Erbology
Quali sono i tre pilastri della sostenibilità?

Quali sono i tre pilastri della sostenibilità?

Team ErbologyErbology

Con il cambiamento climatico una questione sempre più urgente, molti di noi sono alla ricerca di modi per vivere in modo più sostenibile. Parte di questo è sapere cosa chiedere ai nostri governi e alle aziende da cui acquistiamo. Una famosa teoria, i tre pilastri della sostenibilità, può aiutarci a capire cosa serve per essere sostenibili. Vedremo anche come applichiamo i pilastri di Erbology.

June 17, 2022 3:49 pm

Cosa significa “sostenibilità”?

Mentre potresti pensare che il significato della parola “sostenibilità” sia piuttosto ovvio, vale la pena chiarire in quanto può significare cose diverse in contesti diversi.

La prima definizione di “sostenibilità” nel dizionario Cambridge si riferisce alla “qualità di poter continuare a lungo”. (1)

Gli economisti, ad esempio, potrebbero usare il termine “crescita sostenibile” per descrivere la crescita costante e continua della ricchezza.

Tuttavia, molti di noi associano la sostenibilità all’ambiente. Negli ultimi anni, la “sostenibilità” è diventata una scorciatoia per qualsiasi sforzo per proteggere l’ambiente naturale.

Al giorno d’oggi, ci aspettiamo che le aziende siano sostenibili e che i governi sostengano pratiche sostenibili, il che significa che non intraprendono azioni che danneggiano l’ambiente.

In effetti questa è la seconda definizione del dizionario Cambridge: “la qualità di causare poco o nessun danno all’ambiente e quindi di poter continuare a lungo”.

Nel modo in cui parliamo di sostenibilità oggi, il concetto di continuare a lungo a volte può essere perso. Spesso pensiamo di fare scelte sostenibili come l’utilizzo del giusto tipo di materiali o la riduzione di ciò che usiamo e sprechiamo. Entrambi possono essere sostenibili, purché possano essere continuati a lungo termine.

Quindi ora che abbiamo chiarito la parola “sostenibilità”, quali sono i suoi tre pilastri?

Tre pilastri della sostenibilità

La teoria dei “tre pilastri della sostenibilità” è un metodo che possiamo usare per capire come possiamo creare una società sostenibile.

Si basa sull’idea che ogni dato progetto può essere sostenibile solo se ciascuno dei seguenti criteri è soddisfatto e lavora insieme:(2)

  • Sostenibilità sociale
  • Sostenibilità economica
  • Sostenibilità ambientale

La teoria è spesso presentata come un diagramma di Venn, in cui ogni pilastro si interseca con la sostenibilità complessiva proprio al centro. Ciò significa che la sostenibilità complessiva può essere veramente raggiunta solo quando tutti e tre i pilastri sono in atto.

tre pilastri della sostenibilità

Allo stesso modo, se uno dei pilastri si sgretola, l’obiettivo della sostenibilità complessiva diventa impossibile. La teoria sostiene che se un dato progetto è socialmente e ambientalmente sostenibile, ma non economicamente, allora non può essere definito come pienamente sostenibile.

Lo stesso vale se manca uno degli altri due pilastri.

I governi, le imprese e persino gli individui possono utilizzare il modello dei tre pilastri per aiutarli a determinare se il loro piano è sostenibile.

Chi ha ideato i tre pilastri della sostenibilità?

Curiosamente, nessuno sa davvero chi per primo ha inventato la teoria dei tre pilastri.

Sembra che si sia riunito organicamente dal pensiero accademico degli anni ’80 e ’90. Mentre molti accademici fanno uso del modello, nessuno può dire in modo definitivo dove ha avuto origine per la prima volta.

Nonostante le sue origini poco chiare, tuttavia, il modello è così noto che dal 2001 è stato considerato la “visione comune” dello sviluppo sostenibile. (2)

Vale la pena notare che mentre la maggior parte degli studiosi concorda su quali dovrebbero essere i tre pilastri, alcuni hanno idee diverse. Alcuni hanno detto che ci dovrebbero essere pilastri aggiuntivi come la sostenibilità culturale, istituzionale o tecnica. (2)

Tuttavia, la versione più ampiamente accettata dei tre pilastri sembra includere solo i tre pilastri originali: sociale, economico e ambientale.

Quindi, diamo un’occhiata più da vicino a cosa significano ciascuno di questi. Per semplificare, useremo un esempio di vita reale: noi! Ogni volta che lanciamo un nuovo prodotto, dobbiamo assicurarci che sia sostenibile. Quindi prendiamo l’esempio di uno dei nostri recenti lanci: il nostro
tè cerimoniale Grade Matcha
.

 

matcha cerimoniale biologico

Cos’è la sostenibilità sociale?

Il primo dei tre pilastri è la “sostenibilità sociale”. In questo contesto, sostenibilità sociale significa essenzialmente “benessere”.

Secondo le Nazioni Unite, se un’azienda vuole essere socialmente sostenibile, deve identificare e gestire l’effetto che ha sulle persone.

Secondo il sito web del Global Compact delle Nazioni Unite, “direttamente o indirettamente, le aziende influenzano ciò che accade ai dipendenti, ai lavoratori della catena del valore, ai clienti e alle comunità locali, ed è importante gestire gli impatti in modo proattivo”. (3)

Ciò significa che, come azienda, dobbiamo assicurarci di fare affari in modo da garantire il benessere delle persone dentro e intorno a noi. Se abbiamo qualche effetto negativo sulle persone, è nostra responsabilità gestirlo o mitigarlo.

Come possiamo assicurarci di essere socialmente sostenibili?

Per fare l’esempio del nostro matcha, essere socialmente sostenibili significa che dovevamo assicurarci di approvvigionarci in modo responsabile.

Il matcha di grado cerimoniale può essere coltivato solo in Giappone, quindi abbiamo deciso di cercare piccoli agricoltori indipendenti. Come “piccolo ragazzo” noi stessi, è davvero importante celebrare e sostenere altre piccole imprese e lavorare con persone che amano davvero il loro mestiere. Questo è esattamente il modo in cui abbiamo trovato il nostro fornitore di matcha.

La loro fattoria si trova appena fuori Kyoto, in Giappone, e il loro matcha viene coltivato con metodi tradizionali. Abbiamo riconosciuto uno spirito affine e abbiamo subito voluto lavorare con loro.

Per molti anni, le grandi aziende hanno spostato l’equilibrio di potere lontano dai piccoli produttori, spesso pagando loro quantità scandalosamente piccole per i loro prodotti. (In effetti, questo è il motivo per cui è iniziato il movimento Fairtrade).

Quindi, ci assicuriamo di pagare un prezzo equo per il nostro matcha. Ciò significa che l’azienda agricola può continuare a produrre matcha per noi con la stessa brillante qualità a lungo termine.

Ma non è solo dei nostri fornitori che dobbiamo prenderci cura di noi. Dobbiamo assicurarci che il nostro impatto sia positivo quando si tratta dei nostri clienti, di coloro che vivono e lavorano vicino alle nostre strutture di stoccaggio, dei nostri partner della catena di approvvigionamento e di chiunque entri in contatto con la nostra attività.

Ci assicuriamo inoltre che i nostri dipendenti siano felici fornendo ottime condizioni di lavoro – e molte chicche Erbology gratuite!

Quindi, che ne dici del prossimo pilastro?

Letture correlate

 

matcha sostenibile

"Non siamo solo i nostri fornitori che dobbiamo prenderci cura di noi. Dobbiamo assicurarci che il nostro impatto sia positivo quando si tratta dei nostri clienti, di coloro che vivono e lavorano vicino alle nostre strutture di stoccaggio, dei nostri partner della catena di approvvigionamento e di chiunque entri in contatto con la nostra attività".

Cos’è la sostenibilità economica?

Spesso, sembra che la forza inarrestabile della crescita economica possa essere in contrasto con la sostenibilità.

Tuttavia, sostenibilità economica in questo senso significa semplicemente: l’impresa o il progetto è fattibile? Può prendere le risorse che ha e trasformarle in profitto?

Questo ha molto senso, dato che se il progetto esaurisce i soldi necessari per farlo andare avanti, allora si ferma. Se si tratta di un business, fallisce. Quindi, è abbastanza chiaro che se un progetto non è economicamente sostenibile, non è sostenibile in alcun senso.

Come possiamo assicurarci di essere economicamente sostenibili?

In un certo senso, questo è abbastanza semplice per noi, dato che siamo un’azienda privata! Per essere economicamente sostenibili, dobbiamo assicurarci di fare abbastanza soldi dai nostri prodotti per assicurarci di poter pagare i nostri dipendenti, mantenere i nostri prodotti in magazzino e assicurarci che la nostra catena di approvvigionamento funzioni senza intoppi.

In sostanza, tutte le aziende si sforzano di essere economicamente sostenibili.

Per tornare al nostro esempio precedente, ciò significa che quando si considera se immagazzinare la polvere di matcha dobbiamo pensare se possiamo trarre profitto dal prodotto pur acquistandolo a un prezzo equo.

In un senso più ampio, dobbiamo assicurarci che sarà un’aggiunta preziosa alla nostra gamma di prodotti e aiuterà l’azienda a crescere.

Come azienda giovane, è importante assicurarsi di continuare a crescere, non solo per poter coprire le nostre spese generali, ma anche per poter continuare a innovare ed espandere la nostra gamma!

Quindi, questi sono due pilastri spuntati; che ne dici del terzo?

Cos’è la sostenibilità ambientale?

Il pilastro ambientale è probabilmente quello a cui pensiamo per primo quando sentiamo il termine “sostenibilità”.

Significa che l’azienda, il progetto o l’istituzione garantisce che le sue attività consumino le risorse ambientali in modo responsabile. Questi includono energia, acqua, materiali e combustibili fossili, tra molti altri.

L’obiettivo è quello di assicurarci di consumare le risorse naturali a un ritmo che possiamo mantenere, dando loro il tempo di rigenerarsi.

Questo è esattamente ciò che non è accaduto nel secolo scorso, quando abbiamo consumato combustibili fossili a un ritmo molto, molto più veloce di quanto possano essere rigenerati.

Alla fine, in un futuro non troppo lontano, li esauriremo. Ma anche prima che ciò accada, avremo causato un’enorme quantità di danni al pianeta come conseguenza del loro utilizzo. Ciò include la causa di emissioni di carbonio che aumentano la temperatura della nostra atmosfera e l’emissione di pericolosi livelli di inquinamento che danneggiano la nostra salute.

Ecco perché aziende, governi e istituzioni di tutto il mondo stanno ora collaborando per trovare modi per porre molta più attenzione sulla sostenibilità ambientale. Alcuni dei modi in cui possono farlo è ridurre gli sprechi, passare alle energie rinnovabili e cambiare le loro pratiche commerciali se queste hanno un impatto ambientale negativo.

 

latte matcha

Come possiamo assicurarci di essere sostenibili dal punto di vista ambientale?

La sostenibilità ambientale è un principio chiave della nostra azienda sin dal giorno della sua fondazione. È un requisito che applichiamo a ogni fase della nostra attività.

Ad esempio, insistiamo nell’utilizzare solo fornitori biologici non solo perché pensiamo che sia meglio per la nostra salute, ma anche perché i metodi di agricoltura biologica sono molto meno distruttivi per l’ambiente. Le aziende agricole biologiche non utilizzano pesticidi nocivi che possono disturbare l’ecosistema locale.

Sono anche legalmente vietati dall’uso di ormoni sintetici o modificazioni genetiche, entrambi i quali possono avere conseguenze indesiderate per la fauna selvatica all’interno e intorno alla fattoria.

Produciamo i nostri prodotti in piccoli lotti. Ancora una volta, questo ha molteplici vantaggi; da un lato, significa che i nostri prodotti sono realizzati con cura e attenzione. Dall’altro, significa che possiamo ridurre notevolmente gli sprechi.

Significa anche che possiamo pianificare attentamente la nostra catena di approvvigionamento e il trasporto dei prodotti per mantenere la nostra impronta di carbonio il più bassa possibile.

Successivamente, progettiamo attentamente il nostro imballaggio per essere sia ecologico che proteggere il prodotto all’interno.

Torniamo al nostro matcha. Per questo prodotto, abbiamo scelto un barattolo di vetro ambrato riciclabile con un coperchio di plastica nera. Il vetro ambrato protegge il matcha dalla degradazione da parte della luce e significa che tutti i componenti del barattolo sono completamente riciclabili.

Tutto ciò significa che possiamo gestire la nostra attività a lungo termine, senza danneggiare l’ambiente.

 

matcha farm kyoto

I nostri obiettivi più ambiziosi

Quando abbiamo creato Erbology, non lo stavamo facendo solo per creare favolosi cibi sani (anche se questa era certamente una parte importante di esso!).

Lo abbiamo fatto perché volevamo che il lavoro della nostra vita avesse un impatto positivo sul mondo.

Siamo ancora un’azienda giovane, ma abbiamo molta ambizione quando si tratta di avere un impatto positivo.

Per cominciare, stiamo lavorando con le università per condurre ricerche tanto necessarie sui benefici per la salute di piante potenti, come la nostra gamma di adattogeni.

Stiamo anche lavorando per rendere compostabile il nostro packaging snack, grazie ai progressi tecnologici che ci permettono di farlo pur proteggendo il prodotto all’interno.

Infine, siamo un’orgogliosa cheerleader di piccole imprese sostenibili in tutto il mondo. Collaboriamo regolarmente con favolosi marchi etici indipendenti, perché sappiamo che una vittoria per un business sostenibile è una vittoria per tutti noi.

Per saperne di più sui tre pilastri della sostenibilità

Se desideri saperne di più sui tre pilastri, potresti essere interessato a un corso online che puoi seguire su FutureLearn, in collaborazione con l’Università di Nottingham.

Il corso stesso si chiama “Sostenibilità, società e te” e ha una sezione dedicata ai tre pilastri.

Vai su
FutureLearn
per maggiori dettagli.

Letture correlate

Sign up to Erbology updates and get a surprise.

By subscribing you agree to our Terms and Privacy Policy.

Invite & Earn

X
Signup to start sharing your link
Signup