fbpx
Erbology
Quali sono i tre pilastri della sostenibilità?

Quali sono i tre pilastri della sostenibilità?

Team ErbologyErbology

Con il cambiamento climatico una questione sempre più urgente, molti di noi sono alla ricerca di modi per vivere in modo più sostenibile. Parte di questo è sapere cosa chiedere ai nostri governi e alle aziende da cui acquistiamo. Una famosa teoria, i tre pilastri della sostenibilità, può aiutarci a capire cosa serve per essere sostenibili. Vedremo anche come applichiamo i pilastri di Erbology.

June 17, 2022 3:49 pm

Cosa significa “sostenibilità”?

Mentre potresti pensare che il significato della parola “sostenibilità” sia piuttosto ovvio, vale la pena chiarire in quanto può significare cose diverse in contesti diversi.

La prima definizione di “sostenibilità” nel dizionario Cambridge si riferisce alla “qualità di poter continuare a lungo”. (1)

Gli economisti, ad esempio, potrebbero usare il termine “crescita sostenibile” per descrivere la crescita costante e continua della ricchezza.

Tuttavia, molti di noi associano la sostenibilità all’ambiente. Negli ultimi anni, la “sostenibilità” è diventata una scorciatoia per qualsiasi sforzo per proteggere l’ambiente naturale.

Al giorno d’oggi, ci aspettiamo che le aziende siano sostenibili e che i governi sostengano pratiche sostenibili, il che significa che non intraprendono azioni che danneggiano l’ambiente.

In effetti questa è la seconda definizione del dizionario Cambridge: “la qualità di causare poco o nessun danno all’ambiente e quindi di poter continuare a lungo”.

Nel modo in cui parliamo di sostenibilità oggi, il concetto di continuare a lungo a volte può essere perso. Spesso pensiamo di fare scelte sostenibili come l’utilizzo del giusto tipo di materiali o la riduzione di ciò che usiamo e sprechiamo. Entrambi possono essere sostenibili, purché possano essere continuati a lungo termine.

Quindi ora che abbiamo chiarito la parola “sostenibilità”, quali sono i suoi tre pilastri?

Tre pilastri della sostenibilità

La teoria dei “tre pilastri della sostenibilità” è un metodo che possiamo usare per capire come possiamo creare una società sostenibile.

Si basa sull’idea che ogni dato progetto può essere sostenibile solo se ciascuno dei seguenti criteri è soddisfatto e lavora insieme:(2)

  • Sostenibilità sociale
  • Sostenibilità economica
  • Sostenibilità ambientale

La teoria è spesso presentata come un diagramma di Venn, in cui ogni pilastro si interseca con la sostenibilità complessiva proprio al centro. Ciò significa che la sostenibilità complessiva può essere veramente raggiunta solo quando tutti e tre i pilastri sono in atto.

tre pilastri della sostenibilità

Allo stesso modo, se uno dei pilastri si sgretola, l’obiettivo della sostenibilità complessiva diventa impossibile. La teoria sostiene che se un dato progetto è socialmente e ambientalmente sostenibile, ma non economicamente, allora non può essere definito come pienamente sostenibile.

Lo stesso vale se manca uno degli altri due pilastri.

I governi, le imprese e persino gli individui possono utilizzare il modello dei tre pilastri per aiutarli a determinare se il loro piano è sostenibile.

Chi ha ideato i tre pilastri della sostenibilità?

Curiosamente, nessuno sa davvero chi per primo ha inventato la teoria dei tre pilastri.

Sembra che si sia riunito organicamente dal pensiero accademico degli anni ’80 e ’90. Mentre molti accademici fanno uso del modello, nessuno può dire in modo definitivo dove ha avuto origine per la prima volta.

Nonostante le sue origini poco chiare, tuttavia, il modello è così noto che dal 2001 è stato considerato la “visione comune” dello sviluppo sostenibile. (2)

Vale la pena notare che mentre la maggior parte degli studiosi concorda su quali dovrebbero essere i tre pilastri, alcuni hanno idee diverse. Alcuni hanno detto che ci dovrebbero essere pilastri aggiuntivi come la sostenibilità culturale, istituzionale o tecnica. (2)

Tuttavia, la versione più ampiamente accettata dei tre pilastri sembra includere solo i tre pilastri originali: sociale, economico e ambientale.

Quindi, diamo un’occhiata più da vicino a cosa significano ciascuno di questi. Per semplificare, useremo un esempio di vita reale: noi! Ogni volta che lanciamo un nuovo prodotto, dobbiamo assicurarci che sia sostenibile. Quindi prendiamo l’esempio di uno dei nostri recenti lanci: il nostro
tè cerimoniale Grade Matcha
.

 

matcha cerimoniale biologico

Cos’è la sostenibilità sociale?

Il primo dei tre pilastri è la “sostenibilità sociale”. In questo contesto, sostenibilità sociale significa essenzialmente “benessere”.

Secondo le Nazioni Unite, se un’azienda vuole essere socialmente sostenibile, deve identificare e gestire l’effetto che ha sulle persone.

Secondo il sito web del Global Compact delle Nazioni Unite, “direttamente o indirettamente, le aziende influenzano ciò che accade ai dipendenti, ai lavoratori della catena del valore, ai clienti e alle comunità locali, ed è importante gestire gli impatti in modo proattivo”. (3)

Ciò significa che, come azienda, dobbiamo assicurarci di fare affari in modo da garantire il benessere delle persone dentro e intorno a noi. Se abbiamo qualche effetto negativo sulle persone, è nostra responsabilità gestirlo o mitigarlo.

Come possiamo assicurarci di essere socialmente sostenibili?

Per fare l’esempio del nostro matcha, essere socialmente sostenibili significa che dovevamo assicurarci di approvvigionarci in modo responsabile.

Il matcha di grado cerimoniale può essere coltivato solo in Giappone, quindi abbiamo deciso di cercare piccoli agricoltori indipendenti. Come “piccolo ragazzo” noi stessi, è davvero importante celebrare e sostenere altre piccole imprese e lavorare con persone che amano davvero il loro mestiere. Questo è esattamente il modo in cui abbiamo trovato il nostro fornitore di matcha.

La loro fattoria si trova appena fuori Kyoto, in Giappone, e il loro matcha viene coltivato con metodi tradizionali. Abbiamo riconosciuto uno spirito affine e abbiamo subito voluto lavorare con loro.

Per molti anni, le grandi aziende hanno spostato l’equilibrio di potere lontano dai piccoli produttori, spesso pagando loro quantità scandalosamente piccole per i loro prodotti. (In effetti, questo è il motivo per cui è iniziato il movimento Fairtrade).

Quindi, ci assicuriamo di pagare un prezzo equo per il nostro matcha. Ciò significa che l’azienda agricola può continuare a produrre matcha per noi con la stessa brillante qualità a lungo termine.

Ma non è solo dei nostri fornitori che dobbiamo prenderci cura di noi. Dobbiamo assicurarci che il nostro impatto sia positivo quando si tratta dei nostri clienti, di coloro che vivono e lavorano vicino alle nostre strutture di stoccaggio, dei nostri partner della catena di approvvigionamento e di chiunque entri in contatto con la nostra attività.

Ci assicuriamo inoltre che i nostri dipendenti siano felici fornendo ottime condizioni di lavoro – e molte chicche Erbology gratuite!

Quindi, che ne dici del prossimo pilastro?

Letture correlate