Erbology
Salute dell'intestino e sistema immunitario: qual è il legame?

Salute dell'intestino e sistema immunitario: qual è il legame?

Team ErbologyErbology

Il legame tra la salute dell'intestino e il sistema immunitario è ancora in fase di esplorazione, ma sembra che il nostro intestino agisca come la prima linea di difesa contro i germi.

April 20, 2020 7:00 am

“L’ultimo organo umano sconosciuto”

Potresti essere perdonato per aver pensato che l’intestino è semplicemente il luogo in cui digeriamo il cibo che mangiamo. Dopo tutto, questa è la sua funzione principale; assorbendo i nutrienti dalla nostra dieta in modo che possano essere utilizzati nei processi vitali in tutto il nostro corpo.

È solo di recente che il mondo scientifico ha iniziato a capire quanto siano più complicate le cose nelle nostre viscere.

Un improvviso nuovo interesse per la salute dell’intestino nel mondo del benessere è scaturito da una nuova ricerca incentrata sul microbioma intestinale. Questa è la popolazione di batteri che vivono nel tuo intestino. Alcuni sono utili, altri meno, ma tutti esistono in un delicato equilibrio che è unico per noi come la nostra impronta digitale.

Le possibilità sono così vaste che gli scienziati hanno definito l’intestino “l’ultimo organo umano sconosciuto”. Ci sono prove che i processi all’interno di questo affascinante sistema possono avere collegamenti con la nostra salute mentale, il benessere generale e persino il nostro sistema immunitario.

Quindi, cosa sappiamo degli avvenimenti nel nostro intestino e in che modo è correlato alla protezione dai germi?

Il microbioma intestinale e il sistema immunitario

Il tuo sistema immunitario è un insieme di organi e cellule coinvolti nella protezione da agenti patogeni (microbi pericolosi come batteri e virus).

Quando parliamo di sistema immunitario, spesso pensiamo al midollo osseo e ai globuli bianchi. Ma, attraverso queste cellule e altre, il tuo sistema immunitario è essenzialmente presente ovunque nel tuo corpo.

Detto questo, ci sono alcuni luoghi in cui si concentrano le difese immunitarie. Sembra che l’intestino sia uno dei siti più importanti per l’immunità.

In effetti, questo ha molto senso se si considera che l’intestino è dove i germi che sono entrati nel sistema digestivo attraverso il cibo hanno la possibilità di saltare nel tuo corpo.

Lì, possono devastare, causando danni alle cellule e malattie. Quindi, è di vitale importanza che il tuo intestino possa fornire una solida linea di difesa contro i visitatori indesiderati.

Parte di questa difesa è intrapresa dal microbioma intestinale.

Cos’è il microbioma intestinale e da dove viene?

Iniziamo a sviluppare una popolazione di diversi tipi di batteri nel nostro intestino dalla nascita. I batteri che vivono nel nostro intestino sono collettivamente chiamati microbioma intestinale.

Si pensa che il nostro tratto digestivo sia sterile mentre siamo nel grembo materno. Tuttavia, il nostro passaggio attraverso il canale del parto ci espone al primo dei batteri che alla fine formeranno il nostro microbioma.

Viene quindi rabboccato attraverso il latte materno, che contiene più microbi vivi che contribuiscono alla popolazione. (4)

Più avanti nella vita, possiamo in qualche modo influenzare i tipi di batteri nel nostro intestino attraverso la nostra dieta. Questo può essere sia positivo che negativo.

Ad esempio, una dieta ricca di grassi può ridurre la presenza di due tipi di batteri, A. muciniphila e Lactobacillus. Entrambi sono associati a una buona salute. (5)

La dieta occidentale, che di solito è piuttosto troppo ricca di grassi e troppo povera di fibre, è associata a una minore diversità nel microbioma. Ciò include un numero inferiore di batteri benefici Bifidobacterium ed Eubacterium . (5)

D’altra parte, le persone che seguono una dieta sana e in stile mediterraneo mostrano una salute migliorata. Questo può essere visto in termini di obesità e infiammazione, per esempio.

I ricercatori pensano che questo possa essere collegato a livelli più elevati di Lactobacillus, Bifidobacterium e Prevotella, ottenuti attraverso la dieta e livelli più bassi di batteri Clostridium . (5)

 

salute dell'intestino sistema immunitario

Distinguere tra batteri utili e nocivi

Una delle cose più importanti che il nostro sistema immunitario deve fare è dire quali batteri, o altri agenti patogeni, possono farci del male.

Ciò diventa piuttosto complicato se consideriamo che, nell’intestino, hai i batteri utili del microbioma insieme a batteri potenzialmente dannosi provenienti dal tuo cibo. Quindi, il sistema immunitario e l’intestino devono lavorare insieme per identificare quali batteri dovrebbero essere lì e quali no.

Il tuo sistema immunitario impara a riconoscere i batteri commensali (cioè i batteri del microbioma) come “sé”. Altri batteri sono riconosciuti come “altri” e possono provocare una risposta immunitaria.

Lo fa attraverso il funzionamento di proteine speciali chiamate “recettori toll-like”. Questi recettori agiscono come piccole guardie nell’intestino. Imparano a riconoscere i batteri familiari e permettono loro di portare avanti la loro attività. Nel frattempo, avvisano il sistema immunitario di eventuali batteri estranei che tentano di superare le loro difese. (2)

Cosa succede quando interrompiamo il microbioma?

Quando qualcosa non va bene nell’intestino, ha conseguenze in tutto il resto del corpo.

Gli scienziati hanno suggerito che la disfunzione nell’intestino può renderci più vulnerabili alle infezioni. Può anche produrre risposte ipersensibili (come le allergie). Ciò si verifica quando il sistema immunitario interpreta erroneamente gli stimoli benigni come dannosi per i nostri corpi e gli attacchi. (2)

Ci sono anche altre conseguenze più gravi per la cattiva salute dell’intestino. Questi includono una maggiore suscettibilità al cancro e un aumento delle risposte autoimmuni. Quest’ultimo è un altro tipo di reazione ipersensibile che induce il corpo ad attaccare erroneamente se stesso.

Inoltre, l’infiammazione cronica aumenta. Un modo semplice per capire l’infiammazione è pensare a come il tuo corpo normalmente reagisce a un taglio di carta. La pelle intorno ai pucker tagliati, si gonfia, diventa calda e diventa un po ‘rossa.

Questa è una reazione naturale e curativa al corpo che viene invaso. Ma quando l’infiammazione è sproporzionata, diventa una seria minaccia per la salute. È citato come un fattore in una lunga lista di disturbi, dal diabete all’asma e all’artrite e persino alle malattie mentali. (3)

Letture correlate

"Mentre la ricerca sulle dinamiche incredibilmente complesse del nostro microbioma intestinale continua, c'è almeno un semplice messaggio che possiamo portare via oggi: prenditi cura del tuo microbioma intestinale con una dieta sana".

Il microbioma intestinale può influenzare l’immunità in altre parti del corpo?

Affascinante, sembra che i nostri batteri intestinali possano influenzare ciò che sta accadendo in organi lontani dal nostro sistema digestivo.

Uno studio ha osservato che un’interruzione del microbioma intestinale ha provocato una diminuzione dell’azione delle cellule T e B (tipi specifici di globuli bianchi) che combattono contro l’influenza nel naso. (4)

Nel frattempo, la ricerca sui topi ha scoperto che quando il loro microbioma intestinale era danneggiato, avevano una ridotta capacità di controllare i tumori che crescevano sotto la loro pelle. Un altro studio ha scoperto che ha provocato una diminuzione dei geni associati all’immunità ai virus. (4)

Come ciò accada è un processo che non comprendiamo ancora appieno. Ma potrebbe avere enormi implicazioni per il futuro trattamento della malattia.

Il ruolo dei nutrienti nell’immunità

Affinché il nostro sistema immunitario funzioni in modo efficiente, dobbiamo assicurarci di fornirgli le sostanze di cui ha bisogno per funzionare. Molti di questi vengono utilizzati attraverso la nostra dieta, quindi anche l’intestino ha un ruolo. per giocare qui.

Ad esempio, sappiamo che la vitamina C (che possiamo ottenere attraverso frutta e verdura fresca) svolge un ruolo nell’immunità. Ad esempio, contribuisce alla produzione di globuli bianchi che combattono i germi invasori.

Tuttavia, possiamo anche produrre alcune vitamine da soli.

Ad esempio, gli scienziati ora sanno che il microbioma intestinale svolge un ruolo importante nella sintesi della vitamina B12 essenziale. In altre parole, i batteri – al contrario di animali e piante – hanno gli enzimi necessari per produrre questa vitamina. (1)

Inoltre, gli scienziati ora pensano che fino alla metà del nostro fabbisogno giornaliero di vitamina K possa essere soddisfatto dai nostri batteri intestinali.

Altre ricerche suggeriscono che i batteri intestinali possono anche produrre le vitamine idrosolubili tiamina, folato e riboflavina, anche se possiamo anche ottenerle attraverso la nostra dieta. Abbiamo bisogno di tutti loro per i normali processi cellulari – e mantenere le nostre cellule sane significa che mantengono forti difese contro gli agenti patogeni.

 

Guardando al futuro

Il legame tra salute intestinale e immunità è estremamente eccitante quando si tratta del trattamento della malattia. Ci sono molti nuovi entusiasmanti campi di ricerca da esplorare; ad esempio, potremmo essere in grado di vedere quali tipi di microbiomi intestinali portano a quali tipi di malattie.

Potremmo anche essere in grado di capire meglio come interagiscono i diversi tipi di batteri e come insieme creano un ambiente adatto a difenderci dagli agenti patogeni.

Mentre la ricerca sulle dinamiche incredibilmente complesse del nostro microbioma intestinale continua, c’è almeno un semplice messaggio che possiamo portare via oggi.

Prenditi cura del tuo microbioma con una dieta sana

Mangiare una dieta varia ed equilibrata, piena di cibi integrali, riempie il microbioma intestinale di batteri vari ed equilibrati. Mangiare sano è una buona regola per la vita in generale, ma ora sembra che sia vitale per mantenere un intestino sano. E gli scienziati vedono sempre più un intestino sano come la chiave per una buona salute anche in una vasta gamma di altre aree.

Quindi, fai attenzione a nutrire i tuoi batteri intestinali con cose buone come frutta fresca, verdura e cereali integrali. Potresti anche prendere in considerazione l’aggiunta di alcuni probiotici e prebiotici. Prenditi cura dei tuoi batteri intestinali e puoi essere sicuro che si prenderanno cura di te.

Letture correlate

Sign up to Erbology updates and get a surprise.

By subscribing you agree to our Terms and Privacy Policy.

Invite & Earn

X
Signup to start sharing your link
Signup