Erbology
Domande frequenti sull'amaranto

Domande frequenti sull'amaranto

Team ErbologyErbology

Può essere un grano di piccole dimensioni, ma i suoi usi e benefici sono infiniti. Può essere spuntato, spruzzato, cotto e cotto. Sia che tu non ne abbia mai sentito parlare o che tu voglia saperne un po 'di più, abbiamo le risposte alle tue FAQ sull'amaranto.

June 16, 2022 5:11 pm

Che sapore ha l’amaranto?

L’amaranto è un grano che puoi usare in modo simile ai cereali come avena, grano e riso. In realtà non è un cereale ma uno pseudo-cereale. Altri pseudo-cereali comuni sono grano saraceno, chia e quinoa.

L’amaranto è più piccolo di altri pseudo-cereali e sembra molto simile a un seme. Ha un sapore terroso paragonabile al riso integrale e un gusto neutro e nocciolato che lo rende versatile sia per piatti salati che dolci.

La farina di amaranto è un ingrediente perfetto senza glutine e senza noci per le ricette di biscotti e torte. Prova la nostra

ricetta di biscotti vegani e senza glutine con farina di amaranto

. Con cardamomo, cannella e arancia, questi biscotti sono una ricetta base per le vacanze di Natale.

Se ti piace fare uno spuntino con i popcorn, allora adorerai

l’amaranto spuntato

. Simile nella consistenza e nel gusto, l’amaranto spuntato è un’ottima opzione di snack e va ben cosparso sopra porridge, muesli o persino insalata.

Letture correlate

 

ricetta barretta proteica

Puoi mangiare l’amaranto crudo?

Questa è una domanda discutibile. Idealmente, non dovresti mangiare amaranto crudo, ma non c’è nulla di necessariamente pericoloso nel farlo.

Il grano crudo di amaranto contiene anti-nutrienti e, come suggerisce il nome, possono bloccare l’assorbimento dei nutrienti. Questi composti proteggono le piante dalle infezioni batteriche e dagli insetti che le rosicchiano. (1)

È possibile rimuovere gli anti-nutrienti nella maggior parte degli alimenti immergendoli o facendoli bollire.

Ci sono una manciata di anti-nutrienti nell’amaranto, tra cui acido fitico, tannini (si pensi al caffè e al vino), inibitori della proteasi e saponine.

Acido fitico

L’acido fitico si trova in molti alimenti a base vegetale. È la forma immagazzinata del fosforo minerale. Sfortunatamente, non è possibile rimuoverlo semplicemente staccando lo scafo del grano o risciacquando il grano.

Passa attraverso il corpo e si lega a minerali come calcio, zinco e ferro. Questo blocca l’assorbimento di quei minerali nell’intestino. Gli esseri umani mancano dell’enzima fitasi necessario per abbattere l’acido fitico.

Tuttavia, l’acido fitico si lega ai minerali solo quando li mangi insieme nello stesso pasto. Quindi non è così comune o pericoloso come si potrebbe pensare.

Quelli a rischio sono le persone con malnutrizione, che non hanno accesso a una varietà di alimenti e le persone che hanno una carenza di ferro o zinco.

Finché hai una dieta ben bilanciata con calcio, zinco e ferro, il tuo corpo ha abbastanza nutrienti per proteggere da una carenza minerale causata dall’acido fitico.

D’altra parte, ci sono in realtà alcuni benefici nel consumare acido fitico. Ha proprietà antiossidanti e può proteggere dai danni al DNA. Può anche prevenire la formazione di calcoli renali. (1)

Tannini

I tannini nell’amaranto possono formare complessi chimici ed enzimi digestivi per inibire la digestione delle proteine e, potenzialmente, la digestione dell’amido. Sbucciare il grano dal suo scafo può rimuovere la maggior parte dei tannini. (2)

Inibitore della proteasi

L’amaranto contiene una piccola quantità di inibitori della proteasi – in particolare per la tripsina e la chimotripsina. (2) Questi sono enzimi che ci aiutano a digerire le proteine.

Fortunatamente, puoi ridurre o addirittura rimuovere completamente questi inibitori cucinando, scoppiettando o germogliando. (7)

Saponine

Le saponine sono estremamente amare nel gusto. Analogamente all’acido fitico, possono formare complessi con proteine o minerali, come zinco e ferro, per inibire l’assorbimento nel corpo.

Poiché sono presenti solo in piccole quantità nell’amaranto, sono caratterizzati da bassa tossicità e non rappresentano alcun pericolo. Pertanto, puoi mangiare l’amaranto crudo senza preoccuparti dell’effetto delle saponine.

Inoltre, hanno alcuni benefici antinfiammatori e antimicrobici. (7)

 

Ricetta di hamburger vegetariano

"L'olio di semi di amaranto spremuto a freddo è la principale fonte naturale a base vegetale per lo squalene, contenente da 2,4 a 8 grammi per 100 grammi".

Dovresti risciacquare l’amaranto?

È sempre meglio pulire i chicchi con un rapido risciacquo prima di cucinarli per rimuovere polvere o detriti vegetali, come si farebbe con il riso. Tuttavia, il risciacquo dell’amaranto da solo non spoglierà il grano di anti-nutrienti.

L’amaranto può essere germogliato o attivato?

Germogliato?

Sì! Puoi germogliare l’amaranto come faresti con qualsiasi altro pseudo-cereale, come il grano saraceno.

La germinazione è il processo naturale di germinazione di semi o cereali (emettendo germogli). Questo processo aumenta anche i livelli di nutrienti.

In uno studio che ha confrontato i cereali grano, riso integrale e triticale, i risultati hanno mostrato che i livelli di proteine sono aumentati in tutti i cereali dopo la germinazione. (8) Un’altra revisione scientifica conclude che la germinazione riduce il livello di antinutrienti nel grano, aumenta la digeribilità e abbassa l’indice glicemico. (9)

Germogliare l’amaranto è facile da fare e divertente da guardare mentre coltivi il tuo giardino in un barattolo.

Per far germogliare l’amaranto, sciacquare il grano di amaranto con acqua fredda e scolare bene (meglio fare un paio di volte). Trasferire l’amaranto pulito in un barattolo di vetro o in un contenitore con un coperchio (o idealmente, con una garza tenuta in posizione con un elastico). Versare acqua fredda sui semi e immergerli per circa 2 ore. Scolare di nuovo l’amaranto e ripetere il processo di ammollo in un contenitore.

Conservare in un luogo fresco, lontano dalla luce solare per un massimo di 6 ore. Saprai che il tuo grano germoglia quando diventano di colore più chiaro e iniziano a crescere i peli delle radici – sembrano code!

L’amaranto germogliato è perfetto sull’insalata con un filo di olio di amaranto o sopra il toast all’avocado.

Attivante?

Sì, puoi attivare anche i grani di amaranto.

In effetti, puoi attivare praticamente tutti i semi, le noci e i cereali immergendoli in acqua, a volte mescolati con un mezzo acido come il succo di limone o l’aceto di sidro di mele. Questo avvia il processo di germinazione che sbloccherà più nutrienti e aumenterà la digeribilità, proprio come la germinazione.

L’attivazione è essenzialmente lo stesso metodo di ammollo della germinazione senza i passaggi aggiunti. Per attivare il grano di amaranto, immergere il grano di amaranto in acqua per almeno 8 ore (e fino a 24).

 

ricette di muesli

L’olio di amaranto ha lo squalene?



L’olio di semi di amaranto spremuto a freddo

è la principale fonte naturale a base vegetale di squalene, contenente da 2,4 a 8 grammi per 100 grammi. (4)

Lo squalene è una crema idratante naturale, che supporta la pro-idratazione nella nostra pelle. Aumenta anche la produzione di collagene, la proteina più conosciuta per la salute della pelle e la crescita dei capelli. Una quantità insufficiente di squalene può causare raggi UV per indurre infiammazione nella pelle. (5)

Il nostro olio biologico spremuto a freddo è ottenuto da semi di amaranto e va gustato a temperatura ambiente (mai riscaldato). È così versatile che puoi usarlo per idratare la pelle o cucinare con esso.

Non riscaldiamo l’olio perché l’alta temperatura distrugge alcuni dei preziosi nutrienti che l’olio ha, come la vitamina E che combatte i radicali liberi e gli acidi grassi omega-6. Inoltre, gli oli ricchi di acidi grassi omega-6 si ossidano ad alte temperature e, se consumati in questo modo, potrebbero portare a stress ossidativo potenzialmente dannoso per il nostro corpo.

È perfetto per spruzzare sopra le insalate o usarlo in ricette crude come questo

tuffo muhammara

.

L’amaranto è senza glutine?

Sì, l’amaranto è senza glutine. Può essere macinato in una farina e utilizzato per ricette senza glutine!

Sapevi che la farina per tutti gli usi, la farina d’orzo, la farina di segale e la farina di farro contengono tutti glutine? Pertanto, la farina di amaranto è un ottimo sostituto senza glutine per queste farine quando si cuoce e si cucina.

Anche se assicurati di ricontrollare prima di usare la farina di amaranto in una ricetta. Per alcune ricette come la panificazione, solo fino al 25% della farina può essere sostituito dalla farina di amaranto come miscela. Qualsiasi altro influisce sulla qualità del pane. (11)

 

farina di amaranto con ingredienti vegani per hamburger

Come capire quando l’amaranto è cotto?

Poiché l’amaranto può essere usato come un cereale, puoi cucinarlo come faresti con qualsiasi altro grano.

Un rapporto di 1:3, grano per acqua, è l’ideale per cucinare il tuo amaranto. Per 1 tazza di amaranto, aggiungere 2 tazze d’acqua in una pentola. Portare a ebollizione l’amaranto, cuocere a fuoco lento e cuocere scoperto per circa 20 minuti. L’acqua dovrebbe essere quasi completamente assorbita dai grani. Alla fine del tempo di cottura, mettere un coperchio sulla pentola e lasciare da parte.

I grani assorbiranno il resto dell’acqua e diventeranno un po ‘soffici. In alternativa, puoi cuocere il tuo amaranto in due tazze d’acqua e cuocerlo a fuoco lento coperto con un coperchio, quindi lasciare da parte coperto.

Quando l’acqua è completamente assorbita, l’amaranto è fatto e pronto per essere goduto.

Puoi fare il porridge di amaranto?

Il porridge di amaranto è una deliziosa alternativa senza glutine al porridge a base di avena. Sebbene l’avena sia priva di glutine, l’avena corre un alto rischio di contaminazione incrociata durante la lavorazione.

I prodotti commerciali a base di avena vengono normalmente lavorati nelle stesse fabbriche dei cereali contenenti glutine come grano, orzo e segale. Durante la lavorazione, l’avena viene contaminata da miscele di questi cereali. (12)

Per le persone affette da celiachia o da una dieta priva di glutine che vogliono mangiare avena, è importante acquistare avena che garantisca l’assenza di contaminazione incrociata.

Per essere sicuri e avere un porridge senza glutine garantito, il porridge di amaranto è l’opzione migliore. Puoi usare la tua ricetta preferita di porridge e sostituire il tuo solito grano con il grano di amaranto.

L’olio di semi di amaranto è un bel tocco aggiunto di sostanze nutritive e squalene da cospargere sul porridge. Per una consistenza croccante, perché non provare

l’amaranto soffiato

come condimento?

Puoi usare l’amaranto per la perdita di peso?

Sì, puoi usare l’amaranto per la perdita di peso. Consumare amaranto ha benefici per aiutarti nel tuo viaggio di perdita di peso.

È una grande fonte di proteine, contenente tutti e 9 gli amminoacidi essenziali. Abbiamo bisogno di queste proteine per rafforzare e proteggere i muscoli dopo l’esercizio.

Un pasto post-allenamento con amaranto ti darà le proteine e la nutrizione aggiuntiva di cui hai bisogno per recuperare. Consigliamo un

hamburger vegetariano fatto in casa

con lenticchie e grano di amaranto biologico o insalata con

olio di semi di amaranto

condito sopra per un sapore di nocciola.

L’amaranto è anche ricco di fibre, il che significa che ti farà sentire pieno più a lungo poiché ci vuole più tempo per digerire. Ciò significa che non avrai voglia di cibo e consumerai calorie extra facendo spuntini durante il giorno.

Prova il porridge fatto con

grano di amaranto biologico

come prossimo pasto pre-allenamento. Ti darà la pienezza e l’energia di cui hai bisogno mentre stai sudando in palestra. (2)

 

ricetta biscotto senza glutine

L’amaranto aiuta con il diabete?

L’amaranto è un cereale integrale sano con un basso indice glicemico (o GI) adatto alle persone con diabete. Il grano è anche elencato come uno dei migliori cereali per diabetici da Diabetes UK. (10)

L’indice glicemico è un parametro della qualità degli alimenti che rappresenta l’aumento dei livelli di glucosio dopo aver consumato un alimento specifico. Più alto è il GI, maggiore è il livello di glucosio nel corpo.

Quando consumiamo carboidrati, i nostri corpi convertono quei carboidrati in glucosio (zucchero nel sangue). L’aumento del glucosio spinge il pancreas a rilasciare insulina nel flusso sanguigno. L’insulina trasporta il glucosio in tutto il corpo da utilizzare come energia.

Le persone con diabete hanno troppo glucosio nel sangue e nessuna insulina da trasportare alle loro cellule per l’energia o l’insulina inaffidabile. Mentre la causa del diabete di tipo 1 è ancora incerta, il diabete di tipo 2 può essere prevenuto mantenendo un peso sano e una dieta a basso indice glicemico.

L’amaranto è un alimento ad alto indice glicemico?

C’è un certo dibattito che circonda il GI dell’amaranto. Mentre il grano è a basso indice glicemico, alcuni studi hanno suggerito che l’amaranto gonfio aumenta il suo punteggio GI, il che potrebbe renderlo meno adatto ai diabetici che guardano il loro conteggio dei carboidrati.

Ad esempio, uno studio in Germania ha testato i livelli di IG e la sazietà dei cereali contenenti amaranto e amaranto spuntato. Lo studio ha coinvolto 20 volontari sani non diabetici a cui sono stati somministrati cereali standard, cereali con amaranto o cereali con amaranto spuntato.

Lo studio si è concluso con il cereale amaranto come basso indice glicemico con 36,91 mg di glucosio per 100 g mentre il cereale con amaranto spuntato aveva un alto indice glicemico di 51,59 mg / 100 g. Questa differenza nel GI è dovuta alla composizione dell’amaranto. Anche se lo studio ha classificato l’amaranto popped come un alimento ad alto indice glicemico, i loro dati suggeriscono che aggiungendo l’amaranto spuntato ai cereali standard può ridurre l’IG. (6)

Pertanto, se stai seguendo una dieta a basso indice glicemico, salta l’amaranto spuntato e vai per il grano di amaranto.

Altri fatti sull’amaranto

Sapevi che l’amaranto è un grano antico coltivato da almeno 8.000 anni? Se vuoi saperne di più sull’amaranto, abbiamo scritto un articolo tutto sul

grano senza glutine

.

Puoi visualizzare la nostra gamma completa di

prodotti a base di amaranto

per trovare quello giusto per le tue esigenze di salute e nutrizione.

Letture correlate

Sign up to Erbology updates and get a surprise.

By subscribing you agree to our Terms and Privacy Policy.

  • References

    1. La fonte nutrizionale. n.d. Gli anti-nutrienti sono dannosi?. [online] Disponibile all’indirizzo: <
      https://www.hsph.harvard.edu/nutritionsource/anti-nutrients/
      > [Accessed 15 March 2021].
    2. Pastore K, Ačanski M. La chimica dietro i grani di amaranto. J Nutr Health Food Ing. 2018;8( 5):358u2012360. DOI: 10.15406/jnhfe.2018.08.00295
    3. Gruppo di esperti scientifici NDA dell’EFSA (gruppo di esperti scientifici dell’EFSA sui prodotti dietetici, l’alimentazione e le allergie), 2015. Parere scientifico sui valori dietetici di riferimento per il fosforo. EFSA Journal 2015;13(7):4185, 54 pagg. DOI:10.2903/j.efsa.2015.4185
    4. Caselato-Sousa, V.M. e Amaya-Farfán, J. (2012). Stato delle conoscenze sul grano di amaranto: una revisione completa. Giornale di scienza dell’alimentazione, 77 (4), pp. R93-R104.
    5. Kostyuk V, Potapovich A, Stancato A, De Luca C, Lulli D, Pastore S, Korkina L. I prodotti di foto-ossidazione dello squalene superficiale della pelle mediano le risposte metaboliche e infiammatorie ai raggi UV solari nei cheratinociti umani. PLoS Uno. 2012;7(8):e44472. DOI: 10.1371/journal.pone.0044472. Epub 2012 ago 30. PMID: 22952984; PMCID: PMC3431355.
    6. Schneider I, Heinemann M, Hahn A (2015) Confronto tra indice glicemico e sazietà dei cereali contenenti amaranto. J Hum Nutr Food Sci 3(5): 1074
    1. Venskutonis, P.R. e Kraujalis, P. (2013), Componenti nutrizionali di semi e verdure di amaranto: una revisione su composizione, proprietà e usi. Recensioni complete in Scienze alimentari e sicurezza alimentare, 12: 381-412. https://doi.org/10.1111/1541-4337.12021
    1. Sibian, Mandeep S et al. “Effetto della germinazione sulle caratteristiche chimiche, funzionali e nutrizionali di grano, riso integrale e triticale: uno studio comparativo.” Giornale di scienza dell’alimentazione e dell’agricoltura vol. 97,13 (2017): 4643-4651. DOI:10.1002/jsfa.8336
      https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28370158/
    2. Singh AK, Rehal J, Kaur A, Jyot G. Valorizzazione degli attributi dei cereali mediante germinazione e fermentazione: una revisione. Crit Rev Food Sci Nutr. 2015;55(11):1575-89. DOI: 10.1080/10408398.2012.706661. PMID: 24915317. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24915317/
    3. Diabete Regno Unito. (n.d.). Cereali sani. [online] Disponibile
      all’indirizzo: https://www.diabetes.org.uk/guide-to-diabetes/enjoy-food/carbohydrates-and-diabetes/healthy-grains
      [Accesso 22 marzo 2021].
    4. ScienceDirect.com. (n.d.). Farina di amaranto – una panoramica | Argomenti sciencedirect. [online] Disponibile all’indirizzo: https://www.sciencedirect.com/topics/food-science/amaranth-flour [Accesso 22 marzo 2021].
    5. Hernando A, Mujico JR, Mena MC, Lombardía M, Méndez E. Misurazione del glutine di frumento e delle ordeine d’orzo nell’avena contaminata proveniente da Europa, Stati Uniti e Canada mediante Sandwich R5 ELISA. Eur J Gastroenterol Hepatol. 2008;20(6):545-554. DOI:10.1097/MEG.0b013e3282f46597

Invite & Earn

X
Signup to start sharing your link
Signup