Erbology
Benefici del basilico santo: lunga vita alla Regina delle Erbe

Benefici del basilico santo: lunga vita alla Regina delle Erbe

Team ErbologyErbology

In Ayurveda, tulsi, o basilico santo, è conosciuta come la Regina delle Erbe. Scopri di più sui benefici del basilico sacro e sulle intuizioni che la scienza occidentale porta.

July 20, 2020 12:00 pm

Tulsi e il Taj Mahal

Sopra le strade di Agra si erge il Taj Mahal. Questo maestoso edificio è una delle nuove Sette Meraviglie del Mondo, le sue mura d’avorio e le imponenti cupole attirano milioni di visitatori all’anno. Incastonato contro il sole nascente, l’enorme mausoleo si trasforma in un rosa etereo, per abbinarsi al cielo.

Il Taj Mahal fu commissionato nel 1632 dall’imperatore Mughal Shah Jahan, e i suoi inizi furono piuttosto tragici. L’enorme edificio fu progettato come luogo di riposo finale per la moglie preferita dell’imperatore, Mumtaz Mahal. È un monumento all’amore e al dolore, assicurando che Mumtaz sarebbe stato ricordato per sempre.

Se guardi da vicino intorno all’edificio, tuttavia, vedrai che è circondato da arbusti verdi e frondosi. Le loro foglie sono seghettate e sembrano un incrocio tra basilico e menta. Questa pianta è tulsi, o basilico santo, e si è guadagnata un posto accanto a una delle meraviglie del mondo.

Come ha fatto Tulsi a sedersi accanto al Taj Mahal? Sorprendentemente, è perché questa potente pianta aiuta a ridurre gli effetti dell’inquinamento ambientale sul prezioso edificio.

Questo dà solo un accenno agli effetti purificanti che tulsi può anche avere in termini di salute.

Tipi di tulsi

Esistono diversi tipi di basilico santo. I due tipi più comuni sono Krishna tulsi (che è di colore nero o viola) e Vana bianco, o selvaggio, tulsi. Dei due, Krishna tulsi è più ricco di antiossidanti.

Fai attenzione a non confondere il basilico santo con altri tipi di basilico. Mentre sono membri della stessa famiglia e genere, non sono la stessa specie e non sono associati agli stessi effetti curativi.

Nella medicina tradizionale indiana, l’Ayurveda, ogni parte della pianta di tulsi è curativa. (1) Puoi prepararlo in vari modi per beneficiare dei suoi diversi benefici per la salute.

Tulsi è sacro per gli indù, che credono che il terreno in cui cresce diventerà più ricco e più fertile. Più recentemente, la scienza occidentale ha sostenuto questa nozione identificando funghi endofiti benefici nel terreno in cui cresce il tulsi. È bello sapere che questa credenza tradizionale intorno a tulsi era corretta, ma sfortunatamente toglie un po ‘di romanticismo!

In termini di prodotti per la salute, puoi trovare tulsi come tè, tintura, integratore o come polvere. Ma cosa può fare esattamente per la nostra salute?

1. Il basilico santo avvantaggia i tuoi livelli di stress …

In questi giorni, usiamo il termine “stress” così spesso che è facile dimenticare cosa significhi veramente. Ufficialmente, lo stress è un stato di tensione o tensione derivante da circostanze avverse o impegnative. Dal punto di vista medico, le fonti e gli effetti dello stress possono essere fisici (come affaticamento o inquinamento) o mentali (come ansia o superlavoro).

Questi problemi possono influenzare il modo in cui elaboriamo il cibo un’energia, mettendoci in uno stato chiamato “stress metabolico”.

Fortunatamente, gli studi hanno suggerito che tulsi potrebbe essere in grado di aiutarci a gestire tutti questi tipi di stress.

Per fare un esempio, pensa a un momento in cui i lavori stradali fuori dalla tua finestra, o la musica ad alto volume di un vicino, ti hanno irritato. Il rumore è infatti un fattore di stress per i nostri corpi e può causare stress ossidativo nel nostro cervello. Uno studio ha scoperto che il basilico santo riduce notevolmente questo tipo di stress. (1)

Inoltre, ha incoraggiato la sintesi degli acidi biliari, che ha portato a livelli lipidici più bassi nei partecipanti. Questo è un buon segno che ci aiuta a elaborare gli alimenti. Uno studio diverso, che ha scoperto che il basilico santo riduce lo stress metabolico, fornisce prove più incoraggianti.

Abbiamo accennato brevemente che i fattori di stress fisico possono includere l’inquinamento. Questo si estende anche alle tossine nel nostro ambiente. Fortunatamente, un altro studio ha dimostrato che l’estratto di basilico santo ha avuto un significativo effetto protettivo contro i metalli pesanti nel nostro ambiente o cibo. In altre parole, l’arsenico che in precedenza si presentava nel fegato, nei reni e nel sangue dei partecipanti è stato ridotto dopo la somministrazione del basilico santo. (3)

… e il tuo umore

I disturbi dell’umore come l’ansia e la depressione possono essere causati dallo stress, ma questo non è sempre il caso. Tuttavia, mentre le cause di questi disturbi rimangono poco chiare, uno studio ha scoperto che tulsi potrebbe aiutare con entrambi,

I ricercatori hanno scoperto che l’estratto di basilico santo ha mostrato sia effetti anti-ansia che antidepressivi. (4)

Letture correlate

 

2. Il basilico santo beneficia della guarigione delle ferite e della diminuzione delle infezioni

Quelli di noi che hanno la fortuna di essere in buona salute generale raramente pensano a com’è la vita per le persone che soffrono di malattie croniche. Sfortunatamente, oltre ai sintomi principali, molte malattie croniche indeboliscono anche il sistema immunitario e rallentano la guarigione delle ferite. Una di queste malattie croniche è il diabete.

Oltre ad aggiungere grande dolore e stress per gli individui, il diabete è anche un onere economico per gli ospedali e la società.

Uno studio ha scoperto che il basilico santo ha accelerato la guarigione delle ferite nei diabetici perché supporta la formazione di nuovi tessuti. Allo stesso tempo, gli antiossidanti nel basilico santo hanno ridotto la presenza di radicali liberi, glicemia e abbassato la presenza di un enzima che segna l’infiammazione e lo stress ossidativo. (5)

Inoltre, le proprietà anti-fungine, anti-batteriche e anti-virali di tulsi supportano il corpo nella lotta contro gli agenti patogeni che, lasciati incontrollati, potrebbero portare a infezioni. Le risposte immunitarie sia nei corpi stressati che in quelli non stressati sono potenziate da tulsi.

Infine, un’ampia rassegna di studi su tulsi ha citato studi di successo che esaminano come l’erba può essere utilizzata per combattere una vasta gamma di infezioni, dalla malaria e dalla febbre dengue alle infezioni del tratto urinario o UTI. (1)

3. Il basilico santo ti aiuta a proteggerti dalle tossine

Come sappiamo, le tossine provenienti dall’ambiente e dalle cose che consumiamo possono avere un effetto negativo sulla nostra salute. Questo potrebbe essere qualsiasi cosa, dalle sostanze chimiche nei gas di scarico delle auto ai pesticidi utilizzati su colture non biologiche.

Tulsi potrebbe essere in grado di proteggerci in qualche modo dai danni causati da queste tossine.

Gran parte di questo è dovuto ai composti fenolici e agli antiossidanti che contiene naturalmente. Ma non è tutto: il basilico santo supporta anche la capacità del fegato di elaborare e purificare i composti tossici. Come? Nutre un tipo speciale di enzima, il citocromo P450, che aiuta il fegato a spegnere le tossine. Possono quindi essere smaltiti in modo sicuro. (6)

Procurarsi il basilico santo

Se stai leggendo questo articolo, probabilmente sei consapevole di cercare cibo che viene coltivato nel modo più sano possibile. È una buona regola generale da avere, ma è particolarmente importante quando si tratta di tulsi.

Ripensa alle piante di tulsi coltivate intorno al Taj Mahal. Sono lì appositamente per raccogliere le tossine per proteggere l’edificio. Questa è una pianta che aspira gioiosamente inquinanti; infatti, uno studio ha scoperto che le foglie di tulsi coltivate in aree inquinate hanno quasi il doppio della quantità di tossine di quelle coltivate in aree più pulite. (7)

Certamente non vuoi che nessun inquinante tulsi abbia raccolto per entrare nel tuo sistema!

Assicurati di procurarti il tuo tulsi da aree non inquinate senza una storia di metalli pesanti e fertilizzanti tossici. Dovresti anche sapere che c’è stata qualche controversia sull’autenticità del tulsi proveniente dall’Europa.

È meglio procurarsi tulsi dalla sua terra d’origine. Much della coltivazione del basilico santo in India sostiene valori biologici, etici, del commercio equo ed ecologico. In effetti, migliaia di piccoli agricoltori tulsi rurali in India si sono uniti sotto un’organizzazione ombrello per formare un modello di business che valorizza gli esseri umani e l’ambiente rispetto alle corporazioni e alle tossine.

Letture correlate

 

Come usare tulsi

Tulsi è tradizionalmente preso come un tè. Il tè Tulsi è molto semplice; semplicemente immergere le foglie in acqua calda. Lascialo raffreddare, se preferisci il tè freddo. Il sapore è tagliente, delicato e dolce, ricorda vagamente il cugino, il basilico, ma con più complessità.

Tuttavia, se desideri migliorare la tua birra, le aggiunte di zenzero, limone, miele e / o cardamomo verde macinato sono complementari sia per il sapore che per la salute!

Se trovi foglie di basilico santo fresche o secche, puoi anche usarle nella tua cucina, come con altri tipi di basilico. È particolarmente buono in patatine fritte o zuppe piccanti, potresti trovare tulsi chiamato “basilico caldo” in alcuni libri di cucina.

Tulsi negli usi tradizionali

Il consumo giornaliero di tulsi è ampiamente praticato in Ayurveda e una pianta di tulsi in casa fa parte dell’induismo. Tulsi è una dea in questa tradizione, con rituali serali e mattutini e altre usanze che le rendono omaggio.

Il profumo speciale della pianta, che si dice sia simile al chiodo di garofano, rappresenta una connessione con il divino. L’acqua santa a base di tulsi è anche importante nell’induismo e in alcune tradizioni greco-ortodosse.

In un contesto ayurvedico, si ritiene che il basilico santo penetri nei tessuti a un livello profondo, riduca gli scarichi malsani e bilanci vata e kapha, due dei tre dosha ayurvedici. I dosha sono energie essenziali che ci modellano.

Mentre gli studi occidentali che abbiamo citato qui guardano a come il basilico santo beneficia di disturbi o malattie, il basilico santo ha più di un ruolo preventivo nel contesto dell’Ayurveda. In questa cultura, tulsi è usato in senso adattogeno.

"Gli adattogeni sono piante ed erbe speciali che hanno la capacità di riequilibrarci, non importa quanto possiamo essere fuori dal comune."

 

Gli adattogeni ci aiutano a diventare più resilienti e meglio in grado di affrontare tutto ciò che può accadere sulla nostra strada. Normalmente li prenderesti anche mentre ti senti in salute, al fine di prevenire disturbi causati dallo stress. In Erbology, si consiglia di assumere adattogeni per venti giorni prima di avere una breve pausa per consentire al corpo di riposare e recuperare.

Se hai praticato yoga, probabilmente hai una certa consapevolezza di come ti fa sentire rispetto ad altri tipi di esercizio. Lo yoga ci porta fluidità e facilità nella mente, nel corpo e nello spirito in un modo che l’esercizio aerobico, sebbene importante, non fa. Tulsi è un po’ come lo yoga; è un modo olistico di prendersi cura di se stessi.

Letture correlate

 

Benefici del basilico santo

Effetti collaterali del basilico santo

Il basilico santo può causare nausea o diarrea in alcuni individui. È meglio iniziare con una piccola dose e poi accumulare. L’uso a lungo termine non è convalidato dalla medicina occidentale, ma è molto centrale nell’Ayurveda.

Inoltre, come con molte erbe curative che non sono state ampiamente testate, è meglio non prendere il basilico santo durante la gravidanza o l’allattamento. Questo è particolarmente vero per il basilico santo, perché alcuni studi sugli animali hanno scoperto che provoca complicazioni sia con la fecondazione che con il mantenimento di una gravidanza a termine. Mentre non c’è nulla che indichi che questo sia vero anche per gli esseri umani, errare sul lato della cautela.

Anche gli individui con diabete o ipotiroidismo dovrebbero fare attenzione. Inoltre, se hai in programma un intervento chirurgico, dovresti interrompere l’assunzione di basilico santo almeno due settimane prima dell’intervento. Questo perché il basilico santo può rallentare la coagulazione del sangue. Come segue, chiunque assuma farmaci che rallentano l’ispessimento del sangue – in altre parole, anticoagulanti o antipiastrinici – dovrebbe consultare il proprio medico. Tuttavia, non molto è certo sull’interazione.

Infine, chiunque assuma fenobarbital potrebbe aver bisogno di fare attenzione quando si prende l’olio di semi di basilico santo, poiché entrambi causano sonnolenza.

Benefici del basilico santo

  • Ricco di antiossidanti
  • Aiuta a bilanciare gli effetti di tutti i tipi di stress
  • Beneficia la guarigione delle ferite
  • Aiuta a combattere le infezioni

Letture correlate

 

olivello spinoso biologico in polvere

Sign up to Erbology updates and get a surprise.

By subscribing you agree to our Terms and Privacy Policy.

  • References

    (1) Cohen, Marc Maurice, “Tulsi – Ocimum sanctum: Un’erba per tutte le ragioni”, Journal of Ayurveda and Integrative Medicine, 2014.

    (2) Suanarunsawat et al, “Lipid-lowering and Antioxidative Activities of Aqueous Extract of Ocimum Sanctum L. Leaves in Rats Fed With a High-Cholesterol Diet”, Oxidative Medicine and Cell Longevity, 2011.

    (3) Banu et al, “Effetti dell’estratto di foglie di Ocimum Sanctum L. On Arsenic-Induced Toxicity in Wistar Albino Rats”, Food and Chemical Toxicology, 2009.

    (4) Chatterjee et al, “Evaluation of Ethanol Leaf Extract of Ocimum Sanctum in Experimental Models of Anxiety and Depression”, Biologia farmaceutica, 2011.

    (5) Gautam, Manish e Goel, Ruchika, “Wound Healing Effect of Ocimum sanctum Leaves Extract in Diabetic Rats”, documento di conferenza, International Conference on Diabetes & Metabolism, 2013.

    (6) Rastogi et al, “Protective effect of Ocimum sanctum on 3-methylcholanthrene, 7,12-dimethylbenz (a) anthracene and aflatoxin B1 induced skin tumorigenesis in mice”, Toxicology and Applied Pharmacology, 2007.

    (7) Singh et al, “Tulsi: The Mother Medicine of Nature”, 2a ed. Lucknow: Istituto Internazionale di Erboristeria, 2010.

    Crediti fotografici: Maite Ramos Ortiz, Azlin Bloor, Dane Wetton, Emeraldwiz

     

Invite & Earn

X
Signup to start sharing your link
Signup