Erbology
Cos'è l'immunità?

Cos'è l'immunità?

Team ErbologyErbology

Sappiamo tutti quanto sia importante mantenerlo funzionante bene, ma come funziona il sistema immunitario? E cos'è l'immunità?

March 23, 2020 11:59 am

Il nostro mondo naturale è incredibilmente complesso e bello. Dalla flora delle nostre foreste pluviali e dei boschi, alla fauna delle nostre campagne e deserti, il solo pensiero di tutta questa complessità ci riempie di meraviglia.

Tuttavia, gran parte del mondo naturale che amiamo non esisterebbe, se non fosse per una moltitudine di minuscoli microrganismi. Da batteri e funghi a protozoi e virus, questi microbi possono essere troppo piccoli per essere visti ad occhio nudo, ma il loro impatto sul nostro mondo è enorme.

Mentre molti di loro sono benefici per noi umani, ci sono anche molti tipi di microrganismi che possono effettivamente farci del male. Questi sono chiamati agenti patogeni e causano malattie negli esseri umani.

Come difesa contro questi piccoli invasori, nel corso dei millenni abbiamo sviluppato il sistema immunitario. Agendo sia come mura del castello che come esercito difensivo all’interno, il sistema immunitario rileva e cerca di eliminare gli organismi che ci farebbero del male.

Ma come fa esattamente a raggiungere questo obiettivo? Per rispondere a questo, diamo un’occhiata più da vicino a quali parti del corpo compongono il sistema immunitario.

Qual è il sistema immunitario?

Il sistema immunitario è un gruppo di organi, cellule e altre proteine che protegge u dai danni da agenti patogeni. Un agente patogeno è un germe che causa malattie come funghi, batteri, virus e parassiti.

Per essere in grado di causare malattie, gli agenti patogeni devono prima superare i nostri difensori di prima linea. Questi includono la nostra pelle, così come le mucose che rivestono gli ingressi nel corpo (come il naso e la bocca). Starnuti e tosse ci liberano di alcuni agenti patogeni espellendoli prima che entrino nel nostro sistema. Nel frattempo, gli agenti patogeni che entrano nel corpo sul nostro cibo vengono affrontati dall’acido dello stomaco, impedendo loro di entrare nell’intestino dove potrebbero causare danni.

Tuttavia, alcuni degli agenti patogeni più testardi entrano nei nostri corpi. Il sistema immunitario lavora anche per neutralizzare questi organismi, impedendo loro di farci del male.

“Io, o non io? Questa è la domanda».

Mentre il sistema immunitario è spesso preoccupato di identificare e distruggere gli invasori fastidiosi, può anche aiutare ad affrontare le minacce dall’interno,

Un esempio di questo sono le cellule cancerose. Queste cellule anormali sono potenzialmente molto dannose, quindi anche il sistema immunitario svolge un ruolo nel eliminarle. (1) Pulisce anche eventuali cellule morte o difettose nel nostro sistema.

Per essere in grado di farlo, è essenziale che il sistema immunitario sia in grado di riconoscere quali cellule sane appartengono a te e quali sono invasori o cellule pericolosamente anormali. Il più delle volte, il tuo sistema immunitario è eccezionalmente bravo in questo. Tuttavia, a volte commette errori. Non è sempre in grado di rilevare le cellule cancerose, per esempio. o può lavorare contro le cellule sane del corpo.

Quando il tuo sistema immunitario attacca le tue cellule sane, questa è chiamata risposta autoimmune. Le persone che soffrono di una malattia autoimmune affrontano molti problemi di salute molto impegnativi.

 

supporto immunitario

Il sistema immunitario innato e adattativo

Il sistema immunitario stesso è composto da organi, cellule, tessuti e proteine. Lavorano insieme in modi intricati.

Tuttavia, gli scienziati parlano spesso di due diversi tipi di immunità.

Il primo è il sistema immunitario innato, o sistema immunitario “non specifico”. Quando si tratta di agenti patogeni, il sistema immunitario innato non è affatto esigente. Combatte ogni nuovo invasore che sembra sospetto, utilizzando principalmente globuli bianchi specializzati. Queste sono chiamate cellule natural killer – che, come suggerisce il nome, distruggono gli invasori – e fagociti, che inghiottono e abbattono gli agenti patogeni.

D’altra parte, il sistema immunitario adattativo prende di mira i germi con cui il corpo ha già familiarità. Produce anticorpi, che sono minuscole molecole che si attaccano a un “antigene”, una sporgenza all’esterno di un agente patogeno. (È interessante notare che “antigene” è in realtà l’abbreviazione di “generatore di anticorpi”. (2))

Ogni set di anticorpi è specifico per una sola minaccia, ma una volta che ti sei ripreso da una malattia alcuni anticorpi rimangono nel tuo sistema. Ciò significa che, se l’agente patogeno dovesse mai apparire di nuovo, il corpo può avviare una risposta immunitaria efficace molto rapidamente.

Immunità prima dell’inizio della vita

Qualsiasi genitore saprà che i bambini sono inclini a raccogliere insetti. A quanto pare, c’è una ragione per questo.

Il sistema immunitario adattivo impara nel tempo. Quindi, mentre un adulto può essere entrato in contatto con molti agenti patogeni diversi e aver già sollevato una risposta immunitaria contro di loro, i bambini non saranno stati esposti allo stesso grado.

Ogni volta che incontrano un nuovo insetto, i loro corpi devono aumentare una risposta immunitaria per combatterlo. Più tardi, man mano che acquisiscono più anticorpi, sembreranno raccogliere meno insetti. Questo perché il corpo può combattere i germi prima che il bambino mostri qualsiasi sintomo.

Ma se ci vuole un po ‘di tempo per acquisire l’immunità, ciò non lascerebbe i bambini molto vulnerabili a qualsiasi agente patogeno che si presenta?

Fortunatamente, le madri possono trasmettere l’immunità temporanea ai neonati per vederli attraverso il loro periodo più vulnerabile. Ciò accade quando la madre trasmette i suoi anticorpi attraverso il latte materno o mentre il bambino è ancora nel grembo materno. Alla fine, il bambino inizierà a costruire il proprio sistema immunitario attraverso l’esposizione a patogeni nel mondo esterno.

"Più comprendiamo il funzionamento del sistema immunitario, più intuizione avremo sul vero benessere - fisico, emotivo e spirituale."

Soldati e organi del sistema immunitario…

In prima linea nell’esercito molto efficiente che chiamiamo sistema immunitario ci sono piccoli globuli bianchi, o leucociti.

Tutti i leucociti fanno parte del sistema immunitario adattativo e innato e sono fatti nel midollo osseo. I leucociti includono i fagociti (le cellule “inghiottenti” che abbiamo menzionato sopra) che sono principalmente coinvolti nel sistema immunitario innato.

L’altro tipo principale di globuli bianchi sono chiamati linfociti. Questi svolgono un ruolo principale nel sistema immunitario adattativo.

I linfociti aiutano nell’identificazione di agenti patogeni che sono precedentemente entrati nel corpo. Ci sono due tipi, chiamati linfociti B e linfociti T. Ognuno di questi ha funzioni distinte.

Parlando in modo molto ampio, i linfociti B etichettano le cellule estranee per la distruzione segnalandole con anticorpi, mentre i linfociti T fanno la distruzione. Attivano e modulano anche altre cellule del sistema immunitario.

I globuli bianchi in seguito vanno a vivere negli organi linfoidi. Gli organi linfoidi sono le tonsille e le adenoidi; linfonodi; vasi linfatici; timo; milza; Patch di Peyer; e appendice così come il midollo osseo. Finiscono distribuiti in tutto il corpo.

I linfociti viaggiano verso i vari organi attraverso i vasi linfatici che corrono lungo le arterie e i vasi sanguigni. Esiste una forte partnership tra questi sistemi di vasi, che consente loro di passare facilmente cellule e fluidi avanti e indietro. Il sistema linfatico produce anche linfa, un fluido chiaro che purifica il tessuto umano.

E l’infiammazione?

Il sistema immunitario è strettamente legato all’infiammazione, ma cos’è l’infiammazione e come si verifica?

All’interno del corpo, l’infiammazione è legata al “sistema del complemento”. Questa è un’altra parte vitale del tuo sistema immunitario composta da 25 proteine speciali, così chiamate perché “completano” l’azione degli anticorpi. Il sistema del complemento libera il corpo dagli agenti patogeni che sono diventati coperti di anticorpi.

Tuttavia, in questo modo le proteine ingrandiscono i vasi sanguigni, il che può causare i sintomi dell’infiammazione. Questi non sono cambiati da quando lo scrittore medico romano Aulo Cornelio Celso scrisse su di loro nel 1 d.C., descrivendo i segni come arrossamento (rubor in latino); calore (calor); gonfiore (tumore) e dolore (dolor).

 

potenziamento dell'immunità

Saggezza contemporanea sul sistema immunitario

C’è ancora molto sul funzionamento del sistema immunitario che non capiamo. La ricerca scientifica moderna continua ad approfondire la nostra anatomia per rispondere a queste domande vitali.

Gli scienziati hanno fatto alcune scoperte affascinanti negli ultimi anni. Vorremmo condividere alcuni dei lead più interessanti con te, qui.

Mappatura del sistema immunitario

Ricercatori di diverse istituzioni e università si sono riuniti per creare un primo “atlante” cellulare della ghiandola del timo. Il timo è uno dei principali organi linfoidi.

L’atlante consente agli scienziati di monitorare come si sviluppa un timo sano negli esseri umani. Il timo è più attivo durante l’infanzia; quando raggiungi l’età di 35 anni, il suo lavoro è in gran parte finito. Quindi, se non abbiamo bisogno del timo per tutta la vita, perché è così importante mapparlo?

Il timo produce i globuli bianchi T precedentemente menzionati, vitali nella lotta contro batteri e infezioni e anche nell’uccisione delle cellule tumorali. Comprendere la durata della vita del timo significa anche che otteniamo informazioni su come possiamo combattere il cancro.

Nelle parole del professor Muzlifah Haniffa del Wellcome Sanger Institute, un partecipante al progetto: “Questo è davvero eccitante in quanto in futuro, questo atlante potrebbe essere usato come mappa di riferimento per ingegnerizzare le cellule T al di fuori del corpo con esattamente le giuste proprietà per attaccare e uccidere un cancro specifico – creando trattamenti su misura per i tumori”. (3)

L’atlante del timo è una ricerca affascinante ed eccitante che potrebbe avere enormi implicazioni per rafforzare il sistema immunitario dei pazienti vulnerabili.

Come il corpo innesca l’infiammazione

Come accennato in precedenza, il sistema immunitario innesca l’infiammazione come una risposta sana e normale alle infezioni. Tuttavia, a volte l’infiammazione si verifica quando non c’è infezione. Questo tipo di infiammazione può aumentare rapidamente e mettere a repentaglio il tessuto sano.

Questo è esattamente ciò che accade nelle malattie infiammatorie come il morbo di Alzheimer e il diabete.

Possiamo capire di più su come il sistema immunitario innesca l’infiammazione e su come mantiene l’infiammazione sotto controllo? Questa è la chiave per un trattamento più efficace di queste e altre malattie infiammatorie.

I ricercatori dell’Institute of Cancer Research di Londra hanno scoperto come “spegnere” strutture cellulari speciali chiamate inflammasoma. Tra le altre cose, gli inflammasomi innescano la pirotopsi, un processo in cui le cellule si espandono, esplodono e poi muoiono. Questo a sua volta avvisa le altre cellule di procedere con l’infiammazione.

I ricercatori ora sanno come migliorare un gruppo di proteine chiamate proteine SUMO, che aiutano a tenere sotto controllo gli inflammasomi. Questo potrebbe essere un passo importante verso un migliore trattamento delle malattie infiammatorie. (4)

 

immunità allo stress

Stress e immunità

Sappiamo da tempo che esiste un forte legame tra stress e salute fisica. Ma abbiamo ancora molto da imparare su come il sistema immunitario interpreta lo stress.

La ricerca condotta da Steven Maier presso l’Università del Colorado riempie alcuni degli spazi vuoti. Maier ha scoperto che il sistema immunitario reagisce allo stress nello stesso modo in cui reagisce alle infezioni. In altre parole: lo stress è un’infezione!

Quando i nostri corpi incontrano un’infezione o una lesione, il cervello rilascia una risposta immunitaria non specifica. Questa risposta sfrutta le nostre risorse e accumula energia per combattere la minaccia. Include risposte sia fisiche che comportamentali, nessuna delle quali è particolarmente piacevole, purtroppo.

In genere, puoi aspettarti che l’appetito, la sete e il desiderio sessuale diminuiscano. Nel frattempo, il metabolismo cambia e la febbre e l’ansia possono essere innescate. Vengono rilasciati anche ormoni dello stress.

Maier ha anche scoperto che è il sistema immunitario che avvisa il cervello quand