Erbology
Perché il sonno è importante?

Perché il sonno è importante?

Team ErbologyErbology

Il sonno ha molti benefici scientificamente provati. Scopri perché è così importante per la tua salute e il tuo benessere.

June 11, 2018 12:42 pm

La corsa dei topi

Oggi ci sono più di sette miliardi e mezzo di persone che vivono sulla Terra.

Come specie, siamo unici nel regno animale. Predatori all’apice, coltivatori di colture, innovatori agricoli; abbiamo un track record piuttosto impressionante quando si tratta di sopravvivenza e progressione.

Avanti veloce verso il mondo moderno, e abbiamo sviluppato le nostre società, culture e tecnologie complesse. Le giornate lavorative si stanno allungando. Per alcuni di noi, lavorare fino a tarda notte è un distintivo d’onore. Siamo naturalmente competitivi e lavorare di più e meglio ci mantiene in testa al gruppo.

In effetti, per molti di noi, l’incessante ricerca di crescita, soddisfazione e maggiore produttività è solo una parte normale della vita moderna.

Tuttavia, questa costante routine ci sta facendo trascurare proprio la cosa di cui abbiamo bisogno per farci andare avanti: dormire.

 

Perché il sonno è importante per la salute

Perché siamo tutti stanchi

In una società che valorizza l’efficienza e la produttività, spegnere il cervello per alcune ore per ricaricarsi può sembrare uno spreco di risorse.

Siamo arrivati a vedere la costante attività come un segno di prestigio. Coloro che sono costantemente stanchi sono considerati più importanti. Non possono rubare qualche ora di riposo perché sono necessari altrove. Sono loro che prendono le grandi decisioni, o sono chiamati a salvare una situazione dal disastro.

D’altra parte, abbiamo iniziato ad associare il sonno alla pigrizia. Anche i nostri fine settimana – il tempo un tempo riservato per recuperare il ritardo – sono sotto pressione. Se non ti alzi prima delle 7 del mattino di sabato mattina, pronto per una corsa di 10 km e un frullato di cavolo, allora sei davvero produttivo come potresti essere?

Molto spesso, finiamo per sacrificare il sonno per trovare ore extra durante il giorno. Dobbiamo tenere il passo con il nostro lavoro, la vita sociale, i regimi di esercizio fisico e – occasionalmente – le abbuffate di Netflix.

Non sorprende, quindi, che un recente sondaggio abbia rilevato che la maggior parte degli americani è stanca per la maggior parte della settimana. Di quelli di noi che gestiscono sette o otto ore di sonno a notte, il 45% si sente stanco tre volte alla settimana o più. Nel frattempo, il 54% di coloro che ottengono sei ore si sentono stanchi quattro giorni o più alla settimana. (1)

Trovare un equilibrio

Mentre queste statistiche potrebbero sembrare dolorosamente riconoscibili, quanto conta davvero la stanchezza? Dovremmo sforzarci di più per trovare un equilibrio tra lavoro e riposo?

Il professor Matthew Walker dell’Università di Berkeley sembra certamente pensarla così. E, a giudicare dal successo del suo libro acclamato a livello internazionale “Why We Sleep”, anche i suoi lettori.

In tutto il libro, Walker ci incoraggia ad adottare un approccio più equilibrato alla vita. Sottolinea l’importanza dei sonnellini post-prandiali. Discute anche di sogni e siesta da un punto di vista scientifico.

Tuttavia, la sua “moderazione che attraversa il nucleo della vita” non si ferma qui. Si estende in tutte le parti dell’essere vivi; vita lavorativa, famiglia, attività sociali, beneficenza, dieta ed esercizio fisico.

In un certo senso, il professor Walker può essere visto per condividere

la missione di Erbology

. Creiamo ogni prodotto nella speranza che incoraggi le persone a consumare in modo più consapevole ed equilibrato.

Perché abbiamo bisogno del nostro riposo?

La scienza del sonno affascina così tanto i ricercatori scientifici che hanno esplorato il campo in modo ancora più dettagliato di quelli dello sport e dell’educazione.

Gli atleti internazionali apprezzano il sonno tanto quanto l’allenamento, comprendendone i poteri riparatori. Gli accademici riconoscono anche l’importanza di un cervello ben riposato per un apprendimento ottimale.

Non dormire abbastanza produce, non sorprendentemente, l’effetto opposto. Dormire male su base regolare ti mette a rischio di malattie come l’obesità, le malattie cardiache e il diabete. Riduce anche l’aspettativa di vita complessiva. (2)

La conoscenza convenzionale ci dice anche che il sonno è lo stato in cui il nostro cervello entra per riposare; l’opposto della vigilanza attiva e diurna.

Il cervello addormentato

Ma come spiega Arianna Huffington, “il cervello addormentato è febbrilmente occupato e il lavoro che viene svolto è importante quanto qualsiasi cosa venga fatta durante il giorno. Ad esempio, è durante il sonno che il nostro cervello elimina le proteine di scarto tossiche – il tipo associato al morbo di Alzheimer”(3).

Circa un terzo degli adulti americani soffre di privazione del sonno a lungo termine. (2) Matthew Walker sostiene nel suo libro che siamo nel bel mezzo di una “silenziosa epidemia di perdita di sonno”. Secondo lui, questo pone “la più grande sfida per la salute pubblica che affrontiamo nel 21 ° secolo”. (3)

Quindi, di seguito sono riportati 3 motivi chiave per cui dovremmo dormire di più.

Perché il sonno è importante?

"Il cervello addormentato è febbrilmente occupato e il lavoro che viene svolto è importante quanto qualsiasi cosa venga fatta durante il giorno".

1. Il sonno migliora la tua salute fisica

Non è un segreto che il sonno è l’ultimo potenziatore fisico privo di effetti collaterali.

Huffington dice che in realtà sono le stelle dello sport d’élite che stanno aiutando ad abbattere l’illusione che la privazione del sonno sia macho. “È emozionante vedere sempre più atleti di livello mondiale uscire dal burnout più vicini per parlare apertamente di come abbracciare il sonno li aiuti a vincere in campo e sul campo”. (4)

Michael Phelps, LeBron, Chris Hoy e Shannon Miller hanno tutti abitudini rigorose quando si tratta di dormire. E gli allenatori e gli specialisti del sonno che impiegano sono all’apice della conoscenza delle scienze fisiche.

Uno studio del 2017 condotto dall’University College di Londra ha esaminato come la privazione del sonno ha influenzato gli studenti universitari. (Un buon soggetto di prova, dato che in genere sono i più privati del sonno di tutti noi!) I ricercatori hanno scoperto che dopo una notte senza sonno, i tempi di reazione degli studenti erano più lenti. Ha anche causato un picco nella loro pressione sanguigna sistolica dopo l’esercizio. (La pressione sanguigna sistolica è la forza che il sangue esercita contro le pareti delle arterie quando il cuore batte.) (5)

In parole povere, il sonno disturbato influisce negativamente sulle prestazioni fisiche. E, anche se potresti non essere un atleta professionista, questo è ancora incredibilmente importante nella vita quotidiana. La velocità del tempo di reazione durante la guida, ad esempio, può fare un’enorme differenza quando si tratta di evitare una potenziale collisione.

2. Migliora la salute cognitiva, la memoria e l’umore

Nel 1959, il DJ newyorkese Peter Tripp promise a milioni di suoi ascoltatori in tutti gli Stati Uniti che sarebbe rimasto sveglio per 200 ore durante quello che chiamò un “awakeathon”.

I minuti si sono trasformati in ore e le ore in giorni. Tripp, un uomo solitamente descritto come allegro e ottimista, divenne sempre più agitato e sgradevole essere in giro. Verso la fine dell’awakeathon, stava causando una notevole offesa anche ai suoi amici più cari. Ha persino iniziato a mostrare comportamenti paranoici e segni di allucinazione. (6)

Gli studi condotti in ambienti di laboratorio hanno prodotto risultati notevolmente simili.

Uno studio sui topi ha scoperto che la mancanza di sonno ha prodotto un aumento della reattività allo stress, ansia e- in modo allarmante – “comportamento di disperazione”. Interrompere il loro sonno REM ha portato anche i topi a mostrare un comportamento depressivo. (7)

Non solo la mancanza di sonno ti rende irritabile, ma può anche influenzare la tua memoria(8) e il processo decisionale. I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti umani privati del sonno avevano reazioni smussate quando conducevano un compito semplice il giorno successivo.

La privazione del sonno sembra essere particolarmente problematica in caso di cambiamenti imprevisti, incertezza e necessità di cambiare i piani in modo flessibile. Il team ha concluso che questa scoperta ha avuto implicazioni incredibilmente importanti in situazioni critiche come la gestione dei disastri e l’organizzazione delle risposte alle emergenze. (9)

In breve, ottenere una buona notte di riposo può aiutare con le prestazioni mentali. Ciò è particolarmente vero quando è necessario essere flessibili e trovare rapidamente nuove soluzioni.

3. Ti aiuta a imparare cose nuove

Forse i nostri amici, gli studenti dell’University College di Londra, dovrebbero cercare di dormire di più per un altro motivo.

La parte del cervello responsabile della nostra capacità di acquisire nuove informazioni è chiamata ippocampo. Questa regione del cervello è fondamentale per la memorizzazione di nuovi ricordi.

Durante il sonno, l’ippocampo trasferisce le informazioni dalla sua “conservazione a breve termine” alla casa a lungo termine della neocorteccia. (10). Vari studi hanno dimostrato che le persone sono più in grado di ricordare i ricordi appena formati dopo un periodo di sonno. Il sonno a onde lente interrotto, d’altra parte, porta a prestazioni peggiori nei test di memoria di base. (10)

Le prestazioni dell’ippocampo soffrono in modo significativo dopo una sola notte di sonno interrotto. Ciò porta gli studenti privati del sonno a non essere in grado di conservare nuove informazioni come dovrebbero.

Quindi, se sei uno studente, non tirare una notte intera. Mentre potresti stare bene mentre studi, il giorno dopo sarai in grado di prendere meno informazioni. Prendi invece una notte presto e ti sveglierai sentendoti riposato e pronto a colpire i libri di testo.

Biancheria da letto comoda e sostenibile

In Erbology amiamo mostrare il lavoro di altri grandi marchi indipendenti, sostenibili ed etici. E, dal momento che Erbology non ha attualmente alcun piano per trasferirsi nel mercato della biancheria da letto, siamo più che felici di passare il testimone ai nostri amici di alcune delle migliori aziende di biancheria da letto in circolazione.

Per una biancheria da letto lussuosa e di provenienza sostenibile, ci piace
Lily & Mortimer.
La fondatrice, Jayne Harvey, afferma che è stata “la differenza nella sua visione del successo posta rispetto a quella di altre persone” che l’ha portata a fondare l’azienda. Come indipendente etico, apprezziamo il sentimento. Puoi leggere di più su Jayne e l’azienda nel

Pebble Magazine

.

Il piumino eco

Se stai cercando una biancheria da letto che tenga conto dell’ambiente, prova l’Eco Duvet di Fine Bedding Company. Come si legge sul loro sito web, FBC ha rivoluzionato l’industria della biancheria da letto introducendo il suo piumone ecologico. È il primo in assoluto ad essere realizzato utilizzando energia rinnovabile al 100%.

Hanno persino una “Eco Factory” che consente loro di “trasformare i rifiuti di plastica – che altrimenti finirebbero in discarica – in un riempimento in fibra lussuosamente morbido, leggero e soffice”. Anche la copertura del piumino è realizzata con materiali completamente riciclati. Ciò non influisce sulla qualità della sensazione morbida e ipoallergenica.

Speriamo che, con letti comodi e sostenibili, ti dirigerai ancora più velocemente verso la terra del cenno.

Letture correlate

Sign up to Erbology updates and get a surprise.

By subscribing you agree to our Terms and Privacy Policy.

Invite & Earn

X
Signup to start sharing your link
Signup