. Fa anche un bel tè, come fanno molti altri adattogeni a base di erbe.

I funghi adattogeni sono anche meglio presi nelle bevande calde. L’acqua calda estrae preziosi beta-glucani all’interno dei funghi. Perché non provare la nostra deliziosa ricetta di cioccolata calda ai funghi? Puoi usare una qualsiasi delle nostre polveri di funghi adattogeni per farlo.

 

Cioccolata calda ai funghi

 

Mentre gli adattogeni sono ottimi per aiutarti a navigare in periodi stressanti, ricorda che non sono un toccasana. Per prenderti cura di te stesso e aiutare il tuo corpo a far fronte allo stress della vita normale, dovresti usarli per completare una dieta sana, esercizio fisico e sonno di alta qualità.

Antichi adattogeni

Combinazioni di adattogeni sono regolarmente somministrati in Ayurveda, e le erbe adattogene sono spesso miscelate in tè o bevande più fresche.

Al centro dell’Ayurveda c’è la convinzione che “il cibo è medicina e la medicina è cibo”. Il pensiero ayurvedico sostiene anche la convinzione che “quando la dieta è sbagliata, la medicina non serve; quando la dieta è corretta, la medicina non è necessaria.” Questo ha un nuovo significato nel nostro mondo.

Come la più antica tradizione di guarigione del mondo, l’Ayurveda ha influenzato altri, come la medicina cinese. Nella MTC, o medicina tradizionale cinese, i professionisti combinano erbe e creano formule specifiche per ogni individuo.

Saranno considerati età, sesso, temperamento, secchezza della pelle, livelli di energia e molti altri fattori. Entrerà in gioco anche la miscelazione sinergica, ovvero il modo in cui le erbe lavorano insieme piuttosto che le caratteristiche delle singole erbe.

Oggi, la società occidentale sta ancora cercando di capire come tutti questi pozzi di conoscenza sugli adattogeni si uniscono negli stili di vita contemporanei. Tuttavia, sia la saggezza antica che quella contemporanea; sia la medicina tradizionale che la scienza indicano gli adattogeni come uno strumento profondamente prezioso per il benessere.

Letture correlate

Sign up to Erbology updates and get a surprise.

By subscribing you agree to our Terms and Privacy Policy.

  • References

    (1) Panossian, Alexander e Wikman, Georg, “Effetti degli adattogeni sul sistema nervoso centrale e sui meccanismi molecolari associati alla loro attività protettiva dallo stress”, Pharmaceuticals, 2010.

    (2) Ishaque et al, “Rhodiola rosea per l’affaticamento fisico e mentale …”, BMC Complementary and Alternative Medicine, 2012.

    (3) Jacquet et al, “Burnout: Valutazione dell’efficacia e della tollerabilità di TARGET 1 per la sindrome da affaticamento professionale …, Journal of International Medicine Research.

    (4) Lin, Zhi-Bin, “Meccanismi cellulari e molecolari dell’immunomodulazione da parte del Ganoderma Lucidum”, Journal of Pharmacology Sciences, 2005.

    (5) Dai et al, “Consumare lentinula Edodes (Shiitake) Mushrooms Daily Improve Human Immunity …”, Journal of the American College of Nutrition, 2015.


    (6) Volman et al, “
    Effects of Mushroom-Derived Beta-Glucan-Rich Polysaccharide Extracts…”, Molecular Nutrition & Food Research, 2010.

    (7) Belapurkar et al, “Immunomodulatori Effects of Triphala…”, Indian Journal of Pharmaceutical Science, 2014.

    Ulteriori riferimenti

    (8) Cohen, Marc Maurice, “Tulsi – Ocimum sanctum: Un’erba per tutte le ragioni”, Journal of Ayurveda and Integrative Medicine, 2014.

    (9) Chandrasekhar et al, “A Prospective… Studio della Sicurezza e dell’Efficacia di… Radice di Ashwagandha nel ridurre lo stress e l’ansia …”, Indian Journal of Psychological Medicine, 2012.

    (10) Rege et al, “Proprietà adattogene di sei erbe Rasayana utilizzate nella medicina ayurvedica”, Phytotherapy Research, 1999.

    (11) Xu et al, “La curcumina inverte gli effetti dello stress cronico sul comportamento …”, Brain Research, 2006.

    (12) Belviranli et al, “Curcumina migliora la memoria spaziale e diminuisce il danno ossidativo in ratti femmina anziani”, Biogerentology, 2013.

    (13) Amagase, Harunobu e Nance, Dwight M, “A Randomized, Double-Blind, Placebo-Controlled, Clinical Study of the General Effects of a Standardized Lycium Barbarum (Goji) Juice, GoChi”, The Journal of Alternative and Complementary Medicine, 2008.

    (14) Awortwe et al, “Critical evaluation of causality assessment of herb-drug interactions in patients”, British Journal of Clinical Pharmocology, 2018.


    (15) Korn, Leslie, “

    Come appianare lo stress con la fitoterapia”, Psychology Today, 2018.

    Crediti fotografici: Andrew Ridley, Bankim Desai

     

Invite & Earn

X
Signup to start sharing your link
Signup