Erbology
Packaging sostenibile: come creiamo il nostro

Packaging sostenibile: come creiamo il nostro

Team ErbologyErbology

Ora più che mai, stiamo iniziando a capire quanto impatto abbia la nostra spazzatura scartata sul pianeta. L'imballaggio sostenibile è assolutamente fondamentale per garantire che la nostra attività non danneggi l'ambiente. Quindi, diamo un'occhiata al nostro packaging, a come lo realizziamo e ai nostri piani per diventare ancora più sostenibili in futuro.

June 17, 2022 3:51 pm

Cos’è il packaging sostenibile?

L’imballaggio sostenibile è qualsiasi custodia o copertura protettiva per un prodotto realizzato con materiali che non danneggiano l’ambiente.

Questo può includere:

  • Imballaggi riciclabili
  • Imballaggi biodegradabili
  • Imballaggi riutilizzabili

L’idea è che questi tipi di materiali possano sostituire alternative dannose e dispendiose, come la plastica monouso.

Perché abbiamo bisogno di imballaggi sostenibili?

Nel corso dell’ultimo secolo, una vasta gamma di beni di consumo convenienti e convenienti sono arrivati sul mercato. Naturalmente, ciò significa anche un enorme aumento della quantità di imballaggi che utilizziamo.

Naturalmente, il materiale più diffamato di tutti è la plastica. Ma non è sempre stato così. Quando la plastica completamente sintetica fu inventata per la prima volta nel 1907 da Leo Baekeland (famoso per la bachelite), divenne il precursore di una nuova era. Era forte, resistente ed economico. (1)

Non solo significava che la gente comune poteva improvvisamente permettersi oggetti di lusso come macchine fotografiche, telefoni e radio, ma ha portato una nuova ondata di invenzioni.

La plastica viene utilizzata per isolare i cavi, per realizzare tute spaziali e sacche di plasma sanguigno, in sostituzioni articolari e calze di nylon. In breve, era l’ultimo “materiale miracoloso”.

Allora, dove è andato tutto storto?

 

rifiuti di rifiuti di plastica

La plastica diventa un problema

Negli anni del dopoguerra, la plastica economica e conveniente ha iniziato a prendere il posto di materiali come carta e vetro nei prodotti di consumo comuni. (1)

Sfortunatamente, le stesse proprietà che rendono utile la plastica rendono anche incredibilmente difficile liberarsene.

Un pannolino usa e getta impiega circa 500 anni per degradarsi. (2) Per metterlo in prospettiva, se il re Enrico VIII (o, ammettiamolo, probabilmente una delle cameriere della regina) fosse stato in grado di usare un pannolino usa e getta su Mary Tudor, ce ne saremmo sbarazzati solo ora.

Anche l’ipotetico spazzolino da denti in plastica di Enrico VIII e le cialde di caffè usa e getta sarebbero ancora con noi; saremmo finalmente riusciti ad eliminare i suoi bicchieri di plastica e le bottiglie d’acqua nel 1971 circa. (2)

Quando inizi a pensare all’enorme quantità di plastica che ognuno di noi usa ogni giorno, diventa presto difficile capire quanto di essa si accumula quando tutti noi la buttiamo via. E a differenza della carta o del cartone, la plastica non si rompe rapidamente; è in giro per secoli.

Quindi, la domanda diventa: cosa facciamo con tutta la nostra plastica?

Discariche e oceani

Quando acquisti un prodotto con confezione monouso, hai essenzialmente due opzioni come consumatore. Puoi gettarlo nel cestino o puoi riciclarlo. Sfortunatamente, molti rifiuti sono anche “mal gestiti”, il che significa che sono disseminati o scaricati in un luogo inappropriato.

Se non riciclati, i rifiuti di plastica tendono a finire in discarica (grandi fosse di rifiuti sepolti sottoterra) o nei nostri oceani. I rifiuti vengono spesso trasportati lì da sistemi fluviali.

In un terribile esempio del 1990, il fiume Pasig nelle Filippine è stato dichiarato “biologicamente morto” a causa dell’enorme quantità di rifiuti di plastica che soffocano la vita lì. (3)

La famosa isola di Henderson nel Pacifico meridionale è completamente disabitata, ma ospita 38 milioni di pezzi di rifiuti di plastica che sono stati lavati lì da altri paesi dalle correnti oceaniche. (4)

O che ne dici del Great Pacific Garbage Patch? Conosciuta anche come “isola della spazzatura” o “vortice della spazzatura del Pacifico”, questa enorme raccolta di rifiuti galleggia insieme nell’Oceano Pacifico, raccolta dalle correnti. Gli scienziati non sanno quanto sia grande; è semplicemente troppo grande per la pesca a strascico. (5)

Se finisce in discarica, i nostri rifiuti di plastica non solo creano un pugno nell’occhio, ma rilasciano gas, tossine e odori oltre a causare infestazioni da parassiti. E, a causa della lunga durata della plastica, le discariche saranno con noi per un tempo molto lungo. (6)

 

{%ALT_TEXT%}
Inquinamento nel fiume Pasig nelle Filippine

Invertire la tendenza

Basta storie dell’orrore; cosa si sta facendo per prevenire questo livello di inquinamento?

Fortunatamente, i consumatori stanno diventando molto più consapevoli degli aspetti negativi della plastica monouso e chiedono alternative.

Ciò ha portato molte nazioni in tutto il mondo a introdurre una legislazione per proteggere l’ambiente. (Alcuni, in particolare, hanno molto da recuperare.)

Ad esempio, negli Stati Uniti, 16 stati hanno introdotto regolamenti sui rifiuti di imballaggio, progettati per ridurre la plastica monouso e incoraggiare un maggiore riciclaggio. (7)

Sfortunatamente, ciò significa che 34 Stati non l’hanno fatto.

Le cose stanno andando meglio in Europa, dove Francia, Germania e Regno Unito guidano il gruppo in termini di sostenibilità ambientale. Nel frattempo, la Thailandia ha vietato i sacchetti di plastica monouso e la Cina ha smesso di importare rifiuti stranieri, aumentando anche il riciclaggio e il riutilizzo dei prodotti in plastica. (7)

E le aziende private?

Molti marchi e aziende hanno capito che i consumatori non accetteranno più prodotti e pratiche insostenibili.

È incoraggiante che quasi tutte le prime 100 aziende FMCG si siano impegnate a raggiungere gli obiettivi di sostenibilità. Più comunemente, questi includono:

  • Assicurarsi che il loro imballaggio sia completamente riciclabile
  • Utilizzare più materiali riciclati nei loro imballaggi
  • Ridurre la quantità complessiva di plastica che usano
  • Innovazione nel packaging per ridurre l’impatto ambientale.

I marchi stanno anche cercando modi per rinnovare completamente i loro modelli di business, passando da imballaggi monouso a opzioni riutilizzabili e ricaricabili.

 

grande olio di amaranto

Il problema unico del packaging sostenibile per gli alimenti

C’è molto che può essere fatto per rendere gli imballaggi alimentari più sostenibili. Molte aziende hanno già trovato modi innovativi – o meno innovativi – per farlo.

Ad esempio, nel Regno Unito c’è stata una spinta negli ultimi anni per rimuovere gli imballaggi di plastica non necessari dai prodotti dei supermercati come frutta e verdura. In parole povere, non c’è bisogno di questo imballaggio aggiuntivo; il cibo è protetto dalla buccia della frutta o della verdura stessa.

Nel Regno Unito, ASDA, Lidl e Aldi hanno tutti vietato i sacchetti di plastica monouso per frutta e verdura. Una vittoria facile per l’ambiente!

Tuttavia, la questione diventa più complicata con altri tipi di alimenti, che richiedono l’imballaggio per arrivare in sicurezza a destinazione.

Ad esempio, le bevande analcoliche sono state uno dei principali colpevoli del boom delle bottiglie di plastica PET. (1) Mentre leggeri, sicuri e forti, sono un incubo di cui sbarazzarsi. Quindi, quali sono le alternative?

Letture correlate

 

azienda agricola biodinamica

"La famosa isola di Henderson nel Pacifico meridionale è completamente disabitata, ma ospita 38 milioni di pezzi di rifiuti di plastica che sono stati lavati lì da altri paesi dalle correnti oceaniche. (4)"

Un modo migliore di confezionare gli alimenti

In Erbology, seguiamo alcune semplici regole quando si tratta del nostro imballaggio. I materiali che utilizziamo sono: vetro ambrato, cartone, alluminio (per tappi di bottiglia), film plastico sottile e carta.

1. Ne stiamo usando il meno possibile?

I nostri prodotti abbracciano il potere della semplicità, e anche il nostro packaging lo fa. Non abbiamo bisogno di imballaggi appariscenti ed eccessivi: i nostri prodotti parlano da soli. Quindi, il lavoro del nostro packaging è quello di portarli a voi in un unico pezzo.

Ci chiediamo sempre: come possiamo utilizzare la quantità minima di imballaggio che mantiene i nostri prodotti al sicuro?

Ecco perché i nostri prodotti utilizzano imballaggi compatti. Le nostre sfere energetiche, ad esempio, sono disponibili in un piccolo strato esterno di cartone che protegge le palline morbide e squidgy dai danni, senza essere più grandi del necessario.

Imballaggio minimo, ingombro minimo.

Proprio come i nostri prodotti, ordiniamo i nostri imballaggi in piccoli lotti. Quando un ordine è esaurito, ne ordiniamo un altro, assicurandoci che nulla venga sprecato.

Di recente abbiamo preso la decisione di rimuovere l’involucro di cartone dalla nostra gamma di snack. Anche se sembrava bellissimo, alla fine non potevamo giustificare il mantenimento dello strato extra non necessario.

 

muesli per la salute dell'intestino

2. Protegge efficacemente i nostri prodotti?

Come azienda alimentare, dobbiamo assicurarci che i nostri prodotti raggiungano i nostri clienti in ottime condizioni. Ciò significa che siamo esclusi dall’utilizzo di determinati materiali per i nostri prodotti, in quanto non si qualificano come “commestibili”.

Un’area che siamo particolarmente desiderosi di esplorare sono le alternative biodegradabili al film plastico che attualmente utilizziamo nella nostra gamma di snack. I nostri cracker e muesli attualmente includono un film sottile che ci consente di rendere l’imballaggio ermetico, proteggendo il prodotto da contaminanti e umidità.

Ci piacerebbe sostituirlo con alternative biodegradabili. Tuttavia, c’è un grosso problema con questo tipo di imballaggio quando si tratta di alimenti: l’imballaggio stesso può biodegradarsi attorno al prodotto prima che raggiunga la sua data di scadenza.

Attualmente, non crediamo che ci siano abbastanza buone alternative biodegradabili sul mercato per effettuare lo swap. Ne conosci uno o possiedi un’azienda che produce imballaggi biodegradabili per uso alimentare? Ci piacerebbe avere tue notizie.

Quindi, per il momento, dobbiamo usare film plastici. Quindi, ci siamo assicurati che sia privo di BPA e facilmente riciclabile, insieme al resto dei nostri imballaggi.

3. Il piccolo imballaggio che utilizziamo è ecologico?

Ci assicuriamo che tutti gli imballaggi che utilizziamo siano il più possibile sostenibili e rispettosi dell’ambiente. Mentre i nostri imballaggi sono sempre stati riciclabili, abbiamo apportato alcune modifiche più di recente nel tentativo di diventare ancora più sostenibili.

Tutti i nostri oli sono confezionati in bottiglie di vetro ambrato riciclabili. È importante utilizzare il vetro ambrato poiché alcuni dei nostri prodotti sono sensibili alla luce. Ad esempio, l’esposizione alla luce può degradare i composti antiossidanti presenti nell’olio d’oliva e indurre l’olio a produrre composti che ne alterano il sapore. (9)

Il vetro ambrato è facilmente e ampiamente riciclato.

 

Fungo chaga selvatico

Vetro contro plastica e carta

Nell’ultimo anno, abbiamo preso la decisione di passare da imballaggi a base di cartone per le nostre polveri a barattoli di vetro ambrato. Non solo proteggono le nostre polveri allo stesso modo dei nostri oli, ma forniscono una conservazione ermetica negli armadi e possono anche essere riutilizzati per ospitare altre cose.

Tienili se fai marmellata fatta in casa o trasferisci altre polveri acquistate in sacchetti o imballaggi più deboli in essi per la custodia.

Inoltre, mentre la carta e il cartone possono essere riciclati, devono essere trattati chimicamente per rimuovere gli inchiostri e riformarli per un nuovo uso. Ciò riduce il numero di volte in cui può essere riutilizzato, mentre il vetro può essere riciclato quasi per sempre senza perdita di qualità. (10)

Ci stiamo anche allontanando dalla plastica riciclabile nel nostro campo di tiro. Questi saranno presto disponibili in contenitori di vetro trasparente. I contenitori stessi sono più grandi di quelli di plastica che abbiamo usato in precedenza, il che significa più prodotto per te (senza costi aggiuntivi!).

Ci si potrebbe chiedere: se entrambi sono destinati al riciclo, qual è la differenza tra riciclare plastica e vetro? Bene, il vetro viene riciclato a un livello molto più alto e più coerente. In Europa, l’80% del vetro viene riciclato. (10)

Alluminio per i nostri tappi di bottiglia

Infine, stiamo passando ai tappi di bottiglia in alluminio per lo stesso motivo. L’alluminio è un materiale quasi perfetto per il riciclaggio. In effetti, riciclare l’alluminio è circa il 90% più ecologico rispetto alla produzione del nuovo materiale. (11)

Riciclare una singola bevanda in alluminio può far risparmiare energia sufficiente per ascoltare un intero album su un iPod – e con 9.591 lattine prodotte nel solo Regno Unito, puoi presto vedere quanta differenza fa. (11) (12)

È anche un materiale ampiamente riciclato e mantiene la sua qualità durante tutto il processo di riciclaggio. Circa il 75% di tutto l’alluminio mai prodotto è ancora oggi in circolazione. (11) Questa è la differenza rispetto alla plastica monouso!

I nostri materiali di spedizione

Ora che abbiamo considerato i materiali per l’imballaggio dei nostri prodotti, dobbiamo pensare a come li portiamo a voi in modo sicuro.

Il vetro – sebbene estremamente rispettoso dell’ambiente – è un materiale fragile e può essere danneggiato durante il trasporto a meno che non adottiamo misure per proteggerlo. Abbiamo quindi bisogno di fornire un po ‘di imbottitura per assicurarci che ti raggiunga in ottima forma.

Non utilizziamo plastica, pluriball o polistirolo per proteggere i nostri prodotti, ma utilizziamo carta marrone secondo necessità. Abbiamo anche adottato misure per rimuovere l’imbottitura ove possibile. Ti sei mai chiesto perché vendiamo i nostri cracker in pacchetti da sei o pacchetti da 12? È perché si impilano saldamente nelle nostre scatole, mantenendosi l’un l’altro al sicuro da danni senza la necessità di un’imbottitura aggiuntiva.

Dopo aver ascoltato il feedback dei nostri clienti, abbiamo anche eliminato il nastro da imballaggio dai nostri materiali di spedizione. Invece, ora usiamo nastro di carta autoadesivo per sigillare le nostre scatole.

 

Mandorle italiane

4. È facile da gestire per i nostri clienti, assicurandosi che non si trovi negli oceani o nelle discariche?

Quindi, ora i tuoi prodotti sono arrivati alla tua porta. Hai aperto la tua scatola, entusiasta di provare i nuovi prodotti all’interno (forse hai già mangiato uno sgranocchiare uno dei cracker!).

Cosa puoi fare per assicurarti che l’imballaggio che ti abbiamo inviato non abbia un effetto negativo sull’ambiente?

Il primo e più importante punto è assicurarsi che tutti i nostri imballaggi finiscano nel riciclaggio. Tutti i materiali che utilizziamo sono ampiamente riciclati e saranno raccolti dalla maggior parte dei comuni.

Assicurati di abbattere le nostre scatole prima di inserirle nel tuo riciclaggio, in quanto ciò farà risparmiare spazio per altri rifiuti.

Se è possibile conservare o riutilizzare uno qualsiasi dei nostri imballaggi, si prega di farlo. Le nostre scatole sono realizzate in cartone spesso che può raddoppiare come deposito nella dispensa o in casa. Come già accennato, i nostri barattoli possono essere riempiti e riutilizzati.

Il futuro del nostro packaging

C’è sempre spazio per noi per migliorare la sostenibilità dei nostri imballaggi. I metodi che usiamo ora non sono scolpiti nella pietra; se un’altra opzione migliore diventa disponibile, passeremo ad essa.

Stiamo tenendo d’occhio lo sviluppo di alternative in plastica biodegradabile a prezzi accessibili e altri modi in cui possiamo eliminare definitivamente la plastica dai nostri imballaggi. Allo stesso modo, facciamo attenzione a qualsiasi nuova tecnologia rivoluzionaria che possiamo utilizzare per rendere i nostri imballaggi più sostenibili.

Un giorno, speriamo di essere in grado di impostare un sistema di restituzione degli imballaggi che ti permetterà di rispedirci i tuoi barattoli e bottiglie usati, in modo da poter dare loro una seconda vita. Guarda questo spazio per ulteriori notizie.

Letture correlate

Sign up to Erbology updates and get a surprise.

By subscribing you agree to our Terms and Privacy Policy.

Invite & Earn

X
Signup to start sharing your link
Signup