Erbology
Cos'è l'amaranto?

Cos'è l'amaranto?

Team ErbologyErbology

Simbolo del potere azteco e punto fermo della cucina moderna, scopri perché questo grano naturalmente privo di glutine è stato coltivato per almeno 8000 anni e perché è così buono per te.

November 19, 2018 3:24 pm

Le origini dell’amaranto

La festa di Huitzilopochtli, una delle feste più importanti del mondo azteco pre-conquista, ha visto persone decorare le loro case e alberi con stringhe di bandiere di carta dai colori vivaci. Hanno sfilato in abito cerimoniale, cantando e ballando per le strade di Tenochtitlan e Cholula.

L’intonaco rosso brillante di colossali templi a gradini si estendeva con aria di sfida nel cielo; un simbolo del potere azteco. File di case coperte di bandiere sbattevano all’unisono. Il popolo cantava preghiere, ballando ritmicamente e battendo i tamburi, l’imperatore in piedi al centro della scena, adornato da un volant di piume di Quetzal.

Per il popolo della Mesoamerica, gli dei non erano separati dalla natura. Piuttosto, le caratteristiche della natura sono state interpretate nelle personalità di diversi dei. A sua volta, l’influenza degli dei poteva essere vista nel mondo naturale.

L’amaranto è un perfetto esempio di questo scambio tra il naturale e il divino. Questa pianta alta, con le sue foglie larghe e verdi, era così importante che durante Huitzilopochtli, la comunità usò i suoi semi per costruire una statua divina.

Quindi, mentre questo potente grano potrebbe essere nuovo per le cucine occidentali, è stato venerato fin dai tempi antichi in altre parti del mondo. E, in effetti, lo è ancora. Le celebrazioni per il messicano Día de los Muertos presentano ancora teschi decorati con semi di amaranto.

celebrazione azteca

 

Semi di amaranto o grano di amaranto?

L’amaranto è un pesudocereale. Questo significa semplicemente che è un seme che agisce come un grano. Anche se potrebbe sembrare insolito, anche alcune delle altre graffette della dispensa rientrano in questa categoria. Il grano saraceno e la quinoa sono entrambi pseudocereali, anche se spesso li pensiamo come cereali.

Un alimento diventa uno pseudocereale in virtù di come lo mangiamo. E, poiché l’amaranto è stato mangiato proprio come qualsiasi altro grano per migliaia di anni, si trova felicemente all’interno della famiglia pseudocereale.

Il grano di amaranto è più piccolo di altri “grani” come la quinoa e sembra piuttosto simile a un seme. Ha un sapore piacevole e nocciolato ed è anche molto versatile. Puoi mangiare il chicco di amaranto al posto di riso, bulgaro o quinoa insieme a un pasto caldo e salato. Se cotto con liquido ha un effetto addensante simile a quello dell’avena.

Tuttavia, l’amaranto funziona molto bene anche con i sapori dolci. Può essere macinato in una brillante farina senza glutine e utilizzato nella cottura. Il suo sapore di nocciola funziona brillantemente in torte e biscotti.

Un altro modo popolare di mangiare amaranto è quello di scoppiare o soffiare i semi. Questo è proprio come fare popcorn dai chicchi di mais, e dà all’amaranto una bella consistenza croccante e soffice. L’amaranto soffiato è un ottimo modo per guarnire piatti dolci e salati, o mescolare in biscotti per un po ‘di croccantezza aggiunta.

Quindi, ora che sai quanto è facile usare l’amaranto, diamo un’occhiata ai suoi benefici.

"Non solo l'amaranto è estremamente ricco di fibre, ma è anche la principale fonte naturale a base vegetale di squalene".

L’amaranto è naturalmente privo di glutine.

Sia che tu abbia la celiachia o che tu sia solo sensibile al glutine, l’amaranto ti ha coperto. A differenza di altri cereali, è naturalmente completamente privo di glutine.

Puoi trattare questo pseudocerene versatile più o meno allo stesso modo della quinoa. Si fonde perfettamente con piatti caldi, freddi, dolci o salati e ha un sapore terroso più saporito. Pensiamo che cada da qualche parte tra grano, bacche e riso integrale.

Quando cucini il grano di amaranth

noterai che ha una consistenza simile all’avena tagliata in acciaio, solo leggermente più croccante. Funziona bene come addensante per salse, zuppe o stufati. Inoltre, puoi incorporarlo in pane, pancake e persino biscotti.

Aggiungere una porzione di amaranto alla tua cucina è un ottimo modo per renderlo senza glutine e migliorare facilmente il valore nutrizionale complessivo del tuo piatto.

 

Il grano di amaranto contiene proteine di alta qualità

L’amaranto è ricco di proteine, ma più specificamente, contiene aminoacidi di cui il tuo corpo ha bisogno per funzionare bene.

Una tazza di grano di amaranto cotto (246 g) ha 9,3 g di proteine, che è circa un quinto del fabbisogno giornaliero. (1) Per un rapido promemoria, la proteina è composta da 20 aminoacidi. Undici di questi possiamo produrre e gli altri nove che dobbiamo ottenere dalla nostra dieta. Quando un alimento contiene tutti e nove questi aminoacidi, si chiama “proteina completa”.

Il grano di amaranto contiene 18 aminoacidi ed è considerato una fonte proteica quasi completa.

È anche ricco di fibre

Sappiamo tutti che potremmo trarre beneficio da una

dieta

ricca di fibre

. La fibra è essenziale per una sana digestione e per assicurarti di ottenere il massimo dagli altri nutrienti che mangi.

Con oltre 5 g di fibre, una tazza di grano di amaranto cotto soddisfa circa un quinto del nostro fabbisogno giornaliero di fibre. (1)

La ricerca indica che il 78% della fibra nell’amaranto è insolubile e il 22% è solubile. (2) La fibra insolubile promuove il movimento del materiale attraverso il sistema digestivo e aumenta la massa delle feci, mentre la fibra solubile forma una struttura gelatinosa e intrappola grassi, zuccheri, batteri e tossine. Entrambi i tipi hanno importanti benefici per la salute e l’amaranto può metterti sulla buona strada per raggiungere la quantità giornaliera raccomandata di fibre complessive.

Non solo la fibra nell’amaranto aiuta

la nostra digestione

, ma aiuta anche a ridurre naturalmente i livelli di colesterolo.

La fibra agisce sulla bile, estraendola dal corpo con movimenti intestinali più frequenti. La bile è composta da acqua, grassi e


colestero

l

. A causa di questo processo, il fegato deve produrre più bile, che consuma le riserve di colesterolo del corpo, abbassando il colesterolo in generale.

Uno studio condotto dall’International Journal for Vitamin and Nutrition Research ha dimostrato che il grano di amaranto è stato in grado di ridurre il colesterolo cattivo (colesterolo LDL a densità molto bassa) dal 21% al 50%. (3)

L’olio di semi di amaranto è una delle migliori fonti vegetali di squalene

Non solo l’amaranto è un’ottima fonte di fibre e proteine, ma è anche la principale fonte naturale a base vegetale per lo squalene.

Sebbene più comunemente associato all’olio d’oliva, l’olio di semi di amaranto spremuto a freddo contiene dieci volte più squalene. (4) (5)

La nostra pelle contiene squalene. Si trova nello strato esterno della pelle e svolge un ruolo importante nella protezione contro le radiazioni UV. Senza abbastanza squalene, i raggi UV possono indurre infiammazione nella

pelle

.

In uno studio che ha testato se lo squalene potesse aumentare il procollagene e ridurre il danno al DNA indotto dai raggi ultravioletti, a 40 donne di età superiore ai 50 anni è stata somministrata un’integrazione di squalene a basse e alte dosi. Lo squalene si è dimostrato efficace nel ridurre la morte cellulare causata dalle radiazioni UV.

Coloro che hanno ricevuto un dosaggio più basso hanno sperimentato un arrossamento ridotto e una migliore attività del collagene e quelli con un dosaggio più elevato hanno visto una riduzione delle rughe. (6)

 

L’amaranto è ricco di magnesio

Una tazza di grano di amaranto cotto contiene 160mg di

magnesio

, che soddisfa circa il 40% della quantità giornaliera raccomandata. (1)

Sebbene il magnesio si trovi in molti alimenti a base vegetale ed è particolarmente abbondante nelle verdure a foglia verde, cereali integrali, legumi, noci e semi, le diete occidentali spesso non soddisfano i necessari requisiti di magnesio.

I sintomi di carenza di magnesio non sono così evidenti come quelli del ferro. I nostri reni sono così bravi a fare il loro lavoro che sopprimono i sintomi acuti limitando la quantità di magnesio persa attraverso la minzione. Tuttavia, se i livelli rimangono bassi nel tempo, si può iniziare a sperimentare perdita di appetito, nausea, vomito, affaticamento e debolezza. (7)

Può anche ricostituire i tuoi negozi di ferro



Le

carenze di ferro sono molto comuni e probabilmente potremmo tutti fare un po ‘di più nelle nostre diete. Incorporare cibi ricchi di ferro è particolarmente importante per coloro che non mangiano prodotti animali.

Con ogni porzione (una tazza) di grano di amaranto cotto che vanta oltre 5 mg di ferro, che è più di un quarto del valore giornaliero, agisce bene in combinazione con altre fonti ad alto contenuto di ferro per aiutare a soddisfare il fabbisogno giornaliero del tuo corpo.

Il ferro è essenziale per la salute dei nostri globuli rossi. L’emoglobina in queste cellule trasferisce l’ossigeno dai nostri polmoni ad altri tessuti del nostro corpo, quindi è molto importante mantenerli funzionanti in modo sano.

Uomini e donne immagazzinano quantità significativamente diverse di ferro nel loro corpo. Ad esempio, il maschio adulto medio immagazzina circa 1.000 mg di ferro, che può durare fino a tre anni. Allo stesso tempo, le donne conservano solo circa 300 mg di ferro, che è sufficiente per circa sei mesi. La carenza di ferro è molto comune con la perdita di sangue che è una delle c