Erbology
Superfood biologici: sono all'altezza dell'hype?

Superfood biologici: sono all'altezza dell'hype?

Team ErbologyErbology

Acai, goji, zenzero, curcuma, mirtilli e wheatgrass; cosa hanno in comune tutti questi alimenti? Sono tutti superfood ben noti. Ma cosa fa guadagnare esattamente a un alimento il titolo di "superfood", ed è davvero significativo quando si tratta della nostra salute? Diamo un'occhiata alle prove sui superalimenti biologici e ai loro benefici per il nostro benessere.

June 17, 2022 3:50 pm

Cos’è un superfood?

Mentre possiamo istintivamente sentirci tutti come se sapessimo cos’è un superfood, la definizione è in realtà piuttosto vaga.

Il dizionario Cambridge descrive un superfood come “un alimento che è considerato molto buono per la salute”. (1) Nel frattempo, la gente di Collins è un po ‘più specifica, affermando che è “un alimento che contiene molte vitamine e altre sostanze che sono considerate molto buone per la salute”. (2)

Secondo queste definizioni, qualsiasi alimento che abbia un effetto positivo sulla salute e contenga “molte vitamine e altre sostanze” benefiche può essere considerato un superalimento. Questo getta la rete molto ampia.

Tuttavia, gli alimenti a cui comunemente pensiamo quando discutiamo di superfood sono limitati a pochi tipi specifici.

Ad esempio, è più probabile che considererai le bacche di açai e goji come un superfood, piuttosto che lamponi o fragole. Ma sappiamo che lamponi e fragole hanno un effetto positivo sulla salute e contengono molti nutrienti sani. Quindi, perché alcuni alimenti ottengono il riconoscimento di “superfood” mentre altri no?

Da dove viene il termine “superfood”?

La risposta a questa domanda risiede nelle origini del termine “superfood”. È molto importante notare che la parola non è stata inventata da scienziati o nutrizionisti; in effetti, è stato inventato dai marketer.

Secondo la Harvard T.H. Chan School of Public Health, il primo superfood mai registrato era in realtà una banana! (3)

La United Fruit Company ha escogitato una strategia pubblicitaria per promuovere le banane all’inizio del 20 ° secolo, sostenendo che erano economiche, ampiamente disponibili, facili da digerire e piene di cose buone.

Più tardi, gli scienziati hanno pubblicato letteratura (erroneamente) che collega il consumo di banane alla cura della celiachia. La United Fruit Company ha raccolto queste affermazioni e le ha aggiunte alla loro pubblicità. E, naturalmente, le vendite di banane hanno iniziato a salire.

Indipendentemente dal fatto che le banane siano state superate da altri alimenti nella corsa ai superfood, è importante riconoscere che sono ancora i marketer – piuttosto che i nutrizionisti – a decidere spesso cosa è o non è un superfood.

 

frutti tropicali

Esempi di superfood

Ecco alcuni superfood comuni che potresti riconoscere dai media o dal tuo juice bar locale:

  • Bacche come açai e goji
  • Prodotti a base di alghe, come spirulina o clorella
  • Maca ·
  • Moringa
  • ‘Supercerchi’ come quinoa o miglio
  • Curcuma
  • Zenzero
  • Baobab
  • Cacao crudo

Cosa rende i superfood così buoni per te?

In generale, un alimento è designato come superfood per alcuni possibili motivi.

  1. È eccezionalmente denso di nutrienti (ad esempio contiene molte vitamine) per le sue dimensioni
  2. Oppure, è stato dimostrato in studi scientifici di avere un effetto potenzialmente positivo sulla malattia
  3. Contiene molti
    antiossidanti
  4. In alternativa, o in aggiunta, può contenere altri nutrienti ritenuti benefici per la salute (ad esempio, acidi grassi omega-3).

Tutti i fattori di cui sopra giocano un ruolo nel fatto che un cibo sia buono per te.

Essere biologici fa la differenza?

Il vantaggio principale della scelta di un prodotto biologico è che è stato coltivato e prodotto senza l’uso di sostanze chimiche, pesticidi, ormoni e modificazioni genetiche.

Ti incoraggiamo sempre a scegliere il biologico quando puoi, perché chi vuole consumare sostanze chimiche e sostanze come queste se puoi evitarle?

Ci sono anche alcune prove che gli alimenti biologici possono essere più nutrienti di quelli prodotti convenzionalmente, tuttavia la giuria è ancora fuori su questo. (4)

 

ingredienti del frullato di sedano

Il fattore novità

Al giorno d’oggi, l’etichetta di “superfood” viene applicata molto più liberamente a molti alimenti diversi. Tuttavia, c’è anche un elemento di novità associato ai superfood moderni.

Ad esempio, i più recenti superfood di successo sono tutti irrompiti sulla scena come bacche, radici e germogli poco conosciuti e oscuri.

Considera gli alimenti che hanno fatto notizia negli ultimi anni: spirulina, clorella, wheatgrass, cavolo; la maggior parte di noi avrebbe dovuto cercarli su Google quando ne abbiamo sentito parlare per la prima volta per capire cosa fossero.

Ciò rende più facile allegare loro indicazioni sulla salute selvaggia. In effetti, un articolo pubblicato sul Journal of Consumer Culture ha osservato che le aziende che vendono bacche di goji e açai usano il loro luogo di origine – un luogo “esotico, “incontaminato” – come parte della strategia di marketing. (5)

Oltre a questo, possono citare studi in cui sono stati osservati tassi più bassi di malattia in queste località. (5)

L’implicazione per il consumatore sconosciuto è chiara: questo singolo alimento migliorerà la tua salute. Ed è proprio qui che iniziano i problemi.

Qual è la controversia sui superfood biologici?

Non c’è dubbio che molti degli alimenti designati come “superfood” sono buoni per te. Ad esempio, le bacche di açai contengono davvero molti antiossidanti, che possono aiutare a proteggere dal diabete e dalle malattie cardiovascolari. (6)

Quindi, qual è il problema?

La controversia sui superfood ruota attorno a due punti:

  1. La convinzione che un alimento possa compensare una dieta sana generale
  2. La convinzione che il cibo da solo possa prevenire, curare o curare qualsiasi malattia.

Diamo un’occhiata a questi problemi in profondità.

Letture correlate

 

bacche essiccate di aronia

"Nessun alimento - nemmeno i superalimenti biologici - può sostituire una dieta sana".

Un alimento può compensare una dieta sana generale?

La breve risposta a questa domanda è: no. Nessun alimento può sostituire una dieta sana.

Questo ha perfettamente senso se ci pensi. Immagina di aver trascorso la settimana mangiando solo cibo spazzatura, bevendo alcolici e sgranocchiando cioccolato al latte. Poi, il sabato mattina, ti mescoli un frullato con la bacca di açai.

Questo significa che stai ottenendo tutto ciò di cui hai bisogno dalla tua dieta? Certo che no. La bacca di Acai potrebbe essere una grande aggiunta a una dieta composta da cibi integrali sani, con molta frutta e verdura insieme a molti cereali integrali. Ma non compenserà una dieta generale povera che non ti fornisce la vasta gamma di nutrienti di cui hai bisogno.

L’esempio sopra è estremo, ovviamente. Nella vita reale, a volte la distinzione è più difficile da fare. Ma il consiglio di nutrizionisti e scienziati è coerente: concentrarsi su una dieta sana generale, piuttosto che cercare singoli alimenti nella speranza che questi possano bilanciarne uno povero.

Il cibo da solo può prevenire, curare o curare qualsiasi malattia?

Ancora una volta, la risposta è (purtroppo) no.

Questo problema è reso leggermente più confuso dalle affermazioni scientifiche che spesso leggiamo nei media. Ad esempio, guarda sopra: ti abbiamo appena detto che le bacche di açai contengono antiossidanti che possono aiutare a prevenire il diabete e le malattie cardiovascolari. Non è forse vero?

Lo è! Ma potrebbe essere facilmente frainteso, in particolare se non si ha accesso alla fonte originale dell’affermazione. (Ad esempio, potresti leggere dell’ultimo superfood nelle notizie, ma non essere in grado di guardare l’articolo scientifico che ha portato alla sua scrittura).

 

verdure arrostite

Dissezione del reclamo

“Le bacche di Acai contengono antiossidanti” è dimostrabilmente vero (puoi vedere le nostre fonti qui sotto se desideri controllare). Contengono antociani, che sono pigmenti noti per avere un effetto antiossidante. Lo studio che abbiamo citato qui suggerisce anche che potrebbero esserci altri antiossidanti, ancora non identificati, presenti nell’açai. (6)

Che ne dici della prossima parte: “… che può aiutare a prevenire il diabete e le malattie cardiovascolari”?


Gli antiossidanti
possono infatti aiutarti a proteggerti da questo tipo di malattia. Come funziona? Bene, per citare lo studio attuale, “si ipotizza che la riduzione della produzione di specie reattive dell’ossigeno aiuti nella normalizzazione delle vie metaboliche che portano all’insorgenza del diabete […] e delle malattie cardiovascolari”. (6)

Quindi, antiossidanti come quelli presenti in açai sono pensati, sulla base del pensiero scientifico corrente, per abbassare il numero di alcuni tipi di radicali liberi. Si pensa che ridurre il numero di questi radicali liberi bilanci le “vie metaboliche” che possono eventualmente portare a queste malattie.

Mentre molte persone potrebbero togliere questo messaggio dalla lettura nelle notizie, questa affermazione non dice che le bacche di açai ti impediscono di contrarre il diabete o le malattie cardiovascolari. Semplicemente non ci sono le prove per sostenerlo.

Tuttavia, suggerisce che includerlo nella dieta può avere un effetto benefico in termini di probabilità di svilupparli, grazie al meccanismo sopra descritto.

Questo ha perfettamente senso anche quando ci pensi: se una sostanza avesse dimostrato di trattare, prevenire o curare una malattia, sarebbe classificata come un farmaco, non un alimento.

Quindi, non ha senso mangiare superfood?

Prima di buttare tutta la tua polvere di maca fuori dalla finestra, aspetta: ci sono alcune buone ragioni per cui includere i superfood nella tua dieta può essere una buona cosa!

In primo luogo, i superalimenti tendono ad essere nutrizionalmente densi e pieni di vitamine, minerali e antiossidanti. Se hai già una dieta equilibrata e sana, potresti trarre beneficio dall’aggiunta di alcune aggiunte di superfood. Potrebbero fornire nutrienti extra che ti mancano e offrirti un po ‘più di varietà nella tua dieta.

Ad esempio, prendi
il succo di aloe vera
, che contiene un polisaccaride chiamato acemannano. È stato collegato al supporto di un sistema immunitario sano e non può essere trovato in altre piante.

Ti impedirà di contrarre qualche malattia? No. Ma è stato collegato a una risposta immunitaria sana, quindi se sei particolarmente preoccupato per la tua immunità, potresti volerlo aggiungere alla tua dieta. La tua dieta sana ed equilibrata fornirà al tuo sistema immunitario i nutrienti di cui ha bisogno per funzionare bene. Nel frattempo, acemannano può dargli una mano.

In secondo luogo, i superalimenti sono generalmente noti per una particolare forza. Ciò significa che se hai aree della tua salute che desideri affrontare, puoi intraprendere azioni mirate.

Un ottimo esempio potrebbe essere migliorare la salute generale dell’intestino (supponendo ancora una volta che tu abbia una dieta sana).

Per mirare a questo,
potresti voler aggiungere probiotici e prebiotici
alla tua dieta. Questi sono alimenti che supportano il microbioma intestinale, mantenendo sotto controllo l’equilibrio dei batteri. I superalimenti probiotici includono kimchi e kefir, mentre un esempio prebiotico potrebbe essere la nostra polvere di topinambur.

Ti manterranno in salute da soli? No, ma possono comunque essere un’eccellente aggiunta a una dieta ben bilanciata.

 

bergamotto agrumi

Perché Erbology non chiama i suoi prodotti “superfood”?

Vendiamo molti prodotti che, altrove, sono commercializzati come superfood. Tuttavia, non ci piace usare il termine noi stessi.

Ciò è in riconoscimento del fatto che il termine “superfood” non ha alcuna base scientifica.

Allo stesso modo, siamo consapevoli che circolano molti miti sui superfood e sulla loro presunta capacità di curare tutta una serie di disturbi. Questo semplicemente non è vero.

Quindi, chiamiamo i nostri prodotti per quello che sono: cibi integrali sani e a base vegetale. Possono essere una grande aggiunta a una dieta sana ed equilibrata, ma loro – o qualsiasi cosiddetto “superfood” – non sono una panacea.

Consigli per l’acquisto di superfood

Dai nostri anni nel ‘biz, ecco alcuni consigli per aiutarti quando acquisti prodotti superfood.

  • Leggi attentamente le affermazioni: come abbiamo visto sopra, è facile fraintendere le affermazioni scientifiche, specialmente se non hai familiarità con la fonte originale.
  • Perché lo stai comprando? Nessun cibo può trattare, curare o prevenire alcuna malattia, quindi diffida di coloro che suggeriscono di poterlo fare. Se sei preoccupato per un problema medico, chiedi aiuto a un medico.
  • Ne vale la pena? I superfood sono un’industria redditizia. Assicurati di capire qual è il prodotto, da dove proviene e – se è più costoso di prodotti simili – qual è la giustificazione per il prezzo.
  • È puro? Diffidare delle miscele di polvere; è molto facile aggiungere riempitivi a loro. Consigliamo sempre di acquistare polveri monoingrediente, in modo da sapere che stai ottenendo il prodotto puro. Puoi sempre mescolarli con altri ingredienti o aggiungerli ai tuoi frullati a casa.

Letture correlate

Sign up to Erbology updates and get a surprise.

By subscribing you agree to our Terms and Privacy Policy.

Invite & Earn

X
Signup to start sharing your link
Signup