Erbology
Mangia questi 7 alimenti prebiotici e probiotici per la salute del tuo intestino

Mangia questi 7 alimenti prebiotici e probiotici per la salute del tuo intestino

Team ErbologyErbology

Conosci le "due P" e scopri come nutrire la tua salute intestinale con sette alimenti prebiotici e probiotici.

April 13, 2020 5:25 am

Il modo più semplice per assicurarti di mangiare cibi che fanno

bene all’intestino

è seguire i nostri quattro semplici passaggi.

Entreremo più in dettaglio su ciascuno di questi punti importanti di seguito, ma fortunatamente una dieta rispettosa dell’intestino ha molto in comune con la dieta sana che potresti già mangiare.

 

Come ottenere un intestino sano

Mangiare molte verdure sane e cereali integrali – ed evitare le voglie di pizza a tarda notte – potrebbe non essere una novità per te. Tuttavia, i passaggi tre e quattro potrebbero essere leggermente meno familiari.

Entriamo un po ‘più nel dettaglio delle due P: Prebiotici e Probiotici.

Prebiotici



Gli alimenti prebiotici

contengono fibre che non possono essere digerite dall’uomo Questa fibra rimane nell’intestino crasso, dove si trova la maggior parte del microbioma intestinale.

Fortunatamente, i batteri intestinali benefici sono in grado di fermentare la fibra prebiotica, scomponendola per rilasciare i nutrienti all’interno dei quali poi fornire loro un pasto nutriente.

Non solo i batteri intestinali diventano più forti, ma fioriscono più varietà di flora intestinale, ognuna con il proprio ruolo da svolgere. Una collezione più diversificata di batteri nell’intestino è legata a un miglioramento del benessere generale.

Pertanto,

mangiando prebiotici

, non stai solo nutrendo te stesso, ma anche tutte le minuscole creature nel tuo intestino!
→ Visualizza prodotti correlati

Alimenti probiotici

I probiotici sono alimenti che importano batteri vivi direttamente nell’intestino. L’idea è che questi nuovi batteri si faranno strada fino all’intestino per rafforzare il numero di batteri “buoni” o addirittura fornire nuovi tipi di batteri.

Ti potrebbe piacere pensare al tuo intestino come a una savana; proprio come i diversi animali delle praterie hanno tutti ruoli diversi da svolgere, così anche i diversi tipi di batteri nell’intestino. Tutti insieme, contribuiscono a creare un ecosistema fiorente e interconnesso.

Alcuni alimenti probiotici, come quelle minuscole bevande lattiginose che sono in circolazione da secoli, aggiungono batteri “prevedibili” alla flora intestinale. In altre parole, è molto probabile che tu abbia già questi tipi di batteri “in magazzino”.

Tuttavia, altri probiotici contengono batteri più insoliti che migliorano il microbioma e portano nuove possibilità ad esso.

È interessante notare che la ricerca suggerisce che i prebiotici possono fare una differenza più evidente nella salute dell’intestino a breve termine. Tuttavia, l’effetto dei probiotici è prezioso a lungo termine. (1) In altre parole, fai uno sforzo per rendere sia i prebiotici che i probiotici una parte regolare del tuo mangiare quotidiano. Questa è la parte facile, dato che sono così gustosi.

Letture correlate

 

Topinambur in polvere

Prebiotici da provare…

1. Topinambur

I topinambur sono una meravigliosa fonte di inulina, un tipo di fibra prebiotica. In realtà sono tuberi, piuttosto simili a pastinache e patate. Piuttosto dolcemente, a volte sono anche conosciute come “mele di terra”.

In effetti, i topinambur hanno molti nomi e potresti sentirli chiamare anche sunchokes o sunroots. Questo perché sono la radice commestibile della pianta di girasole.

Ma dietro il loro aspetto solare, questi tuberi racchiudono un pugno prebiotico. Solo 20 g di topinambur ti daranno abbastanza prebiotici per la giornata. (2)

I topinambur hanno un sapore un po’ dolce che si sposa molto bene come contorno di verdure, o in piatti dolci o salati. Amiamo aggiungere un cucchiaio del nostro topinambur biologico in polvere anche ai prodotti da forno, poiché il sapore è così delicato e si fonde così bene. Provalo in torte, biscotti, pane o questi deliziosi pancake per la colazione.
→ Visualizza prodotti correlati

 

porri

2. Porri, cipolle e aglio

Anche se non così impressionante come il topinambur in termini di potere prebiotico, porri, cipolle e aglio sono tutte buone fonti di fibra di inulina.

È anche probabile che tu abbia almeno uno di questi – se non di più – che risiede già nel tuo frigorifero. Oltre a creare una base brillante per molti piatti, dalle salse alle torte agli stufati, ti forniranno anche una spinta di fibra prebiotica.

Inoltre, i porri e le cipolle contano come uno dei tuoi cinque al giorno!

 

olivello spinoso di granola tigernut

3. Tigernuts

Tigernuts avere un nome piuttosto ingannevole; in realtà sono tuberi, non noci! Tuttavia, il loro gusto e la loro consistenza sono così simili alla famiglia delle noci che a volte vengono chiamate “mandorle di terra”. Sembra che molti prebiotici abbiano soprannomi piuttosto affascinanti.

I Tigernuts sono estremamente versatili. Mentre sono forse meglio conosciuti per il loro latte, che è un ingrediente ch