fbpx
Erbology
Lauren Lovatt, fondatrice di Plant Academy, sul cibo per la salute mentale

Lauren Lovatt, fondatrice di Plant Academy, sul cibo per la salute mentale

Team ErbologyErbology

Fondatrice di The Plant Academy, Lauren Lovatt è una chef a base vegetale che ha intrapreso un viaggio personale con la sua dieta e il suo benessere. Qui, ci parla del potere del cibo per la salute mentale.

May 18, 2020 8:54 am

 

Nome: Lauren Lovatt
Basato in: Londra, Regno Unito
Occupazione: Chef vegetale e fondatore di

Plant Academy

“Ho sempre amato il cibo. Crescendo, sono stato così fortunato ad essere incoraggiato a creare in cucina. L’atto di fare il cibo mi ha sempre reso felice. Era il mio modo di connettermi con le persone, condividere esperienze deliziose e compiacere me stesso”.

Salute mentale

“È stato solo quando la vita ha girato un angolo che questa passione si è trasformata in ossessione, che sicuramente non era un bene per me o per coloro che mi circondavano.

Fino a quel momento, non sapevo davvero dei problemi di salute mentale. Poi, all’università al mio ragazzo è stato diagnosticato un disturbo bipolare e ho imparato nel modo più duro quanto possa essere paralizzante questa malattia.

Dopo un periodo difficile cercando di sostenerlo, cercando risposte, gestendo stati d’animo folli e cercando disperatamente di capire tratti confusi della mente, abbiamo scoperto che non c’era nessun posto a cui rivolgersi o qualsiasi informazione da trovare; le incredibili campagne là fuori ora non erano così visibili in quel momento e altre sofferenze non avevano ancora una voce.

Dopo una lunga scia di eventi, si è tolto la vita. Questo è stato devastante per tutti intorno e per me. La mia vita si è capovolta. Seguì un anno di notti insonni, dolore doloroso e flashback e iniziai a ammalarmi molto. Come distrazione dal dolore, sono diventato ossessionato dal cibo. Consumato da un intruglio di disturbi alimentari e depressione, mi sono isolato dal mondo e ho trasformato l’unica cosa che avevo sempre amato in qualcosa di molto pericoloso.

 

salute mentale

Ricostruire relazioni positive

“Per alcuni anni, la malattia è stata il mio modo di affrontare. Quando il male peggiorava dovevo cercare aiuto. Attraverso la consulenza, le terapie alternative e un buon supporto è scattato qualcosa che mi ha fatto venire voglia di migliorare. Questo doveva venire dall’interno e ciò che è venuto è stato il mio bisogno di ricostruire relazioni positive – non solo con il cibo, ma con il benessere e più specificamente il benessere per la mente.

Volevo imparare a vivere in un modo che mi permettesse di gestire gli stati d’animo; trovare stabilità e passione attraverso il nutrimento della mia salute mentale. Per fare questo ho sbloccato una nuova cassetta degli attrezzi di ingredienti, piante e superfood che ha scatenato una nuova passione lontana da qualsiasi vecchio problema che avessi.

Per farla breve, mi sono fatto strada attraverso l’università e alla fine ho finito la mia laurea specializzandomi in design del benessere e tendenze dello stile di vita. Poi, non appena si può dire “cavolo”, mi sono riqualificato come chef crudo! Ho intrapreso un nuovo percorso, trovando un modo per connettere tutti con i legami tra cibo a base vegetale, stile di vita e salute mentale”.

La cucina a base vegetale stava cambiando la vita.

Quando ero malato, avevo enormi problemi con il cibo; tante barriere e tanta incertezza. In quel momento, stavo cucinando molto ma mai per me stesso. Ero sulla porta della morte e avevo davvero cancellato il futuro per me stesso.

Un giorno, con un grande supporto intorno a me, mi sono reso conto che non potevo più farlo. Ricordo di essere stato fuori per il compleanno di mia nonna e le restrizioni che stavo mettendo erano insopportabili. Qualcosa ha appena cliccato. Le cose dovevano cambiare ed era tempo di riscoprire il cibo.

Questo è quando le piante sono venute in proprio. Ho ri-imparato a nutrirmi in un modo nuovo e ho visto il vero potere delle piante. Ho fatto piccoli passi per reintrodurre tutti gli alimenti che avevo tagliato, ma a questo punto stavo mangiando principalmente a base vegetale. È stato delicato sul mio sistema e mi ha aperto gli occhi su un nuovo modo di mangiare e, quindi, cucinare.

 

Lauren Lovatt

Seguendo la mia passione

Ciò ha portato a una vera e propria esplorazione di come essere coinvolti nell’industria alimentare. Ho avviato un’attività di consulenza per il benessere. Mi sono connesso con persone che stavano facendo cose stimolanti. Questo mi ha portato a lavorare con Rob Rees MBE, inizia il mio primo lavoro fuori dall’università come “pixie del benessere” (titolo ufficiale) in un posto chiamato The Matara Centre, e alla fine lavora con Asparagasm. Sono stati il primo pop-up vegano a Londra, cercando di aprire locali nelle Cotswolds. In quel momento, avevo circa sei lavori. Stavo esplorando quello che potevo fare.

Avendo sperimentato in prima persona gli effetti paralizzanti della malattia mentale, sapevo che volevo condividere ciò che avevo imparato e fare qualcosa che potevo vedere avere un significato. Queste opportunità mi hanno ritagliato una nuova vita. Ho avuto alcuni grandi mentori in questo momento. Il seme è stato piantato per un concetto in cui potevo dare vita ai sogni attraverso il cibo.

Asparagasm è stato davvero l’inizio di tutto. Dato che era un piccolo ristorante nelle Cotswolds, ho avuto la fortuna di essere coinvolto in ogni elemento della sua creazione. Sono stato in grado di plasmare il marchio in qualcosa che è stato fonte di ispirazione per gli altri. A questo punto, era chiaro che la mia passione non è semplicemente fare cibo, ma creare uno stile di vita e condividere l’idea che tutto è possibile quando ci si mette la testa.

 

Cibo per la salute mentale

È ovvio dire “siamo ciò che mangiamo”. Ma c’è una ricerca là fuori ora sul potere del cibo di nutrire le nostre menti.

Il cervello utilizza un quarto della nostra energia totale. Proprio come mangiare per il fitness, il nostro cervello ha bisogno delle cose giuste. Ma non si tratta solo di ingredienti interi. Si tratta di sviluppare un atteggiamento verso il cibo, la gioia che provi quando sei in cucina; il modo in cui puoi spegnere quando cucini e concentrarti su qualcos’altro.

A molti livelli, il cibo ci nutre non solo con la pura nutrizione, ma con l’atto di cucinare, riunirsi attorno a un tavolo e fare qualcosa di profondamente incredibile per te stesso.

Letture correlate

Dai da mangiare alla tua mente Candy

Nel 2018, ho lanciato Feed your Mind Candy. Organizzo workshop Mind Food, club di cena ed eventi collaborativi che condividono come potrebbe essere uno stile di vita alimentare incentrato sulla mente.

Si tratta di ispirare una migliore salute mentale attraverso il cibo. Non si tratta solo degli ingredienti, ma anche delle esperienze intorno al cibo. È un progetto in corso. Ci sono molte cose in arrivo, quindi aspettati di avere presto un’esperienza tangibile!

 

Da Londra a Bali

Nel corso degli anni ho continuato ad imparare. Sono finito a LA training a Matthew Kenney Culinario. Questo era stato un mio grande sogno. È stato il mio primo viaggio da solista a fare qualcosa con uno scopo. Mi ha aperto gli occhi su un nuovo mondo di opportunità.

In primo luogo, pensavo di andare per un mese. Ho finito per intraprendere altri due mesi di allenamento, uno a Los Angeles e uno a Barcellona. L’azienda mi ha quindi invitato a creare la loro scuola di cucina in città e insegnare agli studenti di tutto il mondo il cibo a base vegetale.

Dopo aver insegnato a Barcellona, stavo cercando una pausa. Avevamo chiuso Asparagasm. Ho deciso di andare a Bali per disintossicarmi. Lì, ho incontrato il fondatore di Accademia di Alchimia. Tutto in quel viaggio mi ha indirizzato nella stessa direzione. Nel giro di pochi mesi, abbiamo collaborato e progettato un corso di secondo livello a base vegetale per l’Alchimia. Quindi, ora insegno lì due volte l’anno.

Imparare l’arte del crudo con Deborah Durrant

Il cibo crudo per me offriva una nuova prospettiva e Debs ne faceva parte. Aveva creato uno studio di cibo crudo e ho iniziato ad allenarmi con lei appo