Erbology
Quali sono i benefici del tè Tulsi?

Quali sono i benefici del tè Tulsi?

Team ErbologyErbology

Tulsi è elogiata come la "Regina delle erbe" ed è ampiamente usata nella tradizione ayurvedica come adattogeno. Ma cos'è il tè Tulsi e quali sono i benefici?

June 16, 2022 1:11 pm

La scienza ayurvedica della vita

L’Ayurveda è uno dei sistemi medici più antichi del mondo. Il suo approccio alla salute e alla malattia è olistico e focalizzato sulla prevenzione delle malattie e sulla promozione della buona salute. Infatti, l’Ayurveda incoraggia scelte di vita sane per raggiungere la salute e l’equilibrio nella vita. Le pratiche ayurvediche sane includono mangiare cibi integrali freschi ed evitare cibi trasformati.

Inoltre, la vecchia tradizione afferma che i Rasayana tengono a bada l’invecchiamento e le malattie. I seguaci della medicina ayurvedica seguono anche rituali di disintossicazione e consumano regolarmente adattogeni che ritengono aumentino la resilienza del corpo verso lo stress e lo squilibrio. Forse uno dei motivi per cui l’Ayurveda si basa così tanto sulle erbe medicinali è grazie alla biodiversità unica e ricca dell’India.

Infatti, le pratiche ayurvediche utilizzano innumerevoli erbe, tra cui una che tende a distinguersi più di altre: tulsi, noto anche come basilico santo (Ocimum sanctum). Cos’è Tulsi e quali sono i benefici del tè Tulsi? Scopriamolo insieme!

Letture correlate

"Secondo la tradizione, Tulsi agisce come un tonico per il corpo, la mente e lo spirito che può aiutare con i disturbi moderni".

Tulsi: La regina degli adattogeni

Tulsi, noto anche come Basilico Santo, come suggerisce il nome deriva dalla famiglia delle Lamiaceae (tribù ocimeae).

Questa famiglia comprende anche menta, salvia, origano, rosmarino e lavanda. Si ritiene che Tulsi sia nato nell’India centro-settentrionale e ora cresca liberamente in Oriente, nelle aree circostanti l’Equatore.

La medicina ayurvedica si riferisce a Tulsi come “La regina delle erbe”, “L’incomparabile” e “Madre Medicina della Natura”. In effetti, la medicina tradizionale lo elogia come un “elisir di lunga vita” per i suoi apparenti benefici sia dal punto di vista medicinale che spirituale. In India, il suo luogo di nascita, gli abitanti locali hanno usato Tulsi per millenni, includendo questa erba nelle pratiche spirituali e nelle usanze dello stile di vita.

La scienza moderna sta appena iniziando a chiarire i benefici per la salute del tè Tulsi. In effetti, c’è una certa letteratura emergente su Tulsi che potrebbe iniziare a confermare antiche credenze ayurvediche. Infatti, secondo la tradizione, Tulsi agisce come un tonico per il corpo, la mente e lo spirito che può aiutare con i disturbi moderni. (1)

I vantaggi di Tulsi

Per quanto riguarda l’approccio olistico dell’Ayurveda alla salute e al benessere, Tulsi è probabilmente l’esempio più rappresentativo di questo sistema medico orientale.

Tulsi è naturalmente amaro e caldo, si ritiene che raggiunga i tessuti profondi e bilanci i dosha ayurvedici (i modelli energetici che la medicina ayurvedica crede fluiscano attraverso il corpo). Sembra che secondo l’Ayurveda, Tulsi possa alleviare una serie di disturbi da ansia, asma, diarrea, artrite, indigestione e persino febbre. Studi scientifici affidabili devono ancora confermarlo. (2)

Inoltre, l’antica tradizione postula che Tulsi promuova una carnagione lucente e favorisca la bellezza, l’intelligenza e la resistenza. Non c’è da stupirsi che i credenti ayurvedici si riferiscano a questa erba come “l’elisir di lunga vita”!

Le origini di Tulsi

Quando le persone descrivono un’erba come “santa”, “regina” e “dietetica”, non c’è da meravigliarsi che Tulsi abbia una storia così unica. La cultura indiana ha usato Tulsi per oltre 5000 anni come erba religiosa e curativa. (1)

Nella cultura occidentale, il basilico santo è apparso solo più recentemente e spesso lo troviamo nelle medicine a base di erbe e negli oli essenziali. Puoi anche usare foglie di Tulsi essiccate per fare una deliziosa infusione di erbe.

Quindi, come abbiamo finito per bere il tè Tulsi?

Tulsi è nato in India e prospera nelle regioni umide e tropicali. Al giorno d’oggi è comunemente coltivato in tutto il sud-est asiatico. È un arbusto che cresce fino a 60 cm di altezza con rami pelosi, foglie aromatiche viola o verdi e piccoli fiori bianchi e viola che crescono dai rami. Le foglie di Tulsi vengono coltivate, raccolte ed essiccate per l’uso in preparati a base di erbe. (2)

La pianta di Tulsi è disponibile in tre varietà principali e ognuna ha le sue caratteristiche uniche.

La prima varietà è il Krishna, noto anche come Tulsi a foglia viola grazie alle sue foglie e fiori viola. Questa varietà ha un aroma distinto di chiodi di garofano e le sue foglie hanno un forte sapore pepato. Krishna cresce ampiamente in tutta l’India e le persone spesso lo piantano nelle loro case e giardini come decorazione.

Un’altra varietà di Tulsi è Rama. Questa pianta unica ha foglie verdi con fiori di colore bianco o viola chiaro. Ha anche un profumo simile ai chiodi di garofano. Rispetto alla foglia viola Tulsi, è più rinfrescante e sottile. È popolare in India, ma cresce anche in Cina, Nepal e Brasile.

Infine, una terza varietà di Tulsi è conosciuta come Vana. Questo tipo di albero è originario dell’Asia e di alcune regioni dell’Africa. Cresce allo stato selvatico ed è coltivato anche in Himalaya. Le sue foglie verde chiaro lo rendono un arbusto luminoso, il suo aroma è più rinfrescante e ricorda gli agrumi.

Le leggende di Tulsi

La ricca storia di Tulsi, legata a un forte significato religioso e spirituale, spiega perché oggi è un’erba così venerata. (2)

Una delle leggende afferma che Tulsi era una manifestazione terrena di Lakshmi, dea della ricchezza e compagna di Vishnu, il dio indù. La leggenda narra che Lakshmi era la moglie preferita di Vishnu, presumibilmente ne aveva altre due.

Come risultato della gelosia delle altre mogli, si pensa che maledissero Lakshmi, portandola così sulla terra sotto forma di pianta. Vishnu quindi rassicura Lakshmi che sarà la pianta di Tulsi, tuttavia solo una parte di lei sarà radicata sulla terra. In effetti, il suo spirito presumibilmente tornò ad essere connesso con lui.

Un’altra leggenda associa Tulsi al Samudra Manthana, noto come il tumulto dell’oceano cosmico da parte di dei e demoni. Si ritiene che Dhanvantari, il medico degli dei, offra agli dei un elisir di immortalità. Vishnu, il dio indù, presumibilmente versa lacrime felici in risposta a questo dono, e quando le lacrime cadono nell’elisir portano alla nascita della pianta di Tulsi.

Infine, un’ulteriore leggenda raffigura Tulsi come una connessione tra terra e cielo. Infatti, una preghiera tradizionale indù afferma che il dio-creatore, Brahma, risiede nei rami di Tulsi, mentre i centri di pellegrinaggio indù risiedono nelle radici delle piante. Inoltre, secondo la leggenda il fiume Gange scorre attraverso le radici di Tulsi, le divinità risiedono nelle sue foglie di gambo e le scritture indù si trovano nella parte superiore dei rami della pianta.

Come usare Tulsi secondo l’antica tradizione

Nella tradizione indù, i fedeli considerano Il Tulsi come una pianta sacra. Secondo la leggenda, questa pianta è la manifestazione terrena di Lakshmi. In fcat, gli adoratori di Vishnu indossano collane di perline fatte di steli Tulsi che usano nelle loro preghiere. Mescolano anche petali di Tulsi con acqua come un modo per mandare le anime dei morti in cielo.

C’è anche una cerimonia speciale dedicata a Tulsi chiamata Tulsi Vivah, questo è quando la pianta tulsi sposa Vishnu. La cerimonia si svolge in giorni diversi a seconda della regione dell’India e simboleggia la fine della stagione dei monsoni e l’inizio della stagione dei matrimoni indù.

La pianta di Tulsi non è solo venerata in luoghi sacri come templi e cerimonie, ma è anche elogiata all’interno della casa. Infatti, in molte case indù è tipicamente piantato nel cortile centrale in vasi di terracotta decorati con immagini religiose di divinità. Le famiglie più religiose possono avere fino a una dozzina di piante di Tulsi per creare una “foresta di basilico santo”. (2)

Nella tradizione ayurvedica, la pianta di Tulsi viene utilizzata come adattogeno per aiutare il corpo ad affrontare i fattori di stress esterni. Infatti, è usato come rimedio per le malattie comuni in varie forme, dalle foglie fresche alla polvere e all’olio essenziale.

Il basilico santo è comunemente usato in Thailandia come parte della cucina locale. In effetti, è localmente conosciuto come “kaphrao” e viene utilizzato in una varietà di piatti tra cui un noto piatto saltato in padella a base di basilico santo, maiale o frutti di mare e riso.

Infusione di Tulsi

Le foglie di Tulsi sono comunemente usate come tè o infuso. Proprio come molte altre infusioni di erbe, puoi usare foglie fresche o secche e immergerle in acqua calda. Le foglie di Tulsi immerse da sole fanno un infuso senza caffeina, perfetto per coloro che sono sensibili agli effetti della caffeina.

Tulsi ha tipicamente un forte profumo insieme a un sapore astringente, un po ‘amaro. Tuttavia, dato che fa parte della famiglia del basilico, ha anche note di fiori e pepe. Come descritto in precedenza, alcune varietà di piante di Tulsi hanno un profumo simile ai chiodi di garofano e un aroma speziato, mentre altre sono più fresche e agrumate.

In che modo Tulsi influisce sulla salute?

Dato che la medicina ayurvedica ha usato Tulsi per diversi millenni, i ricercatori lo hanno ampiamente studiato nelle popolazioni umane, in particolare in India. (3)

Un gruppo di ricercatori ha condotto una revisione sistematica della letteratura per analizzare l’efficacia clinica e la sicurezza di Tulsi nell’uomo. (4)

La revisione ha esaminato Tulsi nel trattamento dei disturbi metabolici, della modulazione del sistema immunitario e della neurocognizione. Quindi quali sono i benefici per la salute di Tulsi?

Tulsi e disturbi metabolici

La revisione ha incluso diciassette studi su Tulsi, condotti tra il 1964 e il 2016. Le popolazioni di studio variavano tra 3 e 100, così come la forma di foglie di Tulsi somministrate, dall’intera pianta, a foglie in polvere, succo ed estratti di acqua. Anche il dosaggio e la frequenza del consumo variavano significativamente tra gli studi.

In sintesi, questi studi hanno riscontrato riduzioni significative dei livelli di glucosio nel sangue a digiuno e post-pasto, nonché migliori profili lipidici e abbassamento della pressione sanguigna in individui con diabete e obesità. È stato osservato che gli studi più lunghi (12-13 settimane) hanno mostrato cambiamenti più benefici. (4)

Tulsi e l’immunità

Per quanto riguarda gli effetti di Tulsi sull’immunità, i ricercatori hanno esaminato i risultati di cinque studi clinici. Le dosi variavano da 300 mg / die a 10 g / die di estratti di foglie di Tulsi.

Hanno osservato risposte immunitarie benefiche tra cui aumenti delle cellule natural killer e T-helper in adulti sani e migliori risposte immunitarie alle infezioni virali. Inoltre, i pazienti affetti da asma hanno riportato un miglioramento dei sintomi respiratori. (4)

Tulsi e la neurocognizione

I ricercatori hanno anche osservato gli effetti di Tulsi sulla neurocognizione. Le dosi variavano tra 300 mg / die e 6 g / die tra gli studi. Nel complesso, i risultati hanno mostrato che c’erano vari gradi di risultati positivi tra gli studi.

In effetti, i benefici includevano una diminuzione dei livelli di stress, una riduzione dell’ansia, dei problemi sessuali e della depressione, insieme a una migliore memoria di lavoro e attenzione cognitiva. Inoltre, non sono stati segnalati effetti avversi. (4)

Ricerca futura

In conclusione, sembra che il consumo di Tulsi per scopi medici non abbia finora mostrato effetti avversi. Tuttavia, eventuali effetti collaterali negativi derivanti dall’assunzione a lungo termine di Tulsi devono essere documentati.

I ricercatori hanno evidenziato che solo una piccola parte della letteratura pubblicata è di alto livello. Inoltre, ci sono preoccupazioni metodologiche all’interno degli studi e una mancanza di dettagli per quanto riguarda i dosaggi e la composizione chimica delle formulazioni.

Ciò suggerisce che non ci sono ancora dati sufficienti per supportare raccomandazioni mediche specifiche. Vi è una chiara necessità di ulteriori studi condotti su popolazioni più grandi entro intervalli di tempo più lunghi. Inoltre, gli studi dovrebbero comunicare chiaramente la composizione chimica dei campioni e qualsiasi dato sull’interazione con altri farmaci.

Letture correlate

 

Sign up to Erbology updates and get a surprise.

By subscribing you agree to our Terms and Privacy Policy.

Invite & Earn

X
Signup to start sharing your link
Signup