Erbology
Nutrienti e tipi di olio d'oliva

Nutrienti e tipi di olio d'oliva

Team ErbologyErbology

L'olio d'oliva contiene sostanze nutritive presenti in natura, tra cui vitamine e antiossidanti. Scopri come possono sostenere la tua salute.

August 28, 2020 12:00 pm

 

L’olio d’oliva ha un fantastico profilo nutrizionale ed è pieno fino all’orlo di vitamine e grassi sani per aiutare a sostenere il tuo corpo.

Sono questi nutrienti che forniscono benefici all’olio d’oliva per la tua salute. Ma, a meno che tu non sia un nutrizionista, può essere piuttosto difficile capire esattamente quali sono tutti questi nutrienti e cosa fanno.

Non sorprende che i loro profili nutrizionali possano essere diversi, quindi passiamo un momento a familiarizzare con i diversi tipi di olio d’oliva.

Quali tipi di olio d’oliva esistono?

Il tipo più famoso di olio d’oliva è extra virgin l’olio d’oliva, a volte noto come ‘EVOO’. Questo tipo di olio d’oliva non è raffinato e naturale e non utilizza calore o solventi nella sua produzione.

L’olio d’oliva vergine è anche naturale e non raffinato, senza calore o solventi utilizzati durante la lavorazione. Tuttavia, può essere fatto da olive di qualità inferiore ed è stato spremuto più di una volta per estrarre più olio. Ha un livello di acidità più elevato ed è più adatto per saltare e cuocere al forno. Tieni presente che qualsiasi tipo di olio d’oliva non è adatto per friggere.

Poi abbiamo l’olio d’oliva raffinato. A differenza degli oli naturali, questo olio può contenere grassi trans e un livello inferiore di sostanze nutritive; il sapore non sarà distinto. Tuttavia, l’olio d’oliva raffinato è più economico e alcuni potrebbero preferire usarlo per cucinare.

L’olio d’oliva puro è un altro grado con un nome fuorviante. Piuttosto che essere puro come la maggior parte delle persone capisce la parola, questo grado di olio d’oliva è una miscela di oli vergini e raffinati. È adatto per uso esterno e può avere un odore sgradevole se usato in cucina.

Infine, l’olio di sansa di oliva è il più economico. La sansa è ciò che rimane dell’oliva dopo che gli oli naturali sono stati estratti. Per fare l’olio di sansa di oliva, i produttori trattano questa pasta con solventi chimici, quindi la mescolano con l’olio d’oliva.

Come avrai intuito, maggiore è la lavorazione a cui subisce l’olio d’oliva, più il suo profilo nutrizionale è ridotto. Quindi, se vuoi il maggior numero di sostanze nutritive nel tuo olio d’oliva, segui una varietà che è extra vergine e spremuta a freddo.

 

olio d'oliva-nutrienti

Letture correlate

Nutrienti dell’olio d’oliva

Quindi, ora che sai quale tipo di olio d’oliva cercare, diamo un’occhiata alla bontà all’interno. L’olio d’oliva è una buona fonte di:

  1. Vitamina E: Questa vitamina è un potente antiossidante (1) (più su questo sotto). Alcuni studi lo hanno anche collegato a un ridotto rischio di malattie cardiache. (2)
  2. Vitamina K: Leggermente meno conosciuta della vitamina E, la vitamina K ha anche benefici per il tuo corpo. Aiuta il coagulo di sangue ed è necessario per aiutare le ferite a guarire. Può anche contribuire alla salute delle ossa. (3)
  3. Grassi monoinsaturi: a differenza dei grassi saturi, che si pensa siano dannosi per te se mangiati in eccesso, i grassi monoinsaturi sono considerati grassi “buoni”. Potresti anche trovarli in alimenti come avocado e noci come mandorle e noci del Brasile. I grassi monoinsaturi sono associati a un minor rischio di malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2. (4)
  4. Acido oleico: Questo è un particolare tipo di grasso monoinsaturo ed è il grasso monoinsaturo primario nell’olio d’oliva. La ricerca ha sostenuto numerosi benefici dell’acido oleico come la riduzione dell’infiammazione e il sostegno alla lotta contro il cancro. (5)(6)

Antiossidanti nell’olio d’oliva

L’olio extra vergine di oliva è anche un’ottima fonte di antiossidanti. Ma cosa sono esattamente gli antiossidanti e cosa fanno?

C’è un sacco di gergo intorno agli antiossidanti, quindi abbi pazienza!

Iniziamo con i radicali liberi. Queste sono piccole molecole che vengono prodotte quando le molecole di ossigeno vengono scomposte nel tuo corpo. Questo può accadere quando il tuo corpo è esposto allo stress, ad esempio dalla luce UV.

Mentre le molecole sono in coppia, come ossigeno, sono stabili e felici. Ma quando vengono suddivisi in radicali liberi, diventano molto instabili e possono causare molti danni alle cellule, come l’invecchiamento e le malattie.

"Un antiossidante è una sostanza che protegge le cellule dai radicali liberi, impedendo loro di causare tanti danni."

 

L’olio extra vergine di oliva contiene naturalmente una serie di antiossidanti (alcoli fenolici e acidi, secoiridoidi, lignani e flavoni, se vuoi diventare tecnico). (7)

Cosa evitare nell’olio d’oliva

Come accennato, ci sono molti tipi di olio d’oliva e alcuni sono più sani di altri. Per i maggiori benefici per la salute, ti consigliamo la massima qualità extra virgin olio d’oliva che puoi trovare. Ma come si può dire quali extra virgin gli oli d’oliva sono di alta qualità?

Innanzitutto, questo può sembrare ovvio, ma qualunque sia l’olio extra vergine che scegli non dovrebbe contenere altro che olio d’oliva! Alcune aziende mescolano altri oli o conservanti, e non è quello che vuoi.

Controlla l’etichetta per assicurarti che non ci sia nient’altro in agguato nella tua bottiglia, che non dovrebbe essere trasparente. Vale a dire, l’olio d’oliva diventa rancido se esposto alla luce. Vuoi cattiverie chimiche nel tuo cibo? Pensavo di no! Assicurati che la tua bottiglia sia colorata piuttosto che trasparente. La data di raccolta o la data di imbottigliamento è significativa per questo motivo. Per chiarire, meno ossigeno è stato esposto all’olio, più a lungo rimarrà fresco.

Allo stesso modo, per l’olio extra vergine di oliva di alta qualità, le tue olive saranno state raccolte meno di 24 ore prima della spremitura. Questo garantisce freschezza e alto valore nutrizionale. Le buone aziende ne faranno qualche indicazione sull’etichetta o sulla letteratura.

Potresti anche tenere gli occhi aperti per l’olio d’oliva fatto da un tipo di oliva che proviene da un posto. Il sapore è puro. Non c’è fango con altri tipi di olive coltivate altrove, in condizioni diverse. Questo è ciò che significa l’olio d’oliva coltivato a singola tenuta o tenuta. Vedi le varietà di olive sull’etichetta? Se è così, questo è un altro grande segno di buon olio d’oliva!

 

olio d'oliva biologico

Come entra in gioco il biologico?

Non sono tutti gli extra vergini biologici? La risposta è no, non sempre – almeno quando si tratta di olio d’oliva! L’olio d’oliva biologico riguarda il modo in cui gli agricoltori coltivano le olive. Non ha nulla a che fare con il modo in cui l’olio è stato prodotto da queste olive, che è dove entra in gioco la parte extra vergine.

Per essere certificate biologiche, le olive saranno state allevate senza pesticidi. Secondo questo pensiero, l’olio extra vergine di oliva biologico deve essere il Santo Graal – o lo è?

Gli ulivi sono resistenti e resistenti alle malattie. Molti coltivatori e consumatori dicono che questi alberi richiedono comunque un minimo di pesticidi. Quindi hai davvero bisogno di diventare biologico?

Il fattore chiave da considerare qui è la quantità di trasparenza che stai ottenendo sul prodotto che stai mangiando.

Anche se l’agricoltore non ha avuto bisogno di usare pesticidi, non hai alcuna garanzia che gli ulivi non siano stati trattati con fertilizzanti chimici, irradiazione o fanghi di depurazione. Inoltre, non vi è alcuna garanzia che non siano stati coltivati da semi geneticamente modificati.

Puoi essere sicuro che la terra non sia stata coltivata in un modo che non sia favorevole alla salute a lungo termine – per il suolo, le piante o gli esseri umani?

Un olio d’oliva certificato biologico ti dà certezza su tutto questo. Saprai come l’olio che acquisti influisce sull’ambiente. Inoltre, saprai di più su ciò che stai mettendo nel tuo corpo.

Letture correlate

Scopri da dove viene il tuo olio d’oliva

Infine, se sei un fervente amante delle olive – c’è qualche altro tipo di vero amante delle olive?! – avrai notato che, mentre i nutrienti nell’olio saranno simili, le olive greche e italiane hanno un sapore diverso.

E poi ci sono le olive croate, libanesi e spagnole… e poi le regioni all’interno di ogni paese! Potrebbe valere la pena capire quale paese e regione si adatta meglio ai tuoi gusti e sapere da quale produttore di olio d’oliva in quella regione stai acquistando.

C’è un paese, ma nessuna regione, indicato sull’etichetta del tuo olio? Quindi è possibile che le olive stesse provengano da altrove e siano state imbottigliate solo nel paese dato.

Ora capirai un po ‘di più sul perché questo non è ottimale. Pratiche come questa e la diluizione di oli d’oliva naturali con altri tipi di oli sono al centro delle discussioni sulla purezza di alcuni oli d’oliva.

 

benefici dell'olio d'oliva

Bottiglia d’oro

Come probabilmente è ovvio ormai, in Erbology siamo grandi fan dell’olio d’oliva. Non solo ha un profilo nutrizionale impressionante, ma può essere utilizzato per creare piatti deliziosi o anche per essere mangiato semplicemente con pane appena sfornato.

Le olive sono state raccolte dagli esseri umani da prima che la storia fosse registrata. Il simbolismo degli ulivi è ricco e risonante tra le culture; il sapore del buon olio d’oliva trasforma il cibo e la cucina da mero sostentamento a spiritualmente appagante. Onora tutto questo nella tua cucina, se puoi, e la storia e l’umanità fluiscono nel tuo piatto dalla tua bottiglia di olio d’oliva.

Letture correlate

Sign up to Erbology updates and get a surprise.

By subscribing you agree to our Terms and Privacy Policy.

  • References

    (1) Niki, Etsuo. “Prove degli effetti benefici della vitamina E.” La rivista coreana di medicina interna vol. 30,5 (2015): 571-9. DOI:10.3904/kjim.2015.30.5.571.

    (2) Rimm EB, Stampfer MJ. Antiossidanti per le malattie vascolari. Med Clin Nord Am. 2000;84:239-49.

    (3) Feskanich D, Weber P, Willett WC, Rockett H, Booth SL, Colditz GA. Assunzione di vitamina K e fratture dell’anca nelle donne: uno studio prospettico. Am J Clin Nutr. 1999;69:74–9.

    (4) Hayes, Joy e Gretchen Benson. “Cosa ci dicono le ultime prove sul grasso e sulla salute cardiovascolare.” Spettro del diabete : una pubblicazione dell’American Diabetes Association vol. 29,3 (2016): 171-5. DOI:10.2337/diaspect.29.3.171.

    (5) Menendez et al, “L’acido oleico, il principale acido grasso monoinsaturo dell’olio d’oliva, sopprime l’espressione di Her-2/neu (erbB-2) e migliora sinergicamente gli effetti inibitori della crescita di trastuzumab (Herceptin) nelle cellule del cancro al seno con amplificazione dell’oncogene Her-2/neu”, Annals of Oncology, 2005.

    (6) Kremer et al, “Supplemento dietetico di olio di pesce e olio d’oliva in pazienti con artrite reumatoide. Effetti clinici e immunologici”, Arthritis & Rheumatology, 1990.

    (7) Lanza, Barbara e Paolino Ninfali. “Antiossidanti in extra virgin olio d’oliva e olive da tavola: connessioni tra agricoltura e lavorazione per le scelte di salute.” Antiossidanti (Basilea, Svizzera) vol. 9,1 41. 2 gennaio 2020, DOI:10.3390/antiox9010041.

    Crediti fotografici: Nick Bondarev, John Cameron

Invite & Earn

X
Signup to start sharing your link
Signup